Ged Senki / I racconti di Terramare - DVD Edizione italiana

Discussioni su gli autori e gli anime Ghibli e Pre-Ghibli

Moderatore: Coordinatori

Avatar utente
ghila
Chibi Totoro
Chibi Totoro
Messaggi: 1745
Iscritto il: lun gen 24, 2005 11:37 am
Località: Bergamo

Re: Ged Senki / I racconti di Terramare - DVD Edizione italiana

Messaggio da ghila »

Muska ha scritto:Dunque una "subtle" concezione della OST volta a conciliare l'indirizzo estetico-formale delll'autore con le esigenze sub-strutturali (e dunque anche psicoacustiche) che, non bastasse, vengono in qualche modo fortemente richieste anche dalla produzione; non un lavoro facile, insomma, ma neanche impossibile per la duttilità del compositore.
Il risultato può piacere o meno, ma va riconosciuta almeno una certa armoniosa aderenza concettuale della scrittura musicale alla cifra stilistica immanente nelle scelte creative del nostro Goro, in fondo novello artiere "sensu strictu".
Effettivamente l'affermazione di shito e successivamente la tua, muska, mi ha fatto riflettere sul fatto che probabilmente sia stato chiesto da Suzuki al compositore, in certi punti, un lavoro di elaborazione d'una "semplice colonna sonora". Vorrei sottolineare che il termine "semplice" va riferito alle esigenze che tu stesso, caro muska, hai sottolineato: quelle sub-strutturali/psicoacustiche che la produzione ha imposto al vostro (vorrei sottolinearlo, per capire da che altezza ci guardate voi veri compositori!) confratello. :wink:
(olè, mentre scrivo, Lorenzo, as usual, ha misurato un muro... :roll: )

In realtà non è il risultato, effettivamente è armonioso nell'insieme (a volte non aggiunge, ma certamente non rovina nulla), che non apprezzo, quanto la scelta iniziale di cifra stilistica da seguire, dettata da chi di dovere.
Ma qui si scade in giudizi di merito sulle scelte artistiche degli stessi autori e non posso più pronunciarmi.
Ha proprio ragione Muska. Un lavoro tutt'altro che facile.
Quando si registra a distanza dal microfono, si crea un materiale sonoro molto meno "presente", i vecchi fonici parlavano di "aria" presente sul nastro registrato, ed è un modo di dire che rende bene l'idea... :)
Se dobbiamo parlarne più addentro all'aspetto tecnico, il fatto è che la distanza crea una fasatura del segnale assai diversa da quello che la configurazione generalemente usata (cardioide) produce.
Insomma, quando poi, come dice giustamente Shito, si cerca di incrementare il guadagno di quelle tracce possono venir fuori i guai...
D'altra parte, all'opposto, trovo che spesso alcuni dialoghi italiani soffrano di "effetto di prossimità". Che sia la mancanza di omogeneità a distinguere il nostro doppiaggio? Di fonici straordinari l'Italia ne è piena, pertanto non credo ci siano colpe imputabili allo stesso per "incompetenza". Credo piuttosto che sia, un'altra volta, una decisione a monte, di distribuzione, di mercato per intederci a tracciare la via da seguire per i fonici. Sia in fase di ripresa, che di comp/eq, di mixing e poi di mastering.
Grazie della discussione carissimi! :gresorr:
Lorenzo è di là a ridere ora. Già passato tutto, incredibili 'sti bimbi. Vado da lui! :)
Raro concedit, numquam negat, semper distinguit

Avatar utente
hypnogeco
Membro
Membro
Messaggi: 111
Iscritto il: dom nov 30, 2003 5:44 pm
Località: Genova

