Studio Ghibli & Lucky Red, nozze ufficiali

Discussioni su gli autori e gli anime Ghibli e Pre-Ghibli

Moderatore: Coordinatori

atchoo
Sposino
Messaggi: 3967
Iscritto il: dom apr 13, 2003 1:22 pm

Messaggio da atchoo »

dolcemind ha scritto:Io credo il contrario, se Totoro fosse un prodotto appetibile alla stragrande maggioranza degli italiani, non sarebbe nelle mani della Lucky red, ma in case di distribuzione molto più importanti.
Prima era nelle mani di Buena Vista... :roll:
Ora, dopo un "ridimensionamento" (molto relativo, confrontando l'attuale impegno profuso da Lucky Red e il non-impegno di Buena Vista), qualcuno poteva sperare in un aumento graduale dell'appetibilità. Intanto i film escono e già questo è un passo avanti rispetto a prima, quando non solo i film non uscivano al cinema, ma neppure in dvd!

Avatar utente
dolcemind
Susuwatari
Susuwatari
Messaggi: 1038
Iscritto il: gio ago 10, 2006 12:53 pm
Località: Roma, nei pressi.

Messaggio da dolcemind »

Ciò vuol dire che Buena Vista aveva ritenuto non conveniente investire, almeno in Italia, nella distribuzione di tali opere, perchè credo lo avesse giudicato prodotto "di nicchia" e quindi non remunerativo.

Avatar utente
entity
Ghibliano
Ghibliano
Messaggi: 459
Iscritto il: mar mag 20, 2003 8:18 am

Messaggio da entity »

Mi sono piaciuti molto due post il primo , quello di Debris perché ha centrato il problema, cito : “campagna pubblicitaria che faccia comprendere”
Il secondo quello di Dolcemind perché si chiede quale sia lo scopo della pubblicità e perché si pone una domanda fondamentale in campo pubblicitario/comunicazionale, cito:” ma buono per chi?”.
In campo pubblicitario/comunicazionale tutto prende origine da alcune domande fondamentali(quando si vuole lanciare un prodotto): “chi sono i nostri clienti ?” e “quali sono i loro bisogni?”.
Nel caso di Ponyo e degli altri film Ghibli il tipo di pubblicità che è stata fatta, trailer cinematografico che puntava sulla vittoria dell’Oscar e la presentazione dei film ai vari festival del cinema , è stata sempre indirizzata ad un pubblico molto ristretto ovvero quello appunto dei festival.
Non c’è mai stata una comunicazione che facesse capire ad un pubblico generico, formato dalle famiglie con bambini chi fosse Miyazaki e cosa avesse fatto nella sua vita.
Se fosse stato fatto un speciale anche solo di 30 minuti che evidenziasse come Miyazaki non fosse estraneo alla nostra cultura ma che in realtà non era altro che l’autore di serie quali Heidi, Lupin, Conan e Sherlock Holmes, che tutti abbiamo visto almeno una volta nella vita ,si sarebbero toccate corde molto profonde dell’animo e questo avrebbe fatto cadere quelle barriere che ancora ci sono nei confronti dell’animazione giapponese, in questo modo il pubblico che porta incasso si sarebbe sentito vicino al prodotto e lo avrebbe guardato con occhi diversi. Se si fosse fatto capire che dietro quei film c’è un lavoro immane e che non si lavora bene solo in America, forse le cose sarebbero andate diversamente. Vi sembrerà strano ma c’è ancora gente che crede che solo i film d’animazione americani siano fatti con cura meticolosa e che ancora crede alle solita panzane dette sull’animazione giapponese e che quindi è ancora prevenuta.
In pubblicità si cerca di far vedere i diversi aspetti di un prodotto a seconde dei bisogni di chi ci sta di fronte.
Uno special tv, andare nei maggiori programmi di intrattenimento a pubblicizzare il film anche questa è cultura, cultura non è solo andare nel ristretto mondo dei festival, i film Ghibli in Giappone, e non solo, sono dei film molto popolari, ovvero creati per il pubblico, questo lo dice lo stesso Miyazaki nelle sue interviste, non capisco perché in Italia si cerchi di stravolgere questa verità facendoli passare per film di nicchia e per eletti quando in realtà non lo sono e Ponyo film realizzato per bambini di 5 anni lo dimostra.
Da quello che ho letto capisco che chi distribuisce i film è contento dell’ incasso fatto, meglio così.

