Miyazaki candidato agli oscar!

Discussioni su gli autori e gli anime Ghibli e Pre-Ghibli

Moderatore: Coordinatori

Avatar utente
Heimdall
Tanuki
Messaggi: 3448
Iscritto il: sab apr 26, 2003 12:39 pm
Località: Rescaldina (Mi)

Messaggio da Heimdall » mer feb 15, 2006 10:09 am

ismael ha scritto: [...] In quel caso potrebbe essere carino poter inserire tra gli extra altro materiale interessante su miyazaki e magari anche il filmato della premiazione...
Premetto una cosa: secondo me Miyazaki non vincerà l'oscar. Felicissimo di avere torto e di festeggiare con voi tra un mese. ;)
Non vincendo l'oscar, non dovrebbe esserci nessun filmato della premiazione. E poi, se ricordate bene, neppure l'altra volta il sensei si è recato a ritirare di persona la statuetta, dando così il senso del peso che lui attribuisce a questo riconoscimento. Per il resto, mi permetto di riproporti alcune piccole osservazioni che ho scritto qualche settimana fa.
Heimdall ha scritto: [...] Viene davvero da pensare ad un'occasione sprecata: il film in questione è stato presentato in anteprima mondiale in Italia, a Venezia. Sempre qui, nel corso dell'anno passato, e con Howl in uscita nelle sale, è stato assegnato un leone d'oro alla carriera a Miyazaki.

La Lucky Red si è mostrata anni luce avanti alle major cinematografiche, per buona volontà, coraggio, onestà ed intuizione artistica. Quindi, lungi da me l'idea di voler crocifiggere alcuno. Mi permetto però questa piccola critica, che è più che altro un invito a far meglio in futuro e, in fondo, la constatazione di quanto noi italiani finiamo spesso per essere provincialotti dentro.
Avevamo tutte le carte in regola per fare un'edizione speciale coi fiocchi, e finiamo per appiattirci su quella americana. Dico io: va anche bene la visita di Miyazaki alla Pixar che, insomma, alla fine, chisenefrega?
A questo punto perché non metterci un semplicissimo filmato di un quarto d'ora con la premiazione di Miyazaki o con Muller che introduce la prima mondiale? Perché non infilarci il sia pur banale filmato di presentazione proiettato a Venezia? Perché non includere la conferenza stampa italiana del Maestro? Insomma: non potevamo per una volta essere noi a fare scuola? Non poteva essere la nostra l'edizione da acquistare anche in paesi stranieri per i suoi contenuti eccezionali, come noi facciamo con quelle giapponesi, coreane, francesi?

Questa enfasi sulla tappa americana di Miya, alla fine mi ricorda l'abitudine degli statunitensi di appendere i cartelli alle più disparate catapecchie, con la scritta: "Qui ha dormito Lincoln", ché non hanno altre reliquie storiche da mostrare. E noi, col naso all'insù a guardare l'Empire State Building, ci scordiamo il campanile di San Marco.
Immagine

Avatar utente
Heimdall
Tanuki
Messaggi: 3448
Iscritto il: sab apr 26, 2003 12:39 pm
Località: Rescaldina (Mi)