Re: Ged Senki / I racconti di Terramare - DVD Edizione italiana

Messaggio da hypnogeco »

jobi1 ha scritto:strano per un film di animazione che anche in lingua originale è doppiato. Capisco nei film "in presa diretta", ma a livello tecnico tra un paese e l'altro non dovrebbe cambiare nulla su come si esegue un doppiaggio (basti avere si intende le piste separate, non come i ridoppiaggi televisivi warenr in cui non avendo piste separate hanno dovuto rifare tutti gli effetti sonori e la colonna sonora da capo ...chiaramente con risultati veramente pietosi).
Perfettamente ragione, e' fondamentale fare una distinzione tra una presa diretta con il tentativo del tecnico di riuscire a far riprodurre con un determinato supporto (CD, DVD etc) il piu fedelmente possibile attraverso una catena preposta all'ascolto con un determinato standard (stereo piuttosto che multicanale) un'evento reale e la creazione in studio di un'evento che si vuole rendere il piu reale possibile con i mezzi che si hanno a disposizione. Il mio discorso era incentrato sul cercare di avvicinarsi il piu possibile, parlando del secondo caso, al film originale che si presuppone realizzato al meglio delle possibilita' e con una certa cura nel cercare di rendere il piu verosimile possibile degli eventi creati completamente da zero.
ghila ha scritto:L'hai visto al cinema? Sia howl che terramare? Ti assicuro che al cinema l'audio era molto migliore nella caratteristica da te sottolineata. Terramare ancora più di Howl. A mio avviso hanno rimasterizzato tutto. Probablmente hanno mixato con degli steam diversi e per il DVD hanno richiesto allo studio mastering una nuova calibrazione.
Certo certo visti al cinema!!! :wink: ..il problema e' che al cinema si sente mediamente molto male e difficilmente ci si trova in una posizione favorevole per un corretto ascolto e, almeno qui a Genova dove vivo, nonostante lo sbandieramento pubblicitario in tal senso di tante sale, ci sono sistemi che poco coinvolgono l'ascolto di un film e non sono sinceramente molto in grado di evidenziare eventuali pregi o "difetti" di cio che andiamo discutendo! Comunque non ho ricordi molto precisi in tal senso e pensa che in una delle due visioni al cinema avute di Howl in un cinema l'audio era perfino mono.... :roll: :cry:

ghila ha scritto:OT:
Questa è una cosa davvero interessante! Homerecording digitale o hai qualcosa di analogico? Stiamo registrando con il gruppo l'ultimo album e ci stiamo provando nel nostro studio assolutamente non attrezzato, ma sfruttando noleggi e amicizie varie.
Complimenti per la tua passione! :D
FINE OT
Grazie, contraccambio i complimenti anche per la tua! :wink: Il mio modesto studiolo e' full digital !! I "giocattolini" analogici sono decisamente fuori budget per me... :( ..e come immagino saprai non c'e' limite alla spesa per queste cose! :scered:
cipeciop ha scritto:Dopo aver visto lo special mi sembra di aver capito che Terashima aveva le idee molto molto confuse! Non sono un musicista, ma mi chiedo: è normale che si componga il tema principale senza tener conto dell'estensione dello strumento che dovrà eseguirlo? E poi uscirsene con: "Beh, se con questo strumento non riesco ad ottenere le note basse allora le creo col sintetizzatore." :scered:
... E le pressioni ricevute da Suzuki (che ha imposto le sue idee anche sulla storia e la sceneggiatura: è il vero autore del film!) hanno complicato ulteriormente le cose. :?

La questione principale che non hanno trattato nello special è: hanno provato a rivolgersi ad altri (Hisaishi) prima di scegliere Terashima? :twisted:

