Il Mio Vicino Totoro in DVD

Discussioni su gli autori e gli anime Ghibli e Pre-Ghibli

Moderatore: Coordinatori

Avatar utente
Cobra70
Ghibliano D.O.C.
Ghibliano D.O.C.
Messaggi: 754
Iscritto il: sab ott 14, 2006 12:51 pm
Località: Legnano (MI)

Re: Il Mio Vicino Totoro in DVD

Messaggio da Cobra70 » lun gen 25, 2010 12:17 pm

Avevo conosciuto a Praga due ragazze giapponesi.
Ricordo che entrambe si chiamavano Natsko (non so si scrive così) e mi dicevano che il nome era pronunciabile sia come Natsko, sia come Natsuko.
Nonostante per le due ragazze il nome fosse il medesimo, mi hanno detto che in giapponese si scriveva in due modi differenti e mi avevano fatto anche i "disegnino".
Purtroppo non credo di averne più traccia, se non nei ricordi dei bei momenti passati in loro compagnia! :D
Che "strani" questi giapponesi!
Cobra70

sorel1968
Nuovo Membro
Nuovo Membro
Messaggi: 4
Iscritto il: dom gen 24, 2010 7:33 pm

Re: Il Mio Vicino Totoro in DVD

Messaggio da sorel1968 » lun gen 25, 2010 2:33 pm

Grazie!
Devo preparare una lezione per presentare "Totoro" ai ragazzi (medie) che mi tempesteranno di una marea di domande.
Bisognerebbe avere quattro lauree per insegnare!

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5408
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard
Contatta:

Re: Il Mio Vicino Totoro in DVD

Messaggio da Shito » lun gen 25, 2010 4:25 pm

Mannò, che dici!

L'importante è sapere la differenza tra un DVD 5 e un DVD 9, tra video progressivo e interlacciato, conoscere il signifato di espressioni quali 'macroblocchi' e 'effetto ghost', e soprattutto avere un'infarinatura della delicata poetica artistica del sommo cantore della natura omiodio spiritualista nippogiappolandese Miyazaki.

Ah, e ovviamente sapere a memoria quali siano gli extra delle varie versioni del DVD! Anche quello è importante.
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

sorel1968
Nuovo Membro
Nuovo Membro
Messaggi: 4
Iscritto il: dom gen 24, 2010 7:33 pm

Re: Il Mio Vicino Totoro in DVD

Messaggio da sorel1968 » lun gen 25, 2010 7:36 pm

Mannò, che dici!

L'importante è sapere la differenza tra un DVD 5 e un DVD 9, tra video progressivo e interlacciato, conoscere il signifato di espressioni quali 'macroblocchi' e 'effetto ghost', e soprattutto avere un'infarinatura della delicata poetica artistica del sommo cantore della natura omiodio spiritualista nippogiappolandese Miyazaki.

Ah, e ovviamente sapere a memoria quali siano gli extra delle varie versioni del DVD! Anche quello è importante.
Aiuto! Speriamo di no!
Comunque mi sono preparato... Ogni volta, negli anni, che ho presentato un film dello studio Ghibli è stato un lavoraccio. I ragazzi hanno apprezzato. E vi assicuro che molti di loro sono diventati dei fan incalliti del grande Myazaky (almeno così mi hanno assicurato).
Io sono più terra terra, le questioni sull'audio ecc...sono superiori alla mia capacità di comprensione.
Guardo le immagini, cerco di capire le tematiche dei film, mi faccio tante domande sui nomi, sulle leggende, sui riferimenti alla mitologia giapponese e/o occidentale, ecc...E mi fermo qui...
Le caratteristiche tecniche dei video, bè, non è roba per me.