atchoo
Sposino
Messaggi: 3967
Iscritto il: dom apr 13, 2003 1:22 pm

Messaggio da atchoo »

dolcemind ha scritto:Ciò vuol dire che Buena Vista aveva ritenuto non conveniente investire, almeno in Italia, nella distribuzione di tali opere, perchè credo lo avesse giudicato prodotto "di nicchia" e quindi non remunerativo.
Mah. Non ritieni conveniente investire, ma adatti e doppi più di un film, prepari fascette e serigrafie dei dvd e le locandine pubblicitarie per poi lasciare (quasi) tutto inedito, fino alla scadenza dei diritti?
E' stato scritto più volte in passato: se Buena Vista avesse realmente fatto due conti e avesse fatto le considerazioni che scrivi tu, ok, ci saremmo rassegnati. Ma da quello che ho scritto poco sopra e da tante altre cose si evince che Buena Vista non aveva il minimo interesse nelle opere Studio Ghibli, a prescindere dalle nicchie e dalle non nicchie.
Ultima modifica di atchoo il sab mag 02, 2009 12:22 pm, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
dolcemind
Susuwatari
Susuwatari
Messaggi: 1038
Iscritto il: gio ago 10, 2006 12:53 pm
Località: Roma, nei pressi.

Messaggio da dolcemind »

Non sono così addentro per poter giudicare...ma perchè spendere soldi inutilmente?
Forse han comprato i diritti e distribuito in altri paesi ma non Italia oppure nemmeno in altri paesi. In entrambi i casi l'unica spiegazione è che han considerato il tutto non remunerativo oppure poco remunerativo o addirittura capace di non coprire i costi di distribuzione, nonostante i soldi già spesi per farlo. Ciò vuol anche dire poche persone interessate o almeno uno studio di settore. L'ipotesi di base è che sappiano fare il loro mestiere.
Ma sto solo facendo delle ipotesi...

Avatar utente
Heimdall
Tanuki
Messaggi: 3448
Iscritto il: sab apr 26, 2003 12:39 pm
Località: Rescaldina (Mi)

Messaggio da Heimdall »

dolcemind ha scritto:L'ipotesi di base è che sappiano fare il loro mestiere. Ma sto solo facendo delle ipotesi...
Di solito non amo fare il cittì della nazionale, e lascio fare agli altri il proprio lavoro partendo dal tuo stesso presupposto. Ma, giacché la necessaria frequentazione della Buena Vista Italia per gli appassionati di Miyazaki è una piaga costante negli ultimi sei o sette anni, un po' abbiamo imparato a conoscerla.
Chi segue da tempo questo forum e, a maggior ragione, chi frequentava il precedente forum Buena Vista, sa che i pasticci combinati dai devoti veneratori del Sorcio non si contano: dalle edizioni fallate alle uscite senza nessun criterio, fino ad arrivare ai doppiaggi inseriti per errore nei dvd, come avvenne per il "re leone" che ha determinato un'ondata di proteste tale da spingere la stessa BV a chiudere il proprio forum.

Ma le domande e le perplessità sono molte: perché inziare le uscite con Kiki, farne uscire una prima edizione fallata, poi promettere l'uscita di Laputa e Porco Rosso per poi fare uscire solo Laputa, poi ripubblicare Kiki, lasciare uscire di catalogo Laputa con conseguente strada spianata alle speculazioni e alla pirateria, poi ristampare e distribuire Mononoke Hime con un'altra confezione, poi promettere Nausicaa e Porco Rosso in uscita contemporanea, eccetera... ? Soprattutto, perché lasciare nel cassetto a fare la muffa tre doppiaggi ormai già realizzati (e quindi pagati) come quelli di Nausicaa, Porco Rosso e Totoro?

L'idea questa volta - corroborata dalla conoscenza diretta di alcuni operatori del settore - è quella di un dilettantismo allo stato brado e di una navigazione a vista tutt'altro che programmata.
Per il resto, posso confermarti che la stessa BV ha pubblicato i dvd con ottime edizioni in Francia. In GB e Germania sono usciti per altri distributori, mentre - se non erro, ma potrei avere informazioni vecchie o incomplete - il mercato di lingua spagnola, per il quale la BV aveva (ha?) i diritti, condivide la nostra stessa sorte in termini di uscite mancate e avvenute.
Immagine

Avatar utente
dolcemind
Susuwatari
Susuwatari
Messaggi: 1038
Iscritto il: gio ago 10, 2006 12:53 pm
Località: Roma, nei pressi.

Messaggio da dolcemind »

Capisco...non sono così "vecchio" :) per conoscere queste cose...
Quello che intendevo, almeno inizialmente, è che la Lucky Red mi sembra che sia una casa
che investe, per sua natura, in prodotti di nicchia e di qualità. Dicevo che se Totoro ed affini
fossero prodotti dal grande appeal commerciale, probabilmente non sarebbero nelle mani della LR.