PS Interessante il significato di "telefonata".
Come dichiarato nello special Terashima e' un'autodidatta, probabilmente ha un'approccio tutto suo nel comporre musica, anche a me a fatto strano sto fatto della nota mancante! Fantasticando un po io ho pensato che questo tema prima se lo sara' "fischietto" nella testa e poi, solo dopo, si e' scontrato con questo "fattaccio" della nota mancante negli strumenti che, sempre nella sua testa, aveva in mente di utilizzare. Il plauso per me va alla perseveranza che lo ha portato poi a miscelare strumenti diversi "analogicamente" per ottenere un determinato risultato.. anche se poi il merito va in buona parte a quel musicista spagnolo.. :wink:
Shito ha scritto:Io sono sempre per il True Stereo anche per questo. Alla fine in genere si 'comprime' un mix 12876487.1 in due canali stereo, e i livelli reciproci (percettivi) di musica (che sta su tutti i canali) e parlato (che sta solo sui centrali) va a farsi benedire. Allora si enfatizzano i centrali (sennò non si sentirebbe nulla) e gli equilibri sempre a farsi benedire vanno.
Questo e' un discorso dove i patiti di alta fedelta (audiofili) si "scannano" da tempo !! ..ovvero e' meglio la stereofonia o il multicanale? (..mentre c'e' ancora chi osanna la monofonia per una certa "coerenza" che sa regalare) Io personalmente sono per la stereofonia tuttora imbattuta sotto moltissimi punti di vista primo tra tutti la relativa facilita' di ottimizzazione dei sistemi di riproduzione (parlo di ascolto non produzione) pur rimanendo un'ascolto "solitario" per una perfetta fruizione (detta in maniera spicciola bisogna stare perfettamente o quasi al centro dei diffusori) In linea generale comunque il centrale viene "enfatizzato" per la semplice questione che sta proprio in corrispondenza dello schermo e siccome l'intento e' quello di rendere il piu verosimile l'ascolto di una determinata scena alla fine tutto o quasi proviene da li ed e' diciamo normale che si perda profondità nella scena nonostante il supporto "teorico" dei canali destro/sinistro e i posteriori.. Una considerazione: anche se "suona" male le colonne sonore nella realtà non esistono, al 99% dei casi sono pura invenzione umana per rendere piu coinvolgente determinate scene di conseguenza "si inventa" e i risultati possono essere piu o meno, diciamo, gradevoli asseconda dell'abilita' del tecnico e di come e' ottimizzato l'impianto audio preposto all'ascolto cosa che non tutti tengono in debita considerazione ma che e' assolutamente fondamentale per una corretta valutazione!
Muska ha scritto:Aggiungo solo qualcosa a quest'altra intuizione, che è fondamentalmente corretta.
Quando si registra a distanza dal microfono, si crea un materiale sonoro molto meno "presente", i vecchi fonici parlavano di "aria" presente sul nastro registrato, ed è un modo di dire che rende bene l'idea... :)
Se dobbiamo parlarne più addentro all'aspetto tecnico, il fatto è che la distanza crea una fasatura del segnale assai diversa da quello che la configurazione generalemente usata (cardioide) produce.
Insomma, quando poi, come dice giustamente Shito, si cerca di incrementare il guadagno di quelle tracce possono venir fuori i guai...
Del resto se coninciamo qui a disquisire della verosimiglianza delle camere di riverberazione elettroniche rispetto al posizionamento polidistanziale delle microfonature non la smettiamo più... :lol:
Eh eh eh eh ..anche te mi sa che la sai lunga! :wink: ..io dico che, parliamo sempre di voci da incastonare in un contesto come un film, non c'e' assolutamente differenza in produzione, qualsiasi special possiate vedere sui doppiaggi non si scappa, le voci si registrano in studio e le distanze tra doppiatore e microfoni piu o meno sempre uguali! E' il dopo e il materiale sonoro che si ha a disposizione che fa la differenza! :wink:
ghila ha scritto:D'altra parte, all'opposto, trovo che spesso alcuni dialoghi italiani soffrano di "effetto di prossimità". Che sia la mancanza di omogeneità a distinguere il nostro doppiaggio? Di fonici straordinari l'Italia ne è piena, pertanto non credo ci siano colpe imputabili allo stesso per "incompetenza". Credo piuttosto che sia, un'altra volta, una decisione a monte, di distribuzione, di mercato per intederci a tracciare la via da seguire per i fonici. Sia in fase di ripresa, che di comp/eq, di mixing e poi di mastering.
..forse abbiamo i veri "colpevoli" ..alle solite' e' "solo" una questione di budget ?? :shock:

