Kiki

Discussioni su gli autori e gli anime Ghibli e Pre-Ghibli

Moderatore: Coordinatori

Avatar utente
dcristof
Membro
Membro
Messaggi: 159
Iscritto il: sab apr 12, 2003 2:57 pm
Località: Bologna + Mestre

Messaggio da dcristof »

purtroppo non ricorod bene, Kiki lo visto al FFF 2003 e poi piu' :oops:
di cosa stai parlando? della sequenza coi titoli di coda oppure dell'incidente al dirigibile?

Avatar utente
minmay
Ghibliano
Ghibliano
Messaggi: 604
Iscritto il: dom nov 30, 2003 2:54 pm
Località: sarnico (bg)

Messaggio da minmay »

credo si riferisca all'incidente col dirigibile..

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5408
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard

Messaggio da Shito »

Il vero punto da discutere è:

Jiji ha MAI parlato?

non ci aveva veramente mai pensato nessuno?

Jiji non solo parla, ma si 'muove' più antropomorficamente solo nel 'mondo percettivo' di Kiki.

Per tutti gli altri, è solo un gatto.

Anche per Ursula.

E Ursula non è che una Kiki cresciuta.

Il potere della pittrice, il potere del panettiere, il potere della strega...

suvvia, il livello trasfigurativo di Kiki mi pare anche piuttosto auto-esplicato nel film.

Ci pensa Ursula a portarlo al pubblico!

Ah, dimenticavo:

il 'bello' della voce italiana di Kiki, è che è la stessa di Ursula.

In tutto il resto del mondo, non se ne sono neppure accordi, che così deve essere.

E viene da chiedersi come mai Miyazaki non sia venuto a Venezia,

e la giustificazione di Suzuki,

mi fa sorridere.

Hai fatto bene, Hayao-san.

Continua a parlare al TUO pubblico,

e semplicemente ignora chi non capisce.
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Avatar utente
femanue
Membro Senior
Membro Senior
Messaggi: 198
Iscritto il: mar set 23, 2003 8:13 pm
Località: Treviso

Messaggio da femanue »

O.T.
Shito ha scritto: ...E viene da chiedersi come mai Miyazaki non sia venuto a Venezia,

e la giustificazione di Suzuki,

mi fa sorridere.
Ma a Venezia c'eri?

Mi sarebbe piaciuto conoscerti.
- La differenza tra un genio e uno stupido è che il genio ha dei limiti. -

Albert Einstein

Immagine

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5408
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard

Messaggio da Shito »

femanue ha scritto: Ma a Venezia c'eri?

Mi sarebbe piaciuto conoscerti.
Non c'ero, no.

Ma tranquillo che non ti sei perso niente. :)
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Avatar utente
Mario
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 2375
Iscritto il: gio feb 27, 2003 6:53 pm

Messaggio da Mario »

Ben tornato Gualtiero, pensavamo di averti perso!
Shito ha scritto:Non c'ero, no.
un vero peccato, mi sarebbe piaciuto conoscere il tuo parere sulla traduzione/adattamento di Howl

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5408
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard

Messaggio da Shito »

Mario ha scritto:Ben tornato Gualtiero, pensavamo di averti perso!
Shito ha scritto:Non c'ero, no.
un vero peccato, mi sarebbe piaciuto conoscere il tuo parere sulla traduzione/adattamento di Howl
Non conoscendo a sufficienza l'originale, non mi sarei comunque espresso.

Sono del tipo che se non si sente competente, tace.

Deve essere ancora l'influsso di una norma materna inculcatami nell'infanzia....

"Gualtiero, se non hai nulla di INTELLIGENTE da dire, taci."

Detto questo, mi sarebbe piaciuto conoscere qualcuno del forum.

Magari ce ne sarà occasione prossimamente.

Detto questo, aggiungo solo che trovo la traduzione di 'ugoku' come 'errante' alquanto sovrainterpretata.

Ma tant'è, sempre meglio di 'La città incantata' per 'La sparizione di Sen e Chihiro'.

O tanti altri nefandi inglesismi.
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Avatar utente
Ani-sama
Kodama
Kodama
Messaggi: 1322
Iscritto il: lun giu 14, 2004 6:18 pm
Località: Antwerpen (BE)

Messaggio da Ani-sama »

Shito ha scritto:Hai fatto bene, Hayao-san. Continua a parlare al TUO pubblico, e semplicemente ignora chi non capisce.
Mmm, secondo me non bisogna proprio ignorare chi non "capisce" ancora. Si può sempre fare in modo che gli ignoranti smettano di esserlo. Personalmente, non credo che Miyazaki non voglia che le sue opere diventino più note in tutto il mondo. In fondo, il motivo per cui credo che lo SG abbia preferito restarsene in Giappone per un bel po' di tempo è per la paura (giustificata) che le opere Ghibli avessero uscite "storpiate" (ricordate "Warriors of the Wind"?). Nel mio modo di vedere, più persone saranno convinte del valore delle opere di Miyazaki-san, meglio sarà. Il "pubblico" di Miyazaki può ampliarsi, eccome, e non per questo diventare peggiore. Infatti, se molta gente conoscesse Miyazaki, gli stessi riconoscerebbero che i suoi film non sono robetta commerciale da bambini e quindi - credo - le localizzazioni ne trarrebbero beneficio. L'ignoranza è ciò che ha portato ad adattamenti come quello del finale di "Mononoke Hime", ma l'ignoranza si può anche battere!
Ah, dimenticavo:

il 'bello' della voce italiana di Kiki, è che è la stessa di Ursula.