Messaggio da Heimdall » mer feb 15, 2006 10:29 am

Koshien ha scritto:[...]la domanda di mercato che fine farà se Miyazaki cadrà nel dimenticatoio ? Pensi che qualcuno continuerà ad importare la sua animazione ? Perchè, come dici tu stesso, nonostante la sua discreta fama (...anche di Tahakata) mi sembra che Nausicaa, Porco Rosso e Omohide Poroporo non siano disponibili in Italia.
Permettimi...se Miyazaki vincesse dieci Oscar non credo che saremo più costretti a comprare i DVD degli Studi Ghibli in inglese su E-bay o a vedere Nausicaa (i pochi fortunati...) sulla RAI trasmessa a spizicchi e bocconi con pelesi tagli.
Evidentemente su questo argomento la pensiamo definitivamente in maniera diversa.
Credo che sia, come è stato fatto notare, colpa delle pesanti disillusioni che ci hanno colpito in questi anni. Io personalmente seguo Miyazaki da poco più di un lustro, cioè dall'uscita di Mononoke hime in Italia: sono stati anni densi di molti avvenimenti, anni in cui abbiamo avuto la netta sensazione che l'oggetto della nostra passione (Miyazaki o l'animazione giapponese in generale) stessero uscendo dalla nicchia: siamo stati lieti di poter pensare di non essere più i soli quattro gatti ad apprezzare un prodotto.
Abbiamo vissuto momenti davvero esaltanti (devo ripetere il mantra: "orsodorooscarleonedoroallacarriera"?), tutte le volte trepidando prima di una premiazione, all'inizio stupendoci ed in seguito compiacendoci del fatto che il cinema di Miyazaki stesse uscendo dall'ombra di quella che sembrava una setta di iniziati, una religione misterica.
Eppure la montagna ha partorito il topolino. Gli spettatori di Miyazaki sono raddoppiati? Sono decuplicati? Benissimo: sono passati da diecimila a centomila. Numeri che evidentemente non bastano perché la Buena Vista, o chi per essa, si scomodi per pubblicarci i dvd tanto attesi.

Io personalmente ho patito la delusione maggiore dopo l'assegnazione del leone d'oro alla carriera. Mi pregustavo lo stupore dei più, i Vincenzi Mollica e le Anne Praderio di turno che correvano ad informarsi, a diventare dei miyazakiani dell'ultimo minuto, a saltare sul carro del vincitore, a presentarsi alla nostra porta con il capo cosparso di cenere: "Ci dispiace! Ci dispiace di avere ignorato finora questo genio dell'animazione: ma rimedieremo! Non accadrà più!".
Be': il seguito lo conoscete anche voi: servizi di trenta secondi sui TG, qualche trafiletto nelle pagine interne dei giornali. Tra una grattata di fondoschiena del Grande Divo ed una procace scollatura della Grande Diva, il Grande Regista (ma lui davvero), è stato ignorato bellamente.

Quello che dicevo qualche post fa è che purtroppo non sono questi eventi a cambiare i gusti e la testa del pubblico. La domanda di mercato, mi spiace, non la fanno i premi. L'oscar in particolare è al massimo la sanzione a posteriori di un successo economico o della potenza di una casa distributrice.
In Francia hanno storicamente una cultura ed una sensibilità differente nei confronti del prodotto artistico. A vedere Miyazaki ci vanno a centinaia di migliaia; Howl ha incassato al botteghino venti milioni di euro. Credete che ci vadano per i premi vinti o per la qualità del prodotto che - loro sì - hanno gli occhi per riconoscere e gli italiani desicoboldeschi no?
Scusate, ma credete davvero che la scritta "Dal vincitore del premio oscar" porti spettatori o acquirenti in più? Voi, voi personalmente, avete davvero mai acquistato un dvd di un autore sconosciuto perché riportava la dicitura "Dal vincitore del premio oscar"?
Ultima modifica di Heimdall il ven gen 12, 2007 1:54 pm, modificato 1 volta in totale.
Immagine

Avatar utente
Koshien
Membro Senpai
Membro Senpai
Messaggi: 356
Iscritto il: mar ott 11, 2005 5:12 pm
Località: Nishinomiya

Messaggio da Koshien » mer feb 15, 2006 11:05 am

Heimdall, scusami, sei sicuro che il mio e il tuo pensiero siano così distanti ? Una cosa però ti chiedo perchè nessuno fino ad ora mi ha risposto: già siamo a livelli di setta... dove saremo se, come dici tu tra una scollatura e un fondoschiena, di Miyazaki proprio non si parlasse ?
Io non compro Miyazaki perchè ha vinto un Oscar... però vorrei continuare a poterlo comprare...