Avatar utente
Ale K
Ghibliano
Ghibliano
Messaggi: 446
Iscritto il: dom dic 26, 2004 2:44 pm

Re: Ged Senki / I racconti di Terramare - DVD Edizione italiana

Messaggio da Ale K »

Fantasticando un po io ho pensato che questo tema prima se lo sara' "fischietto" nella testa e poi, solo dopo, si e' scontrato con questo "fattaccio" della nota mancante negli strumenti che, sempre nella sua testa, aveva in mente di utilizzare.
Da quel che ho capito, guardando il documentario sulla colonna sonora, il compositore non aveva intenzione di utilizzare cornamuse; la melodia da lui composta voleva richiamare alla mente le sonorità arabe, però questo è risultato essere in contrasto con le idee del produttore e dell'autore, che per il film avrebbero preferito sonorità celtiche.
Per via di ciò Terashima, che non voleva riscrivere daccapo un'altra melodia, ha cercato di adattare la propria composizione originale alle idee dell'autore, da qui le varie prove, alla ricerca degli strumenti adatti. Almeno questa è l'idea che mi son fatto... :)

Devo ammettere che si è trattato di un contenuto speciale veramente interessante!

cipeciop
Ghibliano
Ghibliano
Messaggi: 572
Iscritto il: mar gen 04, 2005 3:27 pm

Re: Ged Senki / I racconti di Terramare - DVD Edizione italiana

Messaggio da cipeciop »

Sì, Ale, mi pare che dicano così.

Ho visto l'altro special: quello sulle voci originali...
... Ma quanto è brava, bella, simpatica, affascinante, stu-pen-da FUBUKI Jun che da la voce a Tenar??? :shock:
Immagine
Utente che se n'è andato.

Avatar utente
Vampiretta
Ghibliano D.O.C.
Ghibliano D.O.C.
Messaggi: 833
Iscritto il: gio mar 30, 2006 12:59 am
Località: Roma

Re: Ged Senki / I racconti di Terramare - DVD Edizione italiana

Messaggio da Vampiretta »

cipeciop ha scritto:Sì, Ale, mi pare che dicano così.

Ho visto l'altro special: quello sulle voci originali...
... Ma quanto è brava, bella, simpatica, affascinante, stu-pen-da FUBUKI Jun che da la voce a Tenar??? :shock:
Immagine
Magari io mi suggestiono facilmente, ma mi da anche proprio l'idea fisica di Tenar!!
Immagine

Avatar utente
algid
Membro Senior
Membro Senior
Messaggi: 191
Iscritto il: mar nov 27, 2007 9:33 pm
Località: Torino

Re: Ged Senki / I racconti di Terramare - DVD Edizione italiana

Messaggio da algid »

Sebbene apprezzi gli extra inseriti in questa edizione (versione 2 dischi) avrei sicuramente apprezzato di più l'addizione di uno special sulla lavorazione dell'edizione italiana del film.. chissà se gli esempi dei contenuti extra di anime come X, Flcl e il più recente Cagliostro (con interviste e approfondimenti sui doppiatori italiani) saranno utili a moltiplicare questo tipo di extra?! Io lo spero davvero, anche perché, con tutto il rispetto per gli ideatori del mousepad/blocchetto note e per i clienti che lo hanno apprezzato, ma personalmente l'ho trovato inutile e persino "ingombrante" (aumenta inutilmente lo spessore della costoletta laterale).. 8)
Poi certo, meglio quello che niente! >_< Però se si può fare meglio.. perché no?! :)
"Which is the most comfortable chair?"
"This one, father. It is the chair I use myself, when I have visitors."

