Ged Senki - I racconti di Terramare (SPOILER)

Discussioni su gli autori e gli anime Ghibli e Pre-Ghibli

Moderatore: Coordinatori

Avatar utente
Vampiretta
Ghibliano D.O.C.
Ghibliano D.O.C.
Messaggi: 833
Iscritto il: gio mar 30, 2006 12:59 am
Località: Roma

Messaggio da Vampiretta »

Shito ha scritto:
Vampiretta ha scritto: Posso un suggerimento, Shito riposti questo mex anche in un topic dedicato a Gedo Senki.

Io l'ho trovato molto interessante sui paragoni tra i due film, ma se non mi fossi spulcito questo topic sul nuovo film non lo avrei trovato.
Ti ringrazio per il suggerimento. Sicuramente integrerò il contenuto di questo post in quello che verra, a conclusione effettiva delle lavorazioni, in coda al thred sulla localizzazione di Ged Senki. :)
Ok, ci tenevo perchè per alcune cose la vedo come te circa Howl, ovviamente senza potendo fare un paragone con Gedo Senki.

Ma con l'uscita credo avremo tutti modo di parlarne molto! :wink:
Immagine

Avatar utente
Vampiretta
Ghibliano D.O.C.
Ghibliano D.O.C.
Messaggi: 833
Iscritto il: gio mar 30, 2006 12:59 am
Località: Roma

Messaggio da Vampiretta »

Shito ha scritto: Beh, considerando che il primo referente che Miyazaki Goro ha tenuto in mente come canone d'animazione è proprio Horus no Daibouken, sicuramente proprio tu dovresti avvinitarti a Ged Senki con la massima attenzione... ;)
Capperi ho potuto vedere degli stralci di Gedo Senki grazie ad un amico e ciò che mi è venuto in mente è stato proprio il disegno di Horus no Daibouken. :!:

Mi stupisco di me stessa, non mi pensavo avvezza a questi particolari e parallelismi, si vede che la frequentazione del forum qualcosa smuove!

Sono sempre più curiosa di vedere il film, però cavoli siamo in Off Topic clamoroso! :roll:
Immagine

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5408
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard

Messaggio da Shito »

Vampiretta: in più luoghi Miyazaki Goro ha dichiarato che nel suo intento di fare 'neoclassicismo dell'animazione giapponese' si voleva rifare ai tempi di Horus e Nausicaä, quando le linee erano più semplici, il livello di dettaglio minore, ma proprio per questo il disegno risultava secondo lui più incisivo e vivido.

Io sono assolutamente d'accordo.

Credo sia una questione di 'quantità di informazione veicolata dal segnale', chiaramente sto parlando del 'segnale visivo' che è rappresentato da un disegno, in questo caso animato.

Se la quantità di informazione è molta (livello di dettaglio) o persino troppa, allora il messaggio veicolato perde in vigore, in immediatezza, in 'violenza' espressiva.

Anche molte dottrine artistiche occidentali, nella storia dell'arte, hanno predicato concetti simili, e così si sono rivolte a canoni di stilizzazione marcata, piuttosto che a aumento del livello di preziosismo minuto.
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Avatar utente
Hols
Ghibliano D.O.C.
Ghibliano D.O.C.
Messaggi: 850
Iscritto il: lun giu 30, 2003 10:14 pm
Località: Il freddo Nord

Messaggio da Hols »

Shito ha scritto:
Hols ha scritto:
ghila ha scritto: :shock:

'sti cacchi, è un'affermazione forte questa! Non fa che aumentare la curiosità!
Uhuhuhuhuh!
Che sia forte non c'è ombra di dubbio!

Forse riguardandolo potrò modificare in meglio il mio giudizio sul film, ma temo che difficilissimamente diventerà uno dei miei preferiti dello Studio.
Beh, considerando che il primo referente che Miyazaki Goro ha tenuto in mente come canone d'animazione è proprio Horus no Daibouken, sicuramente proprio tu dovresti avvinitarti a Ged Senki con la massima attenzione... ;)
Eheheheheh!

Guarda infatti cosa avevo scritto secoli fa.
E questo subito dopo la visione del film.

