Heisei Tanuki Gassen Ponpoko [commenti post-visione]

Discussioni su gli autori e gli anime Ghibli e Pre-Ghibli

Moderatore: Coordinatori

Avatar utente
*Kiki*
Membro Senpai
Membro Senpai
Messaggi: 342
Iscritto il: mar mar 31, 2009 6:33 pm

Heisei Tanuki Gassen Ponpoko [commenti post-visione]

Messaggio da *Kiki* »

Apro questo topic su richiesta, per chi ha comprato il DVD di questo capolavoro del 1994 di Isao Takahata ed ha voglia di commentare i contenuti del film... :)
Come si è accennato già nel topic dedicato all'uscita del DVD qui in Italia, Heisei Tanuki Gassen Ponpoko non è di semplice comprensione, e risulta molto ostico soprattutto per il pubblico italiano, fra cui troppa gente nutre pregiudizi sulle opere giapponesi e soprattutto sugli anime in genere, superficialmente etichettati come prodotto per bambini, come qualsiasi cartone animato in generale (italiano, americano, francese o altro che sia)... :(
A primissima (e superficiale) vista sembrerebbe il classico cartone animato carino per bimbi, con tanti animaletti graziosi protagonisti di buffe scenette, ma questa impressione si può avere unicamente guardando le immagini che appaiono sulla confezione del DVD (o al massimo dalla primissima parte del film), i temi affrontati sono ben più complessi e non comprensibili dai bambini! :D
Bella l'idea di mescolare la narrazione di un fatto storico con le leggende popolari giapponesi, il che ha reso il film molto suggestivo, anche grazie alla colonna sonora, adeguatissima, come in tutti i film Ghibli; ottimo l'espediente di mostrare i tanuki in maniera diversa a seconda se si trovavano fra di loro (antropomorfi ed un pò buffi) o se interagivano con gli esseri umani (esattamente come li vedremmo in un documentario)! :wink:
In realtà quest'ultima trovata non è del tutto nuova, o almeno se lo è, è nuova solo nel cinema, perché un espediente del genere è stato già utilizzato una decina di anni prima di questo film da Bill Watterson nella sua celebre striscia a fumetti Calvin e Hobbes (in cui Hobbes è un tigrotto di peluche, ma appare come una tigre viva quando è solo con il piccolo Calvin ma torna peluche quando ci sono anche i genitori del bambino... :tongue: Comunque niente da dire, anche perchè è ovvio che si tratti di pura casualità! :aureola:
Ho letto commenti che esprimevano perplessità sul ritmo di narrazione, ritenuto troppo veloce all'inizio e poi troppo lento... Io non sono d'accordo, a me pare che la storia proceda semplicemente come deve procedere: all'inizio i tanuki ci travolgono con il loro entusiasmo, e ne pensano tante pur di salvare la loro casa; il film pare un pò più allegro e spensierato perché pur rendendoci conto che è effettivamente impossibile per degli inermi animaletti fermare l'avanzata impietosa dell'urbanizzazione organizzata dall'uomo, ci immedesimiamo in ciò che pensano loro, che sarà facile scacciare via quei fastidiosi intrusi... :mrgreen: Poi però anche i tanuki si rendono conto delle difficoltà, e che anche uccidendo qualcuno dei "nemici" non otterranno granchè, perché sono troppi ed altri sostituiranno i "caduti"... :? Ed ecco perciò una parte più riflessiva e drammatica, quella in cui nascono fra loro divergenze, i toni si fanno più seri, cresce fra di loro la paura nel futuro, fino alla rassegnazione finale, anche perché a nulla era valso l'eroico sacrificio di tanti loro compagni... :cry:
Meno male che alla fine il messaggio è un pò meno drammatico che in Una tomba per le lucciole (anche se ho trovato Pompoko altrettanto commovente)! :sorriso2: Vedere tutti quei tanuki morti è stato orribile (sarò un mostro, ma il camion finito fuori strada non mi ha fatto né caldo né freddo :oops: ), ma almeno il finale mi ha un pò risollevata! :si:
Non saprei che dire del doppiaggio italiano, perché non ho guardato il film in giapponese e non posso fare paragoni... :o A me pare buono, con doppiatori non scelti a caso, ed anche se a volte mi è parso che il narratore parlasse un pò troppo mi rendo conto che le sue spiegazioni erano necessarie per comprendere meglio tutta la situazione, e poi forse questo effetto da film documentario che è stato ottenuto probabilmente era pure voluto, trattandosi di una storia vera, anche se infarcita di elementi fantastici!
Insomma, ennesimo capolavoro dello studio Ghibli, non mi pento affatto dell'acquisto! :si:

Perdonate la superficialità del commento, per ora ho visto il film una volta sola e di certo non ho colto diverse sfumature! :oops:
Una casa senza libreria è una casa senza dignità,
ha qualcosa della locanda,
è come una città senza librai,
un villaggio senza scuole,
una lettera senza ortografia.

Edmondo De Amicis
Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5407
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard

Re: Heisei Tanuki Gassen Ponpoko [commenti post-visione]

Messaggio da Shito »

Mi sembra un ottimo commento, è stato un piacere leggerlo.

Sì, come ho spiegato qua e là il particolare stile 'difficile e affastellato' della narrazione è voluto in italiano come nell'originale, dove il narratore è un attore di teatro rakugo. :)
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)
Avatar utente
*Kiki*
Membro Senpai
Membro Senpai
Messaggi: 342
Iscritto il: mar mar 31, 2009 6:33 pm

Re: Heisei Tanuki Gassen Ponpoko [commenti post-visione]

Messaggio da *Kiki* »

Shito ha scritto:Mi sembra un ottimo commento, è stato un piacere leggerlo.
Mi fa piacere! :)
Comunque ecco, fra ciò che avevo tralasciato c'è la terza forma in cui vengono mostrati i tanuki (oltre a quella realistica ed a quella antropomorfa), quella più stilizzata (da quanto ho capito erano i tanuki incapaci di trasformarsi), che da quanto ho letto volevano essere un omaggio a Sugiura Shigeru, un anziano mangaka... 8)
Ma a proposito dei tanuki comuni, non ho compreso una cosa... :? Ad un certo punto l’anziano tanuki di 999 anni costruisce una barca che condurrà i tanuki comuni alla morte... :( Il che sarebbe comprensibile, dato che i trasformisti riescono a cavarsela bene in quanto si mescolano ai veri esseri umani adattandosi anche alle loro usanze, ma a loro è impossibile... :cry: Tuttavia alla fine non mi pare che il narratore li dia per morti, anzi... :shock: Non sono loro che incontra alla fine il giovane tanuki (come si chiama?) in aspetto umano, che li saluta dopo tanto tempo che non si vedevano? :?:
Bella anche la sfilata di spettri... :D La sto guardando e riguardando su YT perché vorrei riuscire a vedere Kiki e Totoro, ma non riesco a trovarli (Taeko non la conosco, perciò non la troverei comunque)... :no: Piuttosto, che c'entra il Galaxy Express 999? :aaaaaah:
Una casa senza libreria è una casa senza dignità,
ha qualcosa della locanda,
è come una città senza librai,
un villaggio senza scuole,
una lettera senza ortografia.

Edmondo De Amicis
Avatar utente
sdz
Ghibliano
Ghibliano
Messaggi: 439
Iscritto il: dom set 05, 2004 7:52 pm
Località: Firenze

Re: Heisei Tanuki Gassen Ponpoko [commenti post-visione]

Messaggio da sdz »

Commento rapidissimo: il film lo vidi tempo fa e questa è stata quasi una prima volta visto che me ne ricordavo poco: è bello denso e ricco. La storia che tratta le conseguenze dell'urbanizzazione delle campagne, viene portata avanti alternando toni più leggeri a momenti più drammatici oppure documentaristici, con uno sviluppo che mi ha ricordato per alcuni versi le vicende degli indiani d'America alle prese con la colonizzazione. E' un film corale nel senso che non c'è un personaggio che spicca ma tanti comprimari. Fra le cose più notevoli lo studio "da umani" e le apparizioni di spettri e la grande parata che sono un concentrato di trovate e ricchezza visiva: tutto il film è pieno di richiami al folklore e alla tradizione giapponese che farebbe venir voglia di avere sottomano una guida per cogliere tutti i rimandi :) E' pieno anche di citazioni Ghibli, oltre a Porco Rosso, Totoro e Kiki mi pare di aver visto anche il poster di Ocean Waves :D
Per quanto riguarda il doppiaggio devo dire che in particolare mi è piaciuta proprio la voce narrante che ha il compito di reggere tutto il film, da precedenti descrizioni pensavo fosse più "pesante", invece mi è sembrata filare nonostante la complessità del testo.
Probabilmente all'interno della filmografia Ghibli è il film più difficile da definire in questo mischiare di realismo e fantastico.
Avatar utente
*Kiki*
Membro Senpai
Membro Senpai
Messaggi: 342
Iscritto il: mar mar 31, 2009 6:33 pm