Avatar utente
entity
Ghibliano
Ghibliano
Messaggi: 459
Iscritto il: mar mag 20, 2003 8:18 am

Messaggio da entity »

Hai ragione L.R. ha sempre distribuito prodotti di nicchia, ma i film Ghibli non sono di nicchia (o almeno non tutti) altrimenti non incasserebbero a livello mondiale miliardi su miliardi.
Il problema è che in Italia sono visti così da chi li distribuisce ma in realtà non lo sono, basta solo la giusta pubblicità come dicevo prima, tutto qui.
Per quanto riguarda il caso BUENA VISTA, ti ha risposto l'amministratore.

atchoo
Sposino
Messaggi: 3967
Iscritto il: dom apr 13, 2003 1:22 pm

Messaggio da atchoo »

entity ha scritto:ti ha risposto l'amministratore delegato.
Fixed. :)

Avatar utente
Heimdall
Tanuki
Messaggi: 3448
Iscritto il: sab apr 26, 2003 12:39 pm
Località: Rescaldina (Mi)

Messaggio da Heimdall »

entity ha scritto:Per quanto riguarda il caso BUENA VISTA, ti ha risposto l'amministratore.
Carissimi, non preoccupatevi: sono soltanto un umile moderatore qui e poi ti ho risposto da semplice utente. :D :D :D Se c'è qualcuno meglio informato, come è facile che sia, lo prego di integrare o correggere pure senza remore. ;)

Tra parentesi, sposto questi ultimi post dal thread dedicato a Ponyo a quello in cui si parla della "LR e Studio Ghibli" più in generale, visto che mi sembrano maggiormente pertinenti e sviluppano un dibattito già in corso su questo stesso topic.
Immagine

Avatar utente
dolcemind
Susuwatari
Susuwatari
Messaggi: 1038
Iscritto il: gio ago 10, 2006 12:53 pm
Località: Roma, nei pressi.

Re: Studio Ghibli & Lucky Red, nozze ufficiali

Messaggio da dolcemind »

Avete letto questa bella intervista ad Alessandra Tieri di L.R.
In parte dà ragione ad Entity, in parte c'è un accenno ad una questione culturale:
http://www.yamatovideo.com/news/home.ph ... icolo=1315

Mi fa pensare l'ultima frase... :roll:

Avatar utente
entity
Ghibliano
Ghibliano
Messaggi: 459
Iscritto il: mar mag 20, 2003 8:18 am

Re: Studio Ghibli & Lucky Red, nozze ufficiali

Messaggio da entity »

A volte puo sembrare che il sottoscritto voglia prevaricare, ma non è cosi, mi sforzo solamente di creare una mappa della situazione a 360 gradi, perchè solo avendo una visione che sia il più globale possibile si possono risolvere i problemi.
Tutto qui.

Avatar utente
Raghnar
Kodama
Kodama
Messaggi: 1286
Iscritto il: mer mag 03, 2006 8:12 pm
Località: In Viaggio

Re: Studio Ghibli & Lucky Red, nozze ufficiali

Messaggio da Raghnar »

Scusate se insisto, ma questo Totoro al 29 Maggio non è ancora stato nè confermato nè smentito? O_o
Niente Trailer, niente programmazione, niente di niente? o_O
Somewhere, along the edge of the bell curve.
Ph.Me

Avatar utente
Heimdall
Tanuki
Messaggi: 3448
Iscritto il: sab apr 26, 2003 12:39 pm
Località: Rescaldina (Mi)

Re: Studio Ghibli & Lucky Red, nozze ufficiali

Messaggio da Heimdall »

Raghnar ha scritto:Scusate se insisto, ma questo Totoro al 29 Maggio non è ancora stato nè confermato nè smentito?
Ti sei perso un passaggio, Ragh. Dolente di privare il Malvagissimo del (per Lui) sommo e indubbio piacere di rampognarti, ma spero mi perdonerà perché ti rispondo citando Lui, il che è quasi la stessa cosa... :loool: ;)

viewtopic.php?f=21&t=2509&p=59933#p59933
Immagine

Avatar utente
Raghnar
Kodama
Kodama
Messaggi: 1286
Iscritto il: mer mag 03, 2006 8:12 pm
Località: In Viaggio

Re: Studio Ghibli & Lucky Red, nozze ufficiali

Messaggio da Raghnar »

Grazie alla memoria storica del Forum, e perdonate questo sperduto utente...
... Il Maligno mi ha già strigliato a sufficienza recentemente, era la tua volta! :loool:

A tal proposito, è meglio uppare un vecchio thread di Totoro o aprirne uno nuovo Totoro+LR?
Somewhere, along the edge of the bell curve.
Ph.Me