Quello che tu leggi come "essenzialità espressiva o ricercato semplicismo", per me è piuttosto una lacuna a livello grafico.
Il fatto che, per questo singolo aspetto (visto che la narrazione ha ritmi e intenti oserei dire opposti), Gedo Senki possa ricordare un film di 40 anni fa non è certo un pregio per me.

Ma ovviamente questo non è il luogo idoneo a discuterne.

Avatar utente
Buta
Susuwatari
Susuwatari
Messaggi: 1100
Iscritto il: dom ago 14, 2005 4:02 pm
Località: san dona' di piave.

Messaggio da Buta »

In effetti mi meraviglia un po' questa presa di posizione...in realta' ne sono contento..visto che molti utenti di questo forum , Gualtiero su tutti, hanno una certa predisposizione , un po' su tutti i campi, sul lato tecnico delle cose..

Io credo che un "ritorno " al classicismo/semplicismo l avrebbe potuto fare al massimo solo Miyazaki padre...che ha alle spalle milioni di ore di capolavori animati...se poi ..come sembra dalle ultime immagini del nuovo film..e' una presa di posizione dello studio tutto e' un altro discorso..ma ritengo, nel migliore dei casi , presuntuoso in un opera prima affacciarsi con uno stravolgimento.

Se Gedo Senki fosse stato di uno studio x e di un autore x...sarebbe passato bellamente inosservato..per essere buoni..e infine .mi riallaccio al pensiero di Nichols su un possibile confronto con altre ultime produzioni...come spera di tenere il passo lo studio ghibli ? con opere come gedo senki??

Non vorrei fare il pessimista ma mi sa' tanto da battute finali...speriamo bene

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5408
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard

Messaggio da Shito »

Rispondo in un solo post sia a Horus che a Buta, perché chiaramente è un solo discorso, e non squisitamente ad personam. Peraltro non capisco, Horus, perché questa non sarebbe la migliore sede per discuterne! Direi il contrario! Difficilmente immaginerei un luogo più educato di questo...

Dunque, io non capisco che vostre critiche.

Stiamo parlando di un approccio estetico STILISTICO, non TECNICO.

Non sono affatto d'accordo nel dire che animazione vecchia di trent'anni sia 'disegnata peggio' di quella più recente. Il disegno è fatto da una mano e da una matita, e l'evoluzione tecnica non c'entra NULLA, semmai il contrario. Semmai l'evoluzione tecnica offre scappatoie a buon mercato.

E non sempre l'evoluzione stilistica MIGLIORA il precedente.

Voi pensate che Picasso sia meglio di Michelangelo, per dirne una. Io no.

Nella storia dell'arte la tendenza all'evoluzione si è sempre opposta a un ritorno ai classici. Sono due tendenze opposte.

Veniamo al nostro caso.

Credo sinceramente che nell'evoluzione grafica, Miyazaki Hayao abbia perso MOLTISSIMO in vigore. Il vigore di Nausicaa che fissa Kushana, nella nave in fiamme, e gli dice 'koi!' (vieni). Questo vigore io l'ho ritrovato in Mononoke Hime, ma non in Sen to Chihiro, né in Howl. La violenza espressiva del pianto di Mei dopo il cedimento emotivo di Satsuki, dopo Mononoke Hime non l'ho vista più.

Continuo a pensare che l'eccesso di densità di messaggio infiacchisca il messaggio.

Non so come si faccia a dire (qui mi riferisco a Hols) che Ged Senki sia animato male. Io l'ho visto animato divinamente. Il modo in cui si muovono i capelli di Aracne è meraviglioso, sembrano veri. Si muovono fluidissimamente, e soprattutto NON SI MUOVONO PIU' DI QUANTO DOVREBBERO. Non c'è il gusto dell'eccesso, ma c'è SOBRIETA'. Questo mi piace molto. E cos' le movenze.

Ho ripensato a Mononoke Hime. Quali sono i punti che preferisco? Quali i punti che trovo più vividi?

Ci ho ripensato, e sono quasi tutti momenti notturni, o al buio. Quando Ashiataka va ad aiutare le donne che lavorano al mantice, ad esempio. O su tutti, il dialogo notturno tra Ashitaka svegliatosi al fianco di San e Moro no Kimi che l'aspetta fuori, sulla sua rupe.