Re: Heisei Tanuki Gassen Ponpoko [commenti post-visione]

Messaggio da *Kiki* »

Purtroppo avendo visto finora pochi film Ghibli non posso notare tante citazioni... :( Però ho finalmente scovato Kiki e Totoro... :D Ieri mi concentravo soltanto sulla parte della sfilata di spettri avvenuta in città, ma loro 2 appaiono appena prima, quando i 3 tanuki anziani danno il via a quella magnifica performance quando sono ancora al loro villaggio! :wink:
Una casa senza libreria è una casa senza dignità,
ha qualcosa della locanda,
è come una città senza librai,
un villaggio senza scuole,
una lettera senza ortografia.

Edmondo De Amicis
Avatar utente
monique*
Membro
Membro
Messaggi: 59
Iscritto il: sab dic 04, 2010 12:14 pm
Località: Soave VR

Re: Heisei Tanuki Gassen Ponpoko [commenti post-visione]

Messaggio da monique* »

*Kiki* ha scritto:Purtroppo avendo visto finora pochi film Ghibli non posso notare tante citazioni... :( Però ho finalmente scovato Kiki e Totoro... :D Ieri mi concentravo soltanto sulla parte della sfilata di spettri avvenuta in città, ma loro 2 appaiono appena prima, quando i 3 tanuki anziani danno il via a quella magnifica performance quando sono ancora al loro villaggio! :wink:
esatto! se presti attenzione vedrai passare anche l'aeroplano di porco rosso! ;)

comunque mi unisco anche io al coro... l'ho visto ieri e l'ho adorato! :) non pensavo mi sarebbe piaciuto tanto! inutile ribadire il concetto che occorrerebbe saperne un po' di più sulla cultura giapponese per capirlo meglio però anche con i miei pochi rudimenti l'ho trovato molto godibile! Ha entusiasmato parecchio anche il mio moroso che di Giappone ne sa poco o nulla...! :mrgreen:

una piccola curiosità: durante la parata dei mostri c'è la processione dello sposalizio delle volpi.. io ci ho visto una citazione del primo episodio di "Sogni" di Kurosawa (il film è del '90 mi pare.. mentre pompoko del '94 giusto?)... poi magari è pura coincidenza e la cosa si risolve in una rappresentazione convenzionale e tradizionale del matrimonio delle volpi.. :P

quasi quasi mi compro l'enciclopedia dei mostri giapponesi e mi spulcio tutta la parata! :lol: :lol:

mi è piaciuto molto il tono in cui è narrato il film... e il fatto che si faccia vedere l'altro lato della medaglia (anche se io al contrario di Kiki :wink: ho "sofferto" un po' per la dipartita dei camionisti... :P )... è vero che è un film che nasconde un livello di lettura più profondo... però lo trovo anche adatto a dei bambini, come spunto per delle riflessioni su ciò che comportano le nostre azioni sull'ambiente (diciamo che preferirei questo ad un film Disney.. ecco...) :roll: magari dei bambini di una certa età forse... :roll: bah, sarebbe bello da verificare.. :D
"L'angelo scese come ogni sera ad insegnarmi una nuova preghiera. Poi d'improvviso mi sciolse le mani e le mie braccia divennero ali, quando mi chiese -conosci l'estate?- io per un giorno, per un momento corsi a vedere il colore del vento.."
Avatar utente
*Kiki*
Membro Senpai
Membro Senpai
Messaggi: 342
Iscritto il: mar mar 31, 2009 6:33 pm

