Coquelicot-Zaka kara - alacremente in italiano

Discussioni su gli autori e gli anime Ghibli e Pre-Ghibli

Moderatore: Coordinatori

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5407
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard
Contatta:

Coquelicot-Zaka kara - alacremente in italiano

Messaggio da Shito » mar mag 29, 2012 3:21 pm

Siamo ai nastri di partenza con la lavorazione italiana di questo splendido film!

I papaveri sono sbocciati intorno a casa mia, e sono appena reduce dal rework di Terramare per i sottotitoli del BR.

E' perfetto.

Immagine

Incominciamo quindi a rispettare le tradizioni anche qui! ^^

Primo commento: questo film è di una bellezza quasi sconfortante.
Ultima modifica di Shito il gio gen 22, 2015 6:08 pm, modificato 1 volta in totale.
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Avatar utente
Valens
Membro Senior
Membro Senior
Messaggi: 195
Iscritto il: lun apr 04, 2011 10:38 pm

Re: Dalla Collina dei Papaveri - diario dei lavori italiani

Messaggio da Valens » mar mag 29, 2012 5:02 pm

Perfetto.

E... quando esce il tutto? XD

Scherzi a parte, ho visto il film una sola volta (in occasione del Festival del Cinema di Roma) e mi è piaciuto davvero molto. Mi ha ricordato molte delle produzioni fumettistiche nipponiche antiche, non solo per l'ambientazione "anni '60" ma anche per l'intreccio e le tematiche (il che è interessante, vista la giovane età di Miyazaki Goro). Il sapore nostalgico inoltre lo rende davvero indimenticabile, decisamente migliore rispetto a Ged Senki (che non ho apprezzato molto).

Avatar utente
Seijikun
Membro
Membro
Messaggi: 73
Iscritto il: mar mag 24, 2011 6:56 pm
Località: Palermo

Re: Dalla Collina dei Papaveri - diario dei lavori italiani

Messaggio da Seijikun » mar mag 29, 2012 9:39 pm

È da (quasi) un anno che non vedo l’ora di gustarmi questo film… ho visto e rivisto i trailer in giapponese e in francese… e mi pare che sia proprio nelle mie corde! Adoro l’ambientazione e il periodo trattato (lo stridore tra nuovo e vecchio Giappone della fine degli anni ’60) e ammetto che mi trovo in sintonia con il tocco (uso il termine impropriamente, badate bene) di Gorō-kun.
Mi sbaglierò, ma dai quei pochi frammenti che ho assaporato ci ritrovo lo stesso gusto retrò che caratterizzava la mia visione fanciullesca di Attack Numer 1:sorriso:

Lo chiedo a te 使徒, dici che ho preso “蛍 per lanterne”? :tongue:
Immagine
«Ogni adattamento prodotto dall'evoluzione è utile solo nel presente, e non in un futuro indefinito» (qualcuno)

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5407
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard
Contatta:

Re: Dalla Collina dei Papaveri - diario dei lavori italiani

Messaggio da Shito » mar mag 29, 2012 10:52 pm

Direi alquanto, sì.
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Avatar utente
propaganda
Nuovo Membro
Nuovo Membro
Messaggi: 43
Iscritto il: dom feb 13, 2011 12:31 pm

Re: Dalla Collina dei Papaveri - diario dei lavori italiani

Messaggio da propaganda » mer mag 30, 2012 11:13 am

Devo dire che questo film mi attira,senza grandi fondamenta visto che ho guardato poco più che un paio di immagini e considerando che il precedente di Goro non mi era piaciuto.

Beh,buon lavoro allora!

Avatar utente
ghila
Chibi Totoro
Chibi Totoro
Messaggi: 1745
Iscritto il: lun gen 24, 2005 11:37 am
Località: Bergamo
Contatta:

Re: Dalla Collina dei Papaveri - diario dei lavori italiani

Messaggio da ghila » mer mag 30, 2012 3:32 pm

Nei bassifondi, in silenzio, seguo anche io questo thread dedicato ad uno dei film più belli mai fatti dallo studio. Ciao shito e buon lavoro! :D
Raro concedit, numquam negat, semper distinguit

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5407
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard
Contatta:

Re: Dalla Collina dei Papaveri - diario dei lavori italiani

Messaggio da Shito » gio mag 31, 2012 10:53 am

Incomiciano le strane sincronie:

Immagine

-Filosofia...? E tu non vorresti una nuova sede? Hai anche di graziosi kohai, no?
-Vostra eccelleza vorrà scusarmi, ma non sapete forse di un filosofo che viveva in una botte...?
-Diogene, eh? Ahahaha! Signor preside, ma qui avete ottimi studenti!
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Avatar utente
ghila
Chibi Totoro
Chibi Totoro
Messaggi: 1745
Iscritto il: lun gen 24, 2005 11:37 am
Località: Bergamo
Contatta:

Re: Dalla Collina dei Papaveri - diario dei lavori italiani

Messaggio da ghila » gio mag 31, 2012 11:32 am

Waterhouse.... :prostrare:
Raro concedit, numquam negat, semper distinguit

Avatar utente
Debris
Ghibliano
Ghibliano
Messaggi: 427
Iscritto il: mar giu 06, 2006 7:28 am

Re: Dalla Collina dei Papaveri - diario dei lavori italiani

Messaggio da Debris » sab giu 02, 2012 8:18 am

Primo commento: questo film è di una bellezza quasi sconfortante.
Concordo, d è un peccato che verrà ricordato come un'altro dei film del "figlio" del Maestro etc etc...mi chiedo quando e per quanto ancora Goro dovrà pagare di essere il figlio di suo padre? Ed essere sempre e comunque confrontato con le sue opere ed i suoi soggetti ? E' un vero peccato. E' un bravo regista di animazione, ribadisco quel che dissi, dategli dieci anni ed avremo opere ben degne.
La lettera uccide,lo spirito salva.