Sono tutti momenti in cui il dettaglio grafico non la fa da padrone. Il primo piano di Ashiataka durante la 'ramanzina' di Moro è meraviglioso, violentemente meraviglioso.

Ripensando a simili momenti, d'improvviso Sen to Chihiro e Howl mi sono sembrati persino deboli. La scena più forte di Sen è la caduta 'del vero nome di Haku', di nuovo un notturno molto semplice dal punto di vista grafico. Per Howl, la 'scena nel passato di Howl', notturno semplice anche qui. E le espressioni di Sophie che lo chiama sprofondando nel NULLA (nero e basta) sono il momento più emotivo del film.

Ho ritrovato questa potenza espressiva in TUTTO Ged Senki.

Le colorazioni, lo ripeto, sono meravigliose. Vivide e intense. L'atmosfera è un misto tra Nausicaa e Mononoke, e scusate se è poco. I colori sono quelli di Mononoke, solo che invece di voler dare l'idea di un verde rigoglioso, tendono a una natura in crisi. Poi nella cittù c'è un altro ambiente. Ma la natura di Ged Senki vuole trasmettere un senso di pace semplice, a volte al limite del desolato, come l'animo del protagonista. E in questo l'ambiente è perfetto.

Le espressioni dei personaggi sono fantastiche. Finalmente si torna a un film in cui guardando in faccia i personaggi si possono sentire appieno i loro sentimenti. L'odio di Therru. Il terrore cieco di Arren. La pace interiore di Ged. E ancora il sarcasmo freddo di Aracne.

Non capisco questo cosa abbia a che fare con l'idea di fare un film antico, o che. Parliamo di una questione stilistica, lo ripeto. E questo stile per me è efficace, forse il migliore. Sicuramente il migliore per questo film. Qui non c'è da rappresentare un mondo fantastico come quelli di Hayao, no. Qui c'è 'il volo di un falco fulgido nel CIELO VUOTO'.

Cosa c'entra questo col nome del regista? Con lo studio?

Miyazaki Goro è riuscito in quello che nessuno avrebbe creduto:fare un film Ghibli con una forte impronta personale. Per questo merita un ulteriore plauso.

Ma al di là di questo, la sua scelta stilistica viene da me condivisa al 100%. E' facile stupire il pubblico con l'orgia grafica, ma l'eccessisa corsa al preziosismo, al dettaglio, al manierismo, al compiacimento di tutto ciò, uccidono la vivacità delle immagini.

Questo io credo, in molti ambiti. E i film live che traboccano di CG sono schifezze, in cui nulla più vale la pena di essere visto. Si va a vedere Babel e si stupisce di fronte alla FORZA DELLE ESPRESSIONI, la violenza comunicativa della brutalità delle immagini, e poi si pensa a tutto il CHIASSO VISIVO di roba pluriosannata come Il Signore degli Anelli e beh, si pensa che quella è davvero lammerda.
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Avatar utente
Heimdall
Tanuki
Messaggi: 3448
Iscritto il: sab apr 26, 2003 12:39 pm
Località: Rescaldina (Mi)

Messaggio da Heimdall »

Shito ha scritto:Peraltro non capisco, Horus, perché questa non sarebbe la migliore sede per discuterne! Direi il contrario! Difficilmente immaginerei un luogo più educato di questo...
Credo si riferisse al fatto che il titolo del topic è un altro. ;) A me personalmente non disturba e potete continuare in questa interessantissima discussione. Però, come ha notato Vampiretta, se gli utenti del forum non vengono a leggersi questo topic, si perdono gran parte delle informazioni.
Se siete d'accordo, posso tagliare questi ultimi post e attaccarli al topic di "I racconti di Terramare" o altro che riteniate idoneo. ;)
Immagine

Avatar utente
Hols
Ghibliano D.O.C.
Ghibliano D.O.C.
Messaggi: 850
Iscritto il: lun giu 30, 2003 10:14 pm
Località: Il freddo Nord

Messaggio da Hols »

Esatto.

Pensavo infatti di aspettare il travaso e di continuare dall'altra parte.