Penauts
Membro Senior
Membro Senior
Messaggi: 200
Iscritto il: ven apr 03, 2009 12:47 am

Re: Il Mio Vicino Totoro in DVD

Messaggio da Penauts » mar gen 26, 2010 12:41 am

Penso che piacerai a Shito :sorriso:
(il suo post era ironico)
Fortunati i tuoi ragazzi

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5408
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard
Contatta:

Re: Il Mio Vicino Totoro in DVD

Messaggio da Shito » mar gen 26, 2010 11:49 am

sorel1968 ha scritto: Comunque mi sono preparato... Ogni volta, negli anni, che ho presentato un film dello studio Ghibli è stato un lavoraccio. I ragazzi hanno apprezzato. E vi assicuro che molti di loro sono diventati dei fan incalliti del grande Myazaky (almeno così mi hanno assicurato).
Io sono più terra terra, le questioni sull'audio ecc...sono superiori alla mia capacità di comprensione.
Guardo le immagini, cerco di capire le tematiche dei film, mi faccio tante domande sui nomi, sulle leggende, sui riferimenti alla mitologia giapponese e/o occidentale, ecc...E mi fermo qui...
Le caratteristiche tecniche dei video, bè, non è roba per me.
Dopo la trollata provocatoria (non per te, ma per tutti coloro che se ne sentissero provocati), un consiglio serio.

Ovviamente la disquisizione tecnica è cacca o onanismo, non so cosa sia peggio.
Cerca di fare solo un po' di ermeneutica genuina. Cerca di calarti nel contesto -circostanziale e mentale- dell'autore.
Attento a non travalicare, con le tue pur oneste domande, l'intento comunicativo reale dell'autore.
Non sovrinterpretare.
Non specchiare te stesso, i tuoi interessi, nell'arte dell'altro.
Studia l'altro per capire lui.
Cerca di passare attraverso lo specchio.

In bocca al lupo.

PS:
Io sono il re degli slati, ma davvero: si scrive Miyazaki.
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

sorel1968
Nuovo Membro
Nuovo Membro
Messaggi: 4
Iscritto il: dom gen 24, 2010 7:33 pm

Re: Il Mio Vicino Totoro in DVD

Messaggio da sorel1968 » mar gen 26, 2010 6:51 pm

Cerca di fare solo un po' di ermeneutica genuina. Cerca di calarti nel contesto -circostanziale e mentale- dell'autore.
Attento a non travalicare, con le tue pur oneste domande, l'intento comunicativo reale dell'autore.
Non sovrinterpretare.
Non specchiare te stesso, i tuoi interessi, nell'arte dell'altro.
Studia l'altro per capire lui.
Cerca di passare attraverso lo specchio.
I consigli sono sempre ben accetti e la prudenza è d'obbligo. Grazie

PS: certo che come argomento si potrebbe mettere la sovrainterpretazione nelle opere del Maestro...

Avatar utente
*Kiki*
Membro Senpai
Membro Senpai
Messaggi: 342
Iscritto il: mar mar 31, 2009 6:33 pm

Re: Il Mio Vicino Totoro in DVD

Messaggio da *Kiki* » dom gen 31, 2010 11:00 am

KwErEnS ha scritto::offtopic: Riguardo ai contenuti del film

... invito a visitare questa pagina che ho trovato segnalata nel topic Studio Ghibli bookmarks:

An analysis of 「となりのトトロ」 from the perspective of a student learning Japanese
Davvero molto interessante, così prendendo spunto da queste recensioni si può trovare più facilmente qualcosa di intelligente da scrivere! :D
KwErEnS ha scritto: PS
Un plauso a Cannarsi per l'adattamento italiano fedelissimo (per quanto posso dedurne io che non conosco il giapponese :oops:) della battuta di Satsuki "Papà, Mei dice di aver incontrato un Totoro quaggiù." (tempo 0:36:40)
Già, non avevo fatto troppo caso a quell' articolo che precedeva la parola Totoro in quella battuta... :shock: Sentendo solo parlare del film da cui è stata tratta l'icona dello studio Ghibli ero convinta che Totoro fosse il nome proprio di un personaggio magico famoso in quella zona (tipo, che so, la regina Maab delle fate o Kamahagi, riferendosi ad un altro film del maestro), invece si tratta soltanto del nome di una specie, come dire "un folletto", o "uno gnomo"... :? E quando in seguito le bambine si rivolgono a lui chiamandolo "Totoro" è come se lo chiamassero "gatto" o "cane"... 8)