Re: Heisei Tanuki Gassen Ponpoko [commenti post-visione]

Messaggio da *Kiki* »

Dato che ieri ho visto Porco rosso ora ho trovato l'aereo: in pratica attraversa lo schermo subito dopo Kiki (quindi nel contesto dei preparativi al villaggio, prima della parata di spiriti in città), ma si dirige in direzione opposta! :D
Pompoko è del '94, l'altro film non so... :? Ma è stata bella la scena dello sposalizio delle volpi! :P
Lo so che è strano che non mi abbia fatto effetto la dipartita dei camionisti, ma praticamente mi sono talmente concentrata sul dramma dei tanuki che in quella scena ho visto anch'io l'uomo come il cattivo della situazione, insomma, ero completamente dalla loro parte! :oops:
Un'altra cosa: di questo film adoro la colonna sonora, completamente strumentale, costituita da musiche di tipo tradizionale giapponese... :) Sarò esagerata, ma è fra le colonne sonore che ho preferito dei films Ghibli! :wink:
Una casa senza libreria è una casa senza dignità,
ha qualcosa della locanda,
è come una città senza librai,
un villaggio senza scuole,
una lettera senza ortografia.

Edmondo De Amicis
Avatar utente
monique*
Membro
Membro
Messaggi: 59
Iscritto il: sab dic 04, 2010 12:14 pm
Località: Soave VR

Re: Heisei Tanuki Gassen Ponpoko [commenti post-visione]

Messaggio da monique* »

*Kiki* ha scritto:
Lo so che è strano che non mi abbia fatto effetto la dipartita dei camionisti, ma praticamente mi sono talmente concentrata sul dramma dei tanuki che in quella scena ho visto anch'io l'uomo come il cattivo della situazione, insomma, ero completamente dalla loro parte! :oops:
:sorriso: credo sia normale... :P è che io sono una che piange quasi per tutto! ho versato più di una lacrima quando ho visto alcuni tanuki investiti.. o quello preso in trappola! sono una frignona! :lol:
*Kiki* ha scritto: Un'altra cosa: di questo film adoro la colonna sonora, completamente strumentale, costituita da musiche di tipo tradizionale giapponese... :) Sarò esagerata, ma è fra le colonne sonore che ho preferito dei films Ghibli! :wink:
sono d'accordo con te! a me piace un sacco quella che passa nei momenti in cui fanno festa! mi veniva voglia di ballare!

un'altra sequenza che ho trovato magnifica è quella in cui tutti i tanuki rimasti si impegnano per ri-creare l'ambiente prima del piano di sviluppo urbanistico! l'ho trovata di una poesia estrema... :oops: un po' era come se ci fossimo spostati nelle ambientazioni di Totoro..
"L'angelo scese come ogni sera ad insegnarmi una nuova preghiera. Poi d'improvviso mi sciolse le mani e le mie braccia divennero ali, quando mi chiese -conosci l'estate?- io per un giorno, per un momento corsi a vedere il colore del vento.."
Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5407
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard

Re: Heisei Tanuki Gassen Ponpoko [commenti post-visione]

Messaggio da Shito »