Avatar utente
ismael
Nuovo Membro
Nuovo Membro
Messaggi: 38
Iscritto il: gio set 23, 2004 8:31 am

Messaggio da ismael » mer feb 15, 2006 11:16 am

vi ringrazio di aver esposto il vosto pensiero al riguardo..
che dire?
sinceramente mi hanno sempre incuriosito gli oscar, ma si distingue subito la vittoria del film più bello dalla vittoria del film più acclamato che esclude la prima ipotesi..

A me la scritta "vincitore del premio.." non da fastidio, forse purtroppo però è l'unico modo per far conoscere Miyazaki anche a quelli che non lo conoscono..voi penserete..non c'è riuscito il leone d'oro alla carriera di qualche mese fa..ci potrebbe riuscire un film?
Qualche perplessità ce l'ho anch'io..

A me sinceramente dispiace anche che i dvd che escono non abbiano nulla di particolarmente speciale, bello da vedere, ma solamente delle semplici "copie di contenuti" delle altre edizioni..insomma è come far finta che il regista premiato in una delle più importanti rassegne cinematografiche (peraltro italiana!!) non abbia avuto il merito al premio..questa politica dell'ignorare tali personaggi..a scapito di fondoschiena e decoltè..

Se continua così veramente saremo costretti a comprare le edizioni straniere dei film di miyazaki perchè tanto in Italia..nessuno sembra conoscerlo.. :(

Trovo cmq molto originale ed interessantissima la proposta francese di portare al cinema Nausicaa..peccato che non parlo francese :P

Ismael

Avatar utente
Heimdall
Tanuki
Messaggi: 3448
Iscritto il: sab apr 26, 2003 12:39 pm
Località: Rescaldina (Mi)

Messaggio da Heimdall » mer feb 15, 2006 12:04 pm

Koshien ha scritto:Heimdall, scusami, sei sicuro che il mio e il tuo pensiero siano così distanti ? [...]
Temo di sì, Koshien. Naturalmente... nulla di personale! :D
Siamo nel campo delle interpretazioni soggettive, quindi, dopo aver effettuato un interessante scambio di opinioni, aver analizzato i dati in nostro possesso, nell'impossibilità di tracciare una previsione esaustiva e cnvincente, ritengo non vi sia nulla di male a rimanere ciascuno con la propria percezione.

Tu dici: secondo i me i trenta secondi di Miyazaki tra una cosa e l'altra influiscono sulla mentalità generale, contribuendo a modificarla.
Io dico: no.

Nulla di male: la mia considerazione nei tuoi confronti non diminuisce certo per questo (e spero sia reciproco :P ). Io ritengo che i trenta secondi non contribuiscano alla causa miyazakiana più di quanto un cucchiaino contribuisca a svuotare il mare. Qualcosa fa... ma inizio a chiedermi se lo sforzo sia proporzionato all'esito. Allora sono spinto ad interrogarmi sul merito: è quella la strada? E' indirizzato correttamente il mio sforzo? E' ottenendo i trenta secondi tra una chiappa e una tetta che contribuirò a far conoscere Miyazaki. Ancora, io dico di no.

Mi chiedi, a mio avviso qual è la strada? Non ho una risposta, né una ricetta, mi spiace. Posso solo dirti quali strade ho già imboccato, e mi sono parse sbagliate o, quantomeno, inutili.
Se proprio vogliamo fare un discorso più generale, il senso del mio paragone con la Francia verte su un parametro più ampio, che è quello della cultura e della sensibilità generalizzate.
In sostanza, non credo valga la pena smaniare per far passare un messaggio commerciale relativo ad un ristretto settore ("Comprate Miyazaki perché ha vinto l'oscar, e vuol dire che è bello"): se c'è qualcosa in cui mi piace credere è creare le basi culturali perché questo avvenga.
Dovessimo vivere in un paese più sensibile ai richiami della cultura e dell'arte, a quel punto non mi interesserebbe più se aumentassero le vendite di Miyazaki o di un'edzione dei Fleurs du mal, perché sarei egualmente felice. ;)
ismael ha scritto:[...] peccato che non parlo francese :P
Io ho iniziato a studiarlo quest'anno. Non è uno scherzo... :)
Immagine