Riguardo il topic di cui chiedevo, quello sui contenuti del film, dunque non esiste ancora... :o Mi era parso che non ci fosse, ma mi sembrava troppo strano qui, dove conoscete questo film da anni... :si: Beh, se per discutere dell'argomento devo aprire io il topic preferisco aspettare ancora, soprattutto perché non ho avuto ancora modo di rivederlo nemmeno una seconda volta e già i miei ricordi si stanno affievolendo... :no: E soprattutto a questo punto voglio trovare prima il tempo di leggere quelle recensioni che hai linkato! :wink:
E' il mio primo post, ma vi seguo...da anni.
E' solo che non avevo cose intelligenti da dire.
Ma dopo la decima volta che ho visto Totoro (grazie a mio figlio...) mi è venuto un dubbio ben alimentato anche dalla contemporanea visione di Ponyo.
Una delle protagoniste Satsuki viene chiamata distintamente Satski con la perdita della u. La stessa cosa avviene con il piccolo Sosuke in Ponyo (che è chiamato Soske con perdita della u).
Non conosco ovviamente il giapponese, ma ricordo di aver conosciuto a Londra una Sotsuke che scherzava sul significato del suo nome ("Sono Aprile e mi hai conosciuta a Luglio!") e che gli amici giapponesi chiamavano (scandisco) Sat-su-ke.
Ero ubriaco in gioventù? Ho capito male? O è un vezzeggiativo sul modello del -cian dopo il nome di un bambino o persona cara, ecc...?
Qualcuno potrebbe risolvere questo (piccolo) mistero?
Beh, visto che avete toccato quest'altro argomento, approfitto anch'io per citare un'altra cosa che ha lasciato perplessa me oltre a questa... :?: Quando sento parlare gli "otaku" (non sarà forse corretto, ma mi piace chiamare così anche i ragazzi italiani che leggono manga e vanno alle fiere del fumetto) li sento pronunciare certi nomi così: Sasùke, Satsùki, eccetera, con l'accento sulla seconda sillaba... :shock: Invece secondo la corretta pronuncia dei giapponesi l'accento in certi nomi cade sempre sulla prima o c'è una regola particolare? :?: In Lamù la bella esorcista nipote di Sakurambo era chiamata anche nell'anime in italiano "Sakùra", mentre la cattura-carte creata dalle Clamp e la ragazza dai capelli rosa amica di Naruto sono entrambe "Sàkura"... :scered: Qual è la pronuncia corretta? :roll: Per esempio un nome come Tamaki dove ha l'accento? :|
sorel1968 ha scritto:Grazie!
Devo preparare una lezione per presentare "Totoro" ai ragazzi (medie) che mi tempesteranno di una marea di domande.
Bisognerebbe avere quattro lauree per insegnare!
Tieni lezioni sulle opere di Miyazaki alle medie? :?: Che fortuna per questi ragazzi avere insegnanti con delle idee così aperte, che non etichettano un film come stupido e/o infantile soltanto perché a cartoni animati! :si:
Una casa senza libreria è una casa senza dignità,
ha qualcosa della locanda,
è come una città senza librai,
un villaggio senza scuole,
una lettera senza ortografia.