*Kiki* ha scritto:
Shito ha scritto:Mi sembra un ottimo commento, è stato un piacere leggerlo.
Mi fa piacere! :)
Comunque ecco, fra ciò che avevo tralasciato c'è la terza forma in cui vengono mostrati i tanuki (oltre a quella realistica ed a quella antropomorfa), quella più stilizzata (da quanto ho capito erano i tanuki incapaci di trasformarsi), che da quanto ho letto volevano essere un omaggio a Sugiura Shigeru, un anziano mangaka... 8)
Hai capito male. La forma stilizzata viene usata per rappresentare i tanuki nei momenti in cui sono meno 'mentalmente presenti', quando cioé si 'abbandonano' alla gioia e alla festa. Anche i tanuki capaci di trasformarsi, come in primis Gonta, appaiono in quella versione.
Ma a proposito dei tanuki comuni, non ho compreso una cosa... :? Ad un certo punto l’anziano tanuki di 999 anni costruisce una barca che condurrà i tanuki comuni alla morte... :( Il che sarebbe comprensibile, dato che i trasformisti riescono a cavarsela bene in quanto si mescolano ai veri esseri umani adattandosi anche alle loro usanze, ma a loro è impossibile... :cry: Tuttavia alla fine non mi pare che il narratore li dia per morti, anzi... :shock: Non sono loro che incontra alla fine il giovane tanuki (come si chiama?) in aspetto umano, che li saluta dopo tanto tempo che non si vedevano? :?:
Il pelato di Yashima, Tasaburou, conduce alla morte sulla barca dei tesori tutti quei tanuki comuni che si erano uniti alla setta di buddhismo amidista che lui aveva fondato, ma non erano l'assoluta totalità dei tanuki comuni. Alcuni sono rimasti. Nella scena dell'ultimo inganno, Shoukichi chiede a Ponkichi -che è incapèace di metamorfosi- di 'riunire tutti gli altri tanuki comuni rimasti' così che possano 'prestare la loro energia' (ai tanuki capaci di metamorfosi che attuano l'inganno). Alla fine del film, Shoukichi incontra lo stesso gruppo, 'capeggiato' proprio da Ponkichi e dalla sua consorte Hanako.
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)
Avatar utente
*Kiki*
Membro Senpai
Membro Senpai
Messaggi: 342
Iscritto il: mar mar 31, 2009 6:33 pm

Re: Heisei Tanuki Gassen Ponpoko [commenti post-visione]

Messaggio da *Kiki* »

Shito ha scritto:[Hai capito male. La forma stilizzata viene usata per rappresentare i tanuki nei momenti in cui sono meno 'mentalmente presenti', quando cioé si 'abbandonano' alla gioia e alla festa. Anche i tanuki capaci di trasformarsi, come in primis Gonta, appaiono in quella versione.
Ah, sì, ne sei sicuro? :? Perché io non avevo compreso il senso di quella terza forma ed ho trovato questa spiegazione della cosa in questo forum (devono averla pur letta da qualche parte, per sbilanciarsi tanto!)... :o
http://lacittaincantata.forumfree.it/?t=49359180
credo sia normale... è che io sono una che piange quasi per tutto! ho versato più di una lacrima quando ho visto alcuni tanuki investiti.. o quello preso in trappola! sono una frignona!
Infatti le dipartite di tutti i tanuki, dal primo all'ultimo, mi hanno rattristata moltissimo! :cry: In quella scena che ti dicevo, invece, ho esultato con loro! :twisted:
un'altra sequenza che ho trovato magnifica è quella in cui tutti i tanuki rimasti si impegnano per ri-creare l'ambiente prima del piano di sviluppo urbanistico! l'ho trovata di una poesia estrema... un po' era come se ci fossimo spostati nelle ambientazioni di Totoro..
E' vero, è una scena meravigliosa... :)
Una casa senza libreria è una casa senza dignità,
ha qualcosa della locanda,
è come una città senza librai,
un villaggio senza scuole,
una lettera senza ortografia.

Edmondo De Amicis
Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5407
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard

Re: Heisei Tanuki Gassen Ponpoko [commenti post-visione]

Messaggio da Shito »

*Kiki* ha scritto:
Shito ha scritto:[Hai capito male. La forma stilizzata viene usata per rappresentare i tanuki nei momenti in cui sono meno 'mentalmente presenti', quando cioé si 'abbandonano' alla gioia e alla festa. Anche i tanuki capaci di trasformarsi, come in primis Gonta, appaiono in quella versione.
Ah, sì, ne sei sicuro? :? Perché io non avevo compreso il senso di quella terza forma ed ho trovato questa spiegazione della cosa in questo forum (devono averla pur letta da qualche parte, per sbilanciarsi tanto!)... :o
http://lacittaincantata.forumfree.it/?t=49359180
Direi che la spiegazione è infatti la stessa che ho dato.