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5408
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard

Re: Ged Senki / I racconti di Terramare - DVD Edizione italiana

Messaggio da Shito »

algid ha scritto:Sebbene apprezzi gli extra inseriti in questa edizione (versione 2 dischi) avrei sicuramente apprezzato di più l'addizione di uno special sulla lavorazione dell'edizione italiana del film.. chissà se gli esempi dei contenuti extra di anime come X, Flcl e il più recente Cagliostro (con interviste e approfondimenti sui doppiatori italiani) saranno utili a moltiplicare questo tipo di extra?! Io lo spero davvero, anche perché, con tutto il rispetto per gli ideatori del mousepad/blocchetto note e per i clienti che lo hanno apprezzato, ma personalmente l'ho trovato inutile e persino "ingombrante" (aumenta inutilmente lo spessore della costoletta laterale).. 8)
Poi certo, meglio quello che niente! >_< Però se si può fare meglio.. perché no?! :)
A mia memoria, Studio Ghibli non permette/autorizza nelle edizioni straniere dei suoi film alcuno special che non sia presente in quelle originali giapponesi. Ricordo che Lucky Red aveva preparato del bel materiale sul Leone alla Carriera veneziano da poter aggiungere al DVD nostrano di Howl, ma nisba. Non fu permesso.
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Avatar utente
Vampiretta
Ghibliano D.O.C.
Ghibliano D.O.C.
Messaggi: 833
Iscritto il: gio mar 30, 2006 12:59 am
Località: Roma

Re: Ged Senki / I racconti di Terramare - DVD Edizione italiana

Messaggio da Vampiretta »

E' un peccato però alla fine è anche giusto. Decidono loro cosa metterci punto e basta senza che ogni Paese si faccia la sua edizione particolare. Anche se poi tanto cmq succede visto che in qualche Paese (senza fare nomi :) ) le edizioni fanno un po' schifo!!
Immagine

atchoo
Sposino
Messaggi: 3967
Iscritto il: dom apr 13, 2003 1:22 pm

Re: Ged Senki / I racconti di Terramare - DVD Edizione italiana

Messaggio da atchoo »

Shito ha scritto:A mia memoria, Studio Ghibli non permette/autorizza nelle edizioni straniere dei suoi film alcuno special che non sia presente in quelle originali giapponesi.
Ma è una cosa successiva all'edizione italiana di Mononoke Hime? Ricordo un'intervista sul doppiaggio Usa... Era presente anche nell'edizione giapponese?

Avatar utente
algid
Membro Senior
Membro Senior
Messaggi: 191
Iscritto il: mar nov 27, 2007 9:33 pm
Località: Torino

Re: Ged Senki / I racconti di Terramare - DVD Edizione italiana

Messaggio da algid »

Shito ha scritto: A mia memoria, Studio Ghibli non permette/autorizza nelle edizioni straniere dei suoi film alcuno special che non sia presente in quelle originali giapponesi. Ricordo che Lucky Red aveva preparato del bel materiale sul Leone alla Carriera veneziano da poter aggiungere al DVD nostrano di Howl, ma nisba. Non fu permesso.
Ah grazie dell'info, sebbene poco felice.. :(

Piccola "lamentela/commento" personale..
Certo che i giapponesi devono sempre intromettersi nelle occasioni sbagliate: permettono che le loro opere vengano acquistate da aziende senza scrupoli che ne ribaltano completamente i contenuti (con censure, doppiaggi inadeguati o stravolgimento dei dialoghi) a mero scopo di marketing ma non permettono l'inserimento di approfondimenti o nuovi extra (e spesso persino di extra originali giapponesi) nei dvd esteri.. non riesco proprio a capirlo.. =_='
"Which is the most comfortable chair?"
"This one, father. It is the chair I use myself, when I have visitors."

pippov
Tanuki
Messaggi: 3563
Iscritto il: dom apr 13, 2003 11:59 am

Re: Ged Senki / I racconti di Terramare - DVD Edizione italiana

Messaggio da pippov »