Edmondo De Amicis

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5408
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard
Contatta:

Re: Il Mio Vicino Totoro in DVD

Messaggio da Shito » dom gen 31, 2010 7:13 pm

*Kiki* ha scritto: Beh, visto che avete toccato quest'altro argomento, approfitto anch'io per citare un'altra cosa che ha lasciato perplessa me oltre a questa... :?: Quando sento parlare gli "otaku" (non sarà forse corretto, ma mi piace chiamare così anche i ragazzi italiani che leggono manga e vanno alle fiere del fumetto) li sento pronunciare certi nomi così: Sasùke, Satsùki, eccetera, con l'accento sulla seconda sillaba... :shock: Invece secondo la corretta pronuncia dei giapponesi l'accento in certi nomi cade sempre sulla prima o c'è una regola particolare? :?: In Lamù la bella esorcista nipote di Sakurambo era chiamata anche nell'anime in italiano "Sakùra", mentre la cattura-carte creata dalle Clamp e la ragazza dai capelli rosa amica di Naruto sono entrambe "Sàkura"... :scered: Qual è la pronuncia corretta? :roll: Per esempio un nome come Tamaki dove ha l'accento? :|
Provo a spiegaterlo.

Nella linguistica orale, ovvero nel parlare di ciascuna lingua, esistono quelli che si chiamano 'elementi prosodici', ovvero:
-accento
-tono
-lunghezza
(delle/sulle vocali).

L'italiano ha l'accento tonico.
Il giapponese no, il giapponese ha lunghezza vocalica e tonalità.

Per intenderci, in italiano tu dici papà, ma già in francese, dove l'accento tonico non è marcato come in italiano, in effetti dovresti come accentare OGNI sillabala, dovresti dire una cosa che scriverei pàpà.

Ora, dato che siamo italiani, quando pronunciamo una parola straniera -nomi inclusi- lo facciamo con i NOSTRI fonemi(foni). E' un guaio.

E' la ragione per cui al liceo il suono fricativo interdentale inglese 'th' diviene inevitabilmente una fricativa labiodentale (f/v) quando va bene, o una plosiva dentale (t/d) quando va male.
Perché in italiano quel suono (fricativa interdentale) non c'è, e quindi gli italiani non sanno produrlo.

Ok, allora tu hai un nome, diciamo Satsuki, giapponse. Come si pronuncerebbe?

Vocali lunghe in Satsuki non ce ne sono. La U è semi muta (nel giapponese 'standard', ovvero edoben), le sillabe hanno tutte la stessa lunghezza, e sono tutte senza accento tonico.
Tonalmente, sarebbe come un 3-1-2 come 'altezza tonale', ovvero la prima sillaba ha un tono più alto, la seconda due toni più basso, la terza intermedia.

Ovviamente, questo un italiano non lo pronuncia. E ti dirò di più, se pure si pronunciasse proprio alla giapponese, pronuncianto in mezzo a un discorso comunque (tradotto in) italiano sarebbe anche molto insensato E sgradevole.

Quindi in una frase italiana devi comunque pronunciare il nome straniero un po' all'italiana.

Quindi devi mettere un accento tonico su una sillaba. Per forza.

Come la scegli?

Non esiste una regola precisa, ma ci sono delle norme logiche e di buon senso.
Non le ha mai scritte nessuno. Le ho pensate e codificate io stesso.

Come è noto, in italiano quando una sillaba 'aperta' (ovvero terminante per vocale) è accentata (tonica) allora la vocale si allunga.
In trascrizione fonetica questo si scrive con un ":", segno chiamato 'crono'.

Quindi 'ta-vo-lo', ovvero 'tàvolo' è in effetti pronunciato come 'tà:volo'. Mentre 'tan-to', ovvero 'tànto' è pronunciato come 'tànto'.
Noterai che in italiano la A di 'tavolo' è più lunga della A di 'tanto', benché in entrambi i casi siano comunque accentate (toniche).

Ne segue che mettere l'accento tonico su una sillaba di una parola giapponese equivale ad allungarla, dato che il giapponese conosce SOLO sillabe aperte (salvo quelle che terminano con la 'n').

