Coquelicot-Zaka kara - alacremente in italiano

Discussioni su gli autori e gli anime Ghibli e Pre-Ghibli

Moderatore: Coordinatori

Avatar utente
Raghnar
Kodama
Kodama
Messaggi: 1286
Iscritto il: mer mag 03, 2006 8:12 pm
Località: In Viaggio

Re: Dalla Collina dei Papaveri - diario dei lavori italiani

Messaggio da Raghnar »

Grazie Gualtiero e sinceri auguri di buon lavoro! :)
Somewhere, along the edge of the bell curve.
Ph.Me

Avatar utente
fede91it
Membro
Membro
Messaggi: 70
Iscritto il: gio apr 26, 2012 9:20 am

Re: Dalla Collina dei Papaveri - diario dei lavori italiani

Messaggio da fede91it »

Shito ha scritto:Ah, in quel senso.

Non definirei tuttavia 'surrealista' lo stile di Miyasan, quanto più favolistico. Miyasan si è sempre considerato un narratore per l'infanzia, e le sue creazioni di fantasia a quella hanno sempre attinto e fatto principale riferimento, specie in riferimento alla letteratura per l'infanzia europea del '900. :-)
Perfetto, allora ti auguro anche io un in bocca al lupo per i lavori per Dalla collina dei Papaveri.
Non vedo l'ora di gustarmi un'altro capolavoro.

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5408
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard

Re: Dalla Collina dei Papaveri - diario dei lavori italiani

Messaggio da Shito »

Ci tengo tuttavia a sottolineare ora che con quel commento sul 'surrealismo' credo tu mi abbia fornito 'di sponda' un grandioso spunto per l'interpretazione della filmografia di Takahata in particolare, come ad avermi passato la classica forcina che apre il serramento. Ti ringrazio, :-)
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Avatar utente
fede91it
Membro
Membro
Messaggi: 70
Iscritto il: gio apr 26, 2012 9:20 am

Re: Dalla Collina dei Papaveri - diario dei lavori italiani

Messaggio da fede91it »

Che genere di interpretazione? Cosa intendi?

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5408
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard

Re: Dalla Collina dei Papaveri - diario dei lavori italiani

Messaggio da Shito »

Mi sono spesso chiesto: come mai una persona come Takahata, che usa la narrativa cinematografica in modo così neorealista, indi realista, si è innamorato dell'animazione quale mezzo espressivo, che è quantomeno la negazione del realismo visivo?

Poi ho pensato al suo amore per l'arte giapponese, per l'ukiyo-e e la pittura coeva e precedente, che tutto era fuorché realistica. Ho pensato ai mercanti d'arte giapponese che posti dinanzi a capolavori del manierismo e del barocco europeo sentenziavano "davvero ben fatto, peccato per il polso debole dell'artista". Poi ho pensato alla differenza tra Michelangelo e Raffaello, così vivida. Poi ho pensato al 'manifesto' del preraffaelistimo. Poi ho pensato al surrealismo di Magritte. E unendo i puntini, ho capito che l'interesse figurativo di Takahata, così squisitamente giapponese, è intrinsecamente simbolista (graficamente parlando) nella rappresentazione realistica allegorica. Tutto quadrava. Non c'è surrealismo in Takahata, non c'è in Miyazaki Gorou, e ce n'è forse un pochino di Miyazaki Hayao, ma solo come strumento di vagheggiamento fantasizzante evasivo/escapista. Iblard, per intenderci. I punti si univano in modo credibile.
Ultima modifica di Shito il lun lug 02, 2012 12:50 pm, modificato 3 volte in totale.
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Avatar utente
Debris
Ghibliano
Ghibliano
Messaggi: 427
Iscritto il: mar giu 06, 2006 7:28 am

Re: Dalla Collina dei Papaveri - diario dei lavori italiani

Messaggio da Debris »

Personalmente ho sempre ritenuto che l'animazione sia una lingua, con la lingua si possono fare discorsi realistici o fantastici dipende da cosa si voglia dire a chi si voglia indirizzarli, soprattutto come si voglia porgerli, alla fine questo vale.. Colorful è ben interessante esempio.
La lettera uccide,lo spirito salva.

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5408
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard

Re: Dalla Collina dei Papaveri - diario dei lavori italiani

Messaggio da Shito »

Mentre sono immerso nella stesura del copione [more to follow], abbiamo frattanto eseguito i provini sui tre protagonisti del film, ovvero Matsuzaki Umi, Kazama Shun, e Mizunuma Shirou. :-)
Ultima modifica di Shito il lun lug 02, 2012 12:51 pm, modificato 1 volta in totale.
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Avatar utente
fede91it
Membro
Membro
Messaggi: 70
Iscritto il: gio apr 26, 2012 9:20 am

Re: Dalla Collina dei Papaveri - diario dei lavori italiani

Messaggio da fede91it »

Ahah fantastico, tienici aggiornati! :sorriso:

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5408
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard

Re: Dalla Collina dei Papaveri - diario dei lavori italiani

Messaggio da Shito »

Per essere molto brevi, il livello di ricchezza lessicale e contenutistica del copione è probabilmente seconda solo a quella del copione di Ponpoko, sinora.