Avatar utente
Heimdall
Tanuki
Messaggi: 3448
Iscritto il: sab apr 26, 2003 12:39 pm
Località: Rescaldina (Mi)

Messaggio da Heimdall »

Ho spostato la discussione in un topic apposito. Buona continuazione! :)
Immagine

Avatar utente
Vampiretta
Ghibliano D.O.C.
Ghibliano D.O.C.
Messaggi: 833
Iscritto il: gio mar 30, 2006 12:59 am
Località: Roma

Messaggio da Vampiretta »

Heimdall ha scritto:Ho spostato la discussione in un topic apposito. Buona continuazione! :)
Bravo ormai eravamo vergognosamente non in tema! :( :lol:
Immagine

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5408
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard

Messaggio da Shito »

Scuse per Horus: non avevo inteso, e pensavo ti riferissi al forum esso tutto, come pure penso si evincesse dalla mia risposta.

In ogni caso: God Bless the Mod (Heimdall, nel caso).

E ora, esauriti i convenevoli, non fate che la discussione si esaurisca qui. Sarebbe spregevole, nel vero senso della parola... ;)
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Avatar utente
entity
Ghibliano
Ghibliano
Messaggi: 459
Iscritto il: mar mag 20, 2003 8:18 am

Messaggio da entity »

Non condivido completamente quello she dici SHITO, sicuramente il cinema di Miyazaki è cambiato da Nausicaa, ma dire che ci sia una minor forza espressiva tra gli ultimi ed i primi film lo trovo un pò esagerato.
Vi è stato un cambiamento espressivo che a mio avviso rispetta una nuova sensibilità del maestro.
Nausicaa è una cosa Howl una altra, tutto qui.
Con il migliorare della tecnica è normale che sia migliorato il livello qualitativo del film, animazioni migliori e dettagli più curati, ma tieni presente che i film Ghibli sono stati sempre il top per la tecnica.

Avatar utente
ghila
Chibi Totoro
Chibi Totoro
Messaggi: 1745
Iscritto il: lun gen 24, 2005 11:37 am
Località: Bergamo

Messaggio da ghila »

Credo che Shito arrivi proprio a dire che spesso il troppo virtuosismo nell'animazione e nel dettaglio NON aiuta la causa del film stesso.

Sono d'accordo, visto che è da secoli che predico che non bastano scene meragliosamente ritoccate per fare, di una scena cinematografica, un'opera d'arte. E' un'ovvietà.
Ma a questa aggiungerei che spesso il ritocco si tradisce e distoglie l'attenzione dell'osservatore verso particolari secondari, rispetto al narrato o alla riflessione che quest'ultimo può muovere.
Lo dicevo per i film reali non d'animazione, ma il principio non cambia.
Sono scelte registiche naturalmente e credo dipenda molto dallo stile e dalla storia narrata. Ma se la scelta viene compiuta consapevolmente e soprattutto onestamente (cercando quindi di non nascondere evidenti lacune artistiche in altri ambiti dello stesso film) va accettata e soprattutto approfondita.
Ad esempio i colori irreali (chiaramente computerizzati) di alcune scene di Howl creavano un alone magico di grande fascino. Forse era questo che cercava Hayao e che ha perseguito con tutte le forze concesse dalla tecnologia.
Il suo cambio eventuale non lo vedrei come un "ritorno" perchè "non se ne può più", ma un "ripristino di alcune tecniche" perchè "utile alla storia".

Quello che, a quanto pare, ha voluto fare suo figlio Goro.
Raro concedit, numquam negat, semper distinguit

Avatar utente
Hyuma
Membro Senpai
Membro Senpai
Messaggi: 332
Iscritto il: dom feb 13, 2005 8:49 pm
Località: la caldaia di Kamaji

Messaggio da Hyuma »

Ieri sera ero a vedere 300 e guardate cosa mi trovo all'interno della gigantesca hall del cinema LeBefane di Rimini:

Immagine

:lol: :lol:
.:emozioni visive:.
http://hyuma.splinder.com

Avatar utente
ghila
Chibi Totoro
Chibi Totoro
Messaggi: 1745
Iscritto il: lun gen 24, 2005 11:37 am
Località: Bergamo

Messaggio da ghila »

L'hai fatta correndo? :wink:
Raro concedit, numquam negat, semper distinguit