Per la cronaca, la 'barca dei tesori' NON è la barca di fango di Kachikachi, come viene anche esplitiamente detto nel film. Si tratta della barca su cui si muovono le Sette Divinità della Fortuna.
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)
Avatar utente
*Kiki*
Membro Senpai
Membro Senpai
Messaggi: 342
Iscritto il: mar mar 31, 2009 6:33 pm

Re: Heisei Tanuki Gassen Ponpoko [commenti post-visione]

Messaggio da *Kiki* »

Hai ragione, avevo saltato un rigo! :shock: Nominano però quell'anziano mangaka, Sugiura Shigeru. :? Questo particolare a te non risulta? :?:
Una casa senza libreria è una casa senza dignità,
ha qualcosa della locanda,
è come una città senza librai,
un villaggio senza scuole,
una lettera senza ortografia.

Edmondo De Amicis
Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5407
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard

Re: Heisei Tanuki Gassen Ponpoko [commenti post-visione]

Messaggio da Shito »

Sì, quel dato è noto e direi obiettivo.
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)
Avatar utente
Lemminkajnen
Nuovo Membro
Nuovo Membro
Messaggi: 31
Iscritto il: mar nov 04, 2003 12:27 pm

Re: Heisei Tanuki Gassen Ponpoko [commenti post-visione]

Messaggio da Lemminkajnen »

"Sfuma all'indistinto il campo di Eulalia
solo il sogno di una notte di primavera.
Guardando in alto i conigli sulla Luna,
volgendosi propizia alla dimora di Kannon,
Il paradiso a cui invita Amitabha,
la Barca dei Tesori era in viaggio di morte.
Olé-dum-ciang-dum-ciang in viaggio di morte,
i tanuki comuni in viaggio di morte,
senza ritorno in viaggio di morte.
Olé-dum-ciang-dum-ciang in viaggio di morte,
i poveri tanuki in viaggio di morte,
dum-ciang-dum-ciang in viaggio di morte."

Ecco, questo estratto, a mio avviso ben rappresenta tutto il bello e tutto il "brutto" (nel senso di difficoltà di comprensione per chi come me è scarsamente informato sulla mitologia e sulla cultura giapponese in generale) che travolge lo spettatore italiano nel vedere questo bellissimo film di Takahata.
Sembra come se, dopo aver costruito una carriera di successo nel realizzare anime tratti da classici delle letteratura occidentale, e narrandoli con grande rispetto proprio della nostra cultura, dopo aver firmato persino pellicole come Goshu dove, nonostante l'ambientazione nipponica, restava centrale una composizione musicale classica della cultura occidentale (la Pastorale di Beethoven), e dopo persino "La Tomba delle Lucciole" dove ancora si è affidato ai suoni della musica classica d'occidente per enfatizzare le scene madri finali, pare, dicevo, che Takahata abbia voluto finalmente realizzare un film che fosse squisitamente giapponese dal primo all'ultimo fotogramma così come dalla prima all'ultima nota o suono. Insomma, un film che finalmente celebrasse il suo paese (pur non essendo, ovviamente, questo il fine del film). Questa, capiamoci, è solo una mia impressione, ma ho trovato la pellicola talmente tracimante di folklore nipponico da aver avuto questa idea.

Ora, io son felice che messer Cannarsi (nome omen?), abbia realizzato un adattamento così fedele all'originale, e sento di doverlo ringraziare per il lavoro immane che immagino debba esser stato lavorare sulla traduzione e l'adattamento italiano di un film così ricco e complesso. Ma, dico io, non sarebbe stato un servizio reso tanto ai fruitori del DVD quanto allo stesso Takahata, inserire nella sezione "speciali" del dvd, non dico un breve documentario, ma almeno anche solo un file txt che contenesse una sorta di glossario o meglio ancora di note da leggere per fornire quegli strumenti indispensabili a godere meglio del capolavoro del maestro?

E al momento mi fermo qui.

Comunque, grazie alla Lucky Red per la coraggiosa scelta ed a Cannarsi per lo splendido lavoro svolto (anche io son stato molto felice per la scelta della voce narrante...il tono e la velocità di lettura mi ha ricordato la voce narrante in film capolavori di Truffaut come "Jules e Jim" e "Le due inglesi").

A presto

Lemm
Penauts
Membro Senior
Membro Senior
Messaggi: 200
Iscritto il: ven apr 03, 2009 12:47 am

Re: Heisei Tanuki Gassen Ponpoko [commenti post-visione]

Messaggio da Penauts »

Idea brillante