Avatar utente
jobi1
Chibi Totoro
Chibi Totoro
Messaggi: 1890
Iscritto il: ven apr 18, 2003 9:27 pm
Località: Milano
Contatta:

Messaggio da jobi1 » mer feb 15, 2006 12:09 pm

cito un episodio e ne enuncio le mie considerazioni. Il giorno in cui e' uscito Laputa in dvd ero al MW a prenderloe li davanti un signore di mezza eta' mi ha chiesto se il film Laputa era bello e poteva comprarlo per la sua bambina. Ne ho decantato brevemente le lodi dicendogli anche che non se ne sarebbe pentito dell'acquisto e si e' recato alle casse col dvd in mano.

Morale: la miglior pubblicita' per lo studio Ghibli e per tutta l'animazione giapponese e' l'uscita e la disponibilita' dei titoli. E' ovvio che siamo una nicchia, chi e' disposto a vedersi un film in giapponese coi sottotitoli scaricati da internet e con materiale comprato su internet o in negozi particolari (tipo Yamato)!
Immagine Genio matematico, marito ideale nonché maestro jedi jobi1 Kenobi :king: Immagine Immagine

Avatar utente
Shoukiki
Membro
Membro
Messaggi: 148
Iscritto il: lun feb 13, 2006 9:09 pm
Località: ad un'oretta da Milano

Messaggio da Shoukiki » mer feb 15, 2006 12:13 pm

Sono pienamente d'accordo con le considerazioni di Heimdall. La poca attenzione all'animazione in Italia è soprattutto un fatto culturale. La Francia ha un'altra cultura e ha anche un po' di produzione in questo ambito.
Anche l'Italia amava gli anime, ma questo succedeva decenni fa, quando serie come Conan, Nadia, Flo, le serie robotiche o storiche, spopolavano. Come si può pensare ad un'uscita dalla nicchia, se la cultura va nella direzione opposta?

Avatar utente
Koshien
Membro Senpai
Membro Senpai
Messaggi: 356
Iscritto il: mar ott 11, 2005 5:12 pm
Località: Nishinomiya

Messaggio da Koshien » mer feb 15, 2006 12:29 pm

Heimdall ha scritto: Nulla di male: la mia considerazione nei tuoi confronti non diminuisce certo per questo (e spero sia reciproco :P ).
Ci mancherebbe..leggo sempre con piacere i tuoi interventi... :D

Avatar utente
Valinor
Nuovo Membro
Nuovo Membro
Messaggi: 41
Iscritto il: mer giu 02, 2004 12:46 am
Località: Roma

Messaggio da Valinor » mer feb 15, 2006 1:26 pm

Heimdall ha scritto: Io ho iniziato a studiarlo quest'anno. Non è uno scherzo... :)
ottia idea :wink:
io iniziai 2 anni fa per poter leggere qualcosa di adachi 8)
e mi ripeto sempre più spesso che sono stati soldi benedetti!!! :D
poi i doppiaggi in lingua anglosassone mi hanno sempre fatto rabbrividire (con poche rare aeccezioni!)