Beh, un dvd estero con traccia giapponese, con contenuti extra migliori e a prezzi mediamente più bassi rispetto al loro mercato venderebbe anche in Giappone. Mi pare normale che cerchino di evitarlo. Che poi è il motivo per il quale moltissime serie storiche DEVONO uscire prima da loro e poi arrivano da noi. :wink:
Si tratta della mia filosofia di vita. Io rispetto tutti, se qualcuno dice che Mourinho non e' meglio di lui sono d'accordo. Ma non posso vivere in questo mondo competitivo pensando che qualcuno sia meglio di me - Jose' Mourinho

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5408
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard

Re: Ged Senki / I racconti di Terramare - DVD Edizione italiana

Messaggio da Shito »

L'ideale sarebbe poter confezionare degli special e sottoporli allo Studio Ghibli PRIMA dell'uscita del DVD giapponese stesso, in modo da permetterne l'eventuale inserimento nell'edizione giapponese per prima. Non credo che uno specialino sul Leone alla carriera avvrebbe schifato lo Studio Ghibli, ma purtroppo le tempistiche in simili processi produttivi, con mezzo mondo di mezzo, possono davvero strangolare. Posso dire che la Lucky Red ha davvero fatto i miracoli nello 'stringere i rapporti', e se la burocrazia nella gestione Buena Vista era 10, per Howl era 3, e con Terramare è stata 1.

Io personalmente mi auguro davvero che Lucky Red metta le mani una volta buona e per tutte sull'intero catalogo Ghibli. Sono più che certo che questo ci garantirebbe un livello di pubblicazione di tanti capolavori come altrimenti non potremmo nemmeno sognarcelo.
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Avatar utente
Tuffgong
Ghibliano
Ghibliano
Messaggi: 589
Iscritto il: ven ott 12, 2007 11:27 am
Località: Cesenatico

Re: Ged Senki / I racconti di Terramare - DVD Edizione italiana

Messaggio da Tuffgong »

Shito ha scritto:Io personalmente mi auguro davvero che Lucky Red metta le mani una volta buona e per tutte sull'intero catalogo Ghibli. Sono più che certo che questo ci garantirebbe un livello di pubblicazione di tanti capolavori come altrimenti non potremmo nemmeno sognarcelo.
Questo, di certo, sarebbe auspicabile. :prostrare:
Sembrerebbe anche sulla buona strada e l'intenzione pare esserci. Ma cosa manca? Trattasi esclusivamente di questioni di budget?!? :roll:
Immagine
"Ciò che ho realizzato è definita un'eresia da alcuni fan di Lupin, ma io penso che tutte le opere su Lupin, a parte quelle realizzate da noi, siano insignificanti!" H.M

Avatar utente
Hols
Ghibliano D.O.C.
Ghibliano D.O.C.
Messaggi: 850
Iscritto il: lun giu 30, 2003 10:14 pm
Località: Il freddo Nord

Re: Ged Senki / I racconti di Terramare - DVD Edizione italiana

Messaggio da Hols »

Ok, visti i due DVD (tranne lo storyboard, del quale non è che me freghi molto).
Ho riscontrato un problema tecnico in entrambi: quando si carica il menù principale oppure quando si passa da una voce all'altra dello stesso, il DVD si blocca, si "stacca" per un secondo (mi appare la schermata della TV, per capirci) e poi mi carica la pagina selezionata.

Dato che ho avuto problemi con un altro DVD acquistato di recente, mi chiedevo: è un problema dello specifico supporto (sempre per capirci, è capitato a qualcun altro?) oppure è colpa del lettore che è vecchio di almeno 6-7 anni?

Avatar utente
Tuffgong
Ghibliano
Ghibliano
Messaggi: 589
Iscritto il: ven ott 12, 2007 11:27 am
Località: Cesenatico

Re: Ged Senki / I racconti di Terramare - DVD Edizione italiana

Messaggio da Tuffgong »

Io non ho riscontrato questo problema.
Ricontrollerò, ma se lo avessi notato lo avrei sicuramente ricordato! :roll:
Immagine
"Ciò che ho realizzato è definita un'eresia da alcuni fan di Lupin, ma io penso che tutte le opere su Lupin, a parte quelle realizzate da noi, siano insignificanti!" H.M