Avatar utente
fede91it
Membro
Membro
Messaggi: 70
Iscritto il: gio apr 26, 2012 9:20 am

Re: Dalla Collina dei Papaveri - diario dei lavori italiani

Messaggio da fede91it » dom giu 03, 2012 9:14 am

Debris ha scritto:
Primo commento: questo film è di una bellezza quasi sconfortante.
Concordo, d è un peccato che verrà ricordato come un'altro dei film del "figlio" del Maestro etc etc...mi chiedo quando e per quanto ancora Goro dovrà pagare di essere il figlio di suo padre? Ed essere sempre e comunque confrontato con le sue opere ed i suoi soggetti ? E' un vero peccato. E' un bravo regista di animazione, ribadisco quel che dissi, dategli dieci anni ed avremo opere ben degne.
Purtroppo questo succede sempre, il figlio viene ricordato come il giovane apprendista sulle orme del proprio padre. Anche secondo me fra un paio di anni Goro farà parlare di sè. Speriamo comunque che ci proponga qualche pellicola ricca di fantasia come, per l'appunto, le opere di Hayao.

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5407
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard
Contatta:

Re: Dalla Collina dei Papaveri - diario dei lavori italiani

Messaggio da Shito » dom giu 03, 2012 2:43 pm

Questo credo sia pressoché impossibile. Gorou non ha buona stima della narrativa di fantasia, della narrativa d'evasione, della narrativa escapista. Gorou infatti pensa che Takahata sia un 'vero regista' e lo stima come un maestro, cosa che proprio non sembra fare con il padre. Gorou un Terramare non voleva mettere neppure i draghi (l'ha obbligato Suzuki). Semplicemente, non è interessato a quel tipo di cinema. :)
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Avatar utente
fede91it
Membro
Membro
Messaggi: 70
Iscritto il: gio apr 26, 2012 9:20 am

Re: Dalla Collina dei Papaveri - diario dei lavori italiani

Messaggio da fede91it » dom giu 03, 2012 9:24 pm

Ho capito, infatti leggevo che Goro non è troppo fedele ai copioni del padre, ora mi hai dato la conferma. Aspetto di vedere dalla collina dei papaveri per farmi un'idea più marcata delle sue potenzialità. Però l'idea mi spaventa... quali altri fim/studi di animazione/registi come quelli di miyazaki saranno ad un livello così ricco di immaginazione? Speriamo sia immortale...

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5407
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard
Contatta:

Re: Dalla Collina dei Papaveri - diario dei lavori italiani

Messaggio da Shito » dom giu 03, 2012 11:13 pm

Non so perché parli di 'copioni del padre'. Nel caso di Ged Senki, non si trattava di un copione paterno.

Il caso di Coquelicot è stato quindi un 'primo caso', in questo senso.

C'è una nota sul sito ufficiale dove spiegano chiaramente alcuni cambiamenti tra la sceneggiatura di Hayao (con Niwa Keiko) e le differenze con l'E-konte di Goro. Per esempio, in una delle scene madre, che si articola incontro a un dialogo-rivelazione tra i due protagonisti (si vede nel trailer), la sceneggiatura prevedeva l'inserisi di una scena di immagini flashback evocative. Goro ha tagliato tutto questo, lasciando solo il dialogo realistico e secco (lui dice, con amara autoironia: "sembra proprio un melodramma da quattro soldi..."), e con una musica sotto che va al contrario del sentimento della scena, per rendederla ancora più dura.
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Avatar utente
fede91it
Membro
Membro
Messaggi: 70
Iscritto il: gio apr 26, 2012 9:20 am

Re: Dalla Collina dei Papaveri - diario dei lavori italiani

Messaggio da fede91it » lun giu 04, 2012 10:31 am

No no pardon, con copioni del padre intendevo dire che Goro non segue la filosofia surrealistica dei film del padre.

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5407
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard
Contatta:

Re: Dalla Collina dei Papaveri - diario dei lavori italiani

Messaggio da Shito » lun giu 04, 2012 11:19 am

Ah, in quel senso.

Non definirei tuttavia 'surrealista' lo stile di Miyasan, quanto più favolistico. Miyasan si è sempre considerato un narratore per l'infanzia, e le sue creazioni di fantasia a quella hanno sempre attinto e fatto principale riferimento, specie in riferimento alla letteratura per l'infanzia europea del '900. :-)
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Rispondi