Avatar utente
spaced jazz
Susuwatari
Susuwatari
Messaggi: 1120
Iscritto il: mer lug 30, 2003 9:47 pm
Località: Café Alpha

Messaggio da spaced jazz » mer feb 15, 2006 2:11 pm

Valinor ha scritto: io iniziai 2 anni fa per poter leggere qualcosa di adachi 8)
e mi ripeto sempre più spesso che sono stati soldi benedetti!!! :D
Non dite così che mi vien voglia di baciarvi :D
Immagine

Avatar utente
ismael
Nuovo Membro
Nuovo Membro
Messaggi: 38
Iscritto il: gio set 23, 2004 8:31 am

Messaggio da ismael » mer feb 15, 2006 4:26 pm

jobi1 ha scritto: Morale: la miglior pubblicita' per lo studio Ghibli e per tutta l'animazione giapponese e' l'uscita e la disponibilita' dei titoli.
certamente!
esiste un numero di telefono della lucky red così che possiamo parlargli e dirgli di cominciare ad investire di più sul nostro amico Hayao?

:wink:

personalmente ho acquistato la città incantata e princess mononoke e a casa mia sono durati pochi giorni..li ho subito prestati per..allargare la nicchia
:D

Ismael

Avatar utente
Heimdall
Tanuki
Messaggi: 3448
Iscritto il: sab apr 26, 2003 12:39 pm
Località: Rescaldina (Mi)

Messaggio da Heimdall » mer feb 15, 2006 6:55 pm

ismael ha scritto: [...] esiste un numero di telefono della lucky red così che possiamo parlargli e dirgli di cominciare ad investire di più sul nostro amico Hayao?[...]
La Lucky Red è proprietaria dei diritti solo per Howl. I diritti degli altri film... be': è una lunga storia... ;)
Immagine

Avatar utente
ismael
Nuovo Membro
Nuovo Membro
Messaggi: 38
Iscritto il: gio set 23, 2004 8:31 am

Messaggio da ismael » gio feb 16, 2006 11:04 am

Heimdall ha scritto:I diritti degli altri film... be': è una lunga storia... ;)
..lo so purtroppo..

:(

Avatar utente
Buta
Susuwatari
Susuwatari
Messaggi: 1100
Iscritto il: dom ago 14, 2005 4:02 pm
Località: san dona' di piave.

Messaggio da Buta » gio feb 16, 2006 1:46 pm

grande spaced...la nuova firma e' stupenda.. :wink:

molto bella la discussione ...mi pare di capire che la centralita' del problema sia rendere giustizia alle opere del maestro tramite premi e la sua diffusione su larga scala...

onestamente penso siano cose un po' superate...nel senso che l oscar ..lo sappiamo tutti..e' una gran baracconata...anzi forse vederselo assegnato magari e' un qualcosa di svilente per un personaggio come Miyazaki cosi' lontano da queste cose...sicuramente gli avra' fatto molto piacere..ma a me personalmente ha dato un che di fastidios che trovo difficile a spiegare...

per quanto riguarda la diffusione...ragazzi non prendiamoci in giro...sappiamo tutti come trovarli i film del maestro..personalmente li ho visti tutti e molti gia' da parecchi..e dico parecchi anni...il fatto poi di vederli in un altra lingua o meglio ancora in originale sottotitolati rende queste visioni ancora piu' accrescitive...

la verita' e' che i mezzi ci sono...la gente probabilmente non e' interessata piu' di tanto...ma io non vedo il problema...tutte le mie letture e le mie visioni fanno parte quasi esclusivamente di una crescita personale...onestamente che nausicaa l abbia visto una persona o tutt il mondo...poco mi interessa...

volevo sollevare anche una discussione su questo parlare della francia come paradiso della cultura fumettistica e animata...volevo solo dire che non sono tutte luci...e l interpretazione di questa "migliore" cultura andrebbe approfondita...magari ne riparliamo...

Avatar utente
Omicron Lenz
Nuovo Membro
Nuovo Membro
Messaggi: 41
Iscritto il: gio set 01, 2005 2:59 pm
Località: Roma

Messaggio da Omicron Lenz » gio feb 16, 2006 2:37 pm

Heimdall ha scritto:I diritti degli altri film... be': è una lunga storia... ;)
Eh, meglio non parlarne... :cry:

Rispondi