Quindi, se io ho Sakura, che NON ha in giapponese un allungamento sulla U, e lo pronuncio Sakùra in italiano, ho fatto uno scempio: ho messo un allungamento dove non ci voleva.
Peraltro la U è una vocale semimuta in giapponese, quindi allungarla è proprio terribile.
Eviterei Sakurà perché le parole tronche suonano molto caratteristiche al nostro orecchio linguistico.
In questo caso, Sàkura è senz'altro la scelta migliore, anche perché in genere accentare la prima sillaba di un trisillabico (alla greca, si direbbe) rende l'accentazione tonica meno sensibile in italiano, quasi evanescente.

Il caso di Satsuki è del tutto analogo, con l'aggiunta che la U in TSU è molto afona davvero, quindi non si sente quasi.

Spero che la spiegazione ti abbia soddisfatto. :)
Ultima modifica di Shito il mar feb 02, 2010 3:11 pm, modificato 1 volta in totale.
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Avatar utente
ghila
Chibi Totoro
Chibi Totoro
Messaggi: 1745
Iscritto il: lun gen 24, 2005 11:37 am
Località: Bergamo
Contatta:

Re: Il Mio Vicino Totoro in DVD

Messaggio da ghila » mar feb 02, 2010 2:19 pm

Shito ha scritto:Spero che la spiegazione ti abbia soddisfatto. :)
Senza parole. Grazie.
Ora so cosa rispondere a Katya che fin da subito m'ha posto questa domanda.
O almeno so cosa fargli leggere... :wink:
Raro concedit, numquam negat, semper distinguit

Avatar utente
Cobra70
Ghibliano D.O.C.
Ghibliano D.O.C.
Messaggi: 754
Iscritto il: sab ott 14, 2006 12:51 pm
Località: Legnano (MI)

Re: Il Mio Vicino Totoro in DVD

Messaggio da Cobra70 » gio feb 04, 2010 2:36 pm

E' ARRIVATO!
Ore 13:30 il corriere mi ha portato la doppia di Totoro!
Ed era in buona compagnia, perché nel pacco era presente anche la doppia di Terramare!
Bhé il corriere è stato velocissimo, il negozio on-line un po' meno!
Sono contento!
Certo che guardare uno affianco all'altro le due confezioni dei due film Ghibli ci si rende subito conto della differenza di package, a favore di Terramare!
Cobra70

Avatar utente
algid
Membro Senior
Membro Senior
Messaggi: 191
Iscritto il: mar nov 27, 2007 9:33 pm
Località: Torino

Re: Il Mio Vicino Totoro in DVD

Messaggio da algid » mer mar 24, 2010 3:46 pm

Non so se questa sia la sezione giusta ma ho letto questa curiosità e ho pensato di postarla qui..
Il personaggio del titolo del film animato di Hayao Miyazaki, Il mio vicino Totoro è apparso in un cameo su Toy Story 3, il progetto di Lee Unkrich e Pixar di cui è appena uscito con il terzo trailer, la settimana scorsa.
Fonte: http://www.everyeye.it/anime/notizia/to ... ry-3_70566
http://www.youtube.com/watch?v=TNMpa5yBf5o

PS: Per me John Lasseter è il prototipo del nerd/otaku americano x eccellenza! >_<
"Which is the most comfortable chair?"
"This one, father. It is the chair I use myself, when I have visitors."

pippov
Tanuki
Messaggi: 3563
Iscritto il: dom apr 13, 2003 11:59 am

Re: Il Mio Vicino Totoro in DVD

Messaggio da pippov » mer mar 24, 2010 4:00 pm

C'è una discussione dedicata a quella notizia.
Si tratta della mia filosofia di vita. Io rispetto tutti, se qualcuno dice che Mourinho non e' meglio di lui sono d'accordo. Ma non posso vivere in questo mondo competitivo pensando che qualcuno sia meglio di me - Jose' Mourinho

Rispondi