Mi ci sto davvero immergendo più e più.
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Avatar utente
Raghnar
Kodama
Kodama
Messaggi: 1286
Iscritto il: mer mag 03, 2006 8:12 pm
Località: In Viaggio

Re: Dalla Collina dei Papaveri - diario dei lavori italiani

Messaggio da Raghnar »

Shito ha scritto:Ci tengo tuttavia a sottolineare ora che con quel commento sul 'surrealismo' credo tu mi abbia fornito 'di sponda' un grandioso spunto per l'interpretazione della filmografia di Takahata in particolare, come ad avermi passato la classica forcina che apre il serramento. Ti ringrazio, :-)
Nell'intervista di Takahata presente sul DVD di "Una Tomba per le Lucciole" parla esplicitamente di animazione come mezzo "surrealista", non so se sia stata una libera licenza di interpretazione, ma provo a darti anche questa sponda ;)

Come sta andando?
Somewhere, along the edge of the bell curve.
Ph.Me

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5408
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard

Re: Dalla Collina dei Papaveri - diario dei lavori italiani

Messaggio da Shito »

E' un copione cosparso di sudore, chiaramente in molti sensi. ;-)
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5408
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard

Re: Dalla Collina dei Papaveri - diario dei lavori italiani

Messaggio da Shito »

Il doppiaggio del film comincia domani!

Per me stato davvero uno dei copioni più faticosi di sempre, direi un buon secondo posto dopo Ponpoko. Ma ne sono piuttosto soddisfatto.

Anche il doppiaggio sarà faticoso e intenso... ma ne varrà la pena!

Conto di aggiornarvi quanto più possibile! ^^
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5408
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard

Re: Dalla Collina dei Papaveri - diario dei lavori italiani

Messaggio da Shito »

Oggi abbiamo quindi iniziato le registrazioni! :-)

Incominciamo con l'annunciare un po' del cast.

La doppiatrice di Matsuzaki Hana (la nonna della protagonista) è Aurora Cancian. Anche in Giappone il personaggio aveva la stessa voce della prozia di Shou in Arrietty, e siamo stati felici di poter rispettare questa 'geometria'. Aurora ha inciso oggi il suo personaggio con ottimo risultato!

Il personaggio del "Presidente del Club di Ricerca Filosofica", tra i miei preferiti in assoluto, è stato oggi doppiato dal sempre bravissimo Gianfranco Miranda, che ho fortemente voluto non solo per la sua bravura (appunto), ma per la sua innata simpatia e per la sua versatilità. Proprio come speravo, il personaggio è stato reso con la sua ingenuità, con la sua convisione, con il suo vigore e la sua debolezza, in tutte le sfaccettature della sua irresistibile simpatia.

Ah, la protagonista?

Ad avere vinto il provino per Matsuzaki Umi, anche nota come "Mer", è Giulia Tarquini, che torna nel ruolo di una giovane protagonista Ghibli dopo Arrietty!
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5408
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard

Re: Dalla Collina dei Papaveri - diario dei lavori italiani

Messaggio da Shito »

Continuiamo con gli aggiornamenti sul cast:

Mizunuma Shirou, l'amico del protagonista nonché rappresentante d'istituto, è doppiato in italiano da Alessio De Filippis.

Matsuzaki Sora, la sorellina della protagonista, è doppiata da Sara Labidi.

Nobuko, l'amica della protagonista, è doppiata da Letizia Ciampa.

:-)
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5408
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard

Re: Dalla Collina dei Papaveri - diario dei lavori italiani

Messaggio da Shito »

Giornata davvero intensa, oggi, quanto a registrazioni!

Giulia Tarquini ha completato il personaggio della protagonista, ovvero Matsuzaki Umi (per gli amici: Mer). Il risultato è davvero pregevole!

Accanto a lei, è stato anche registrato tutto il protagonista, Kazama Shun, interpretato da uno strepitoso Lorenzo De Angelis... un interprete davvero *amazing*. ^^

Oggi abbiamo inciso anche lo splendido personaggio della signorina Hokuto, doppiata splendidamente da Laura Romano, e quello molto difficile del capitano Onodera, che conclude il film, che è stato magistralmente interpretato da Luca Biagini.

Questo è davvero un film molto 'corale', pieno di personaggi comprimari. Davvero voglio ringraziare tutti i grandi attori che con disponibilità e professionalista si stanno alternando al leggio per impreziosire il nostro doppiaggio con le loro performances anche per personaggi "minori"...!
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)