In tutto il resto del mondo, non se ne sono neppure accordi, che così deve essere.
L'adattamento americano di "Kiki" è forse il peggiore di tutti (il migliore, a mio avviso, resta Mononoke, pur con qualche sbavatura (credo)): non parlo solo di testi, ma anche delle musiche riarrangiate (cosa che peraltro ci siamo ritrovati anche noi, purtroppo). In "Laputa" le musiche erano sì rifatte, ma perlomeno dallo stesso Hisaishi, mentre i testi americani rimanevano un'offesa all'originale. E, tuttavia, da quello che ho letto da qualche parte, "Nausicaa" avrà un'edizione americana con le musiche originali. Se anche la traduzione fosse migliorata, sarebbe segno che anche nella patria del consumismo (l'America) qualcosa si stia muovendo.

P.S.
Shito, il tuo nickname cosa significa? Vuol dire forse "umano", "mortale" o qualcosa del genere? In "Mononoke", all'arrivo del Tatari-gami, si sente Ashitaka chiedere: "Jiji, nandarou?" e il vecchio sulla torre "[...] shito dewanai". C'entra qualcosa oppure ho preso una grandissima cantonata? :)
Il mio amico voleva impostare la famiglia in un modo nuovo / e disse alla moglie "Se vuoi, mi puoi anche tradire" / lei lo tradì, lui non riusciva più a dormire (G. Gaber, Un'idea)

Avatar utente
Mario
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 2375
Iscritto il: gio feb 27, 2003 6:53 pm

Messaggio da Mario »

Shito ha scritto:Non conoscendo a sufficienza l'originale, non mi sarei comunque espresso.
Sono del tipo che se non si sente competente, tace.
Beh, non volevo certo un giudizio critico, mi bastava un commento, visto che era in giapponese sottotitolato.
Shito ha scritto:Detto questo, mi sarebbe piaciuto conoscere qualcuno del forum.
Magari ce ne sarà occasione prossimamente.
Lo spero.
Shito ha scritto: Detto questo, aggiungo solo che trovo la traduzione di 'ugoku' come 'errante' alquanto sovrainterpretata
Ma tant'è, sempre meglio di 'La città incantata' per 'La sparizione di Sen e Chihiro'.
O tanti altri nefandi inglesismi.
Beh, non che Buenavista ci abbia abituato meglio...

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5408
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard

Messaggio da Shito »

Mario ha scritto:
Shito ha scritto: Detto questo, aggiungo solo che trovo la traduzione di 'ugoku' come 'errante' alquanto sovrainterpretata
Ma tant'è, sempre meglio di 'La città incantata' per 'La sparizione di Sen e Chihiro'.
O tanti altri nefandi inglesismi.
Beh, non che Buenavista ci abbia abituato meglio...
Dicevo appunto: nefandi inglesismi
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5408
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard

Messaggio da Shito »

Ani-sama ha scritto:
E, tuttavia, da quello che ho letto da qualche parte, "Nausicaa" avrà un'edizione americana con le musiche originali. Se anche la traduzione fosse migliorata, sarebbe segno che anche nella patria del consumismo (l'America) qualcosa si stia muovendo.
Hanno provato a metterle in 5.1, per poi accorgesi della insensata merda che stavano operando. Stupidi yankee idioti.

Nulla si sta muovendo, né il tuo buonismo filantropico da 'villaggio globale facciamo qualcosa cambiamo il mondo' farà MAI muovere nulla.

I bambini pacioccosi e storditi dai pokemon a cui la mamma compra la streghina a lieto fine valgono ben di più di tutti i fedeli conoscitori Miyazakiani. Numeri. Soldi.
Ani-sama ha scritto: P.S.
Shito, il tuo nickname cosa significa? Vuol dire forse "umano", "mortale" o qualcosa del genere? In "Mononoke", all'arrivo del Tatari-gami, si sente Ashitaka chiedere: "Jiji, nandarou?" e il vecchio sulla torre "[...] shito dewanai". C'entra qualcosa oppure ho preso una grandissima cantonata? :)
Cantonata.
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Avatar utente
Ani-sama
Kodama
Kodama
Messaggi: 1322
Iscritto il: lun giu 14, 2004 6:18 pm
Località: Antwerpen (BE)

Messaggio da Ani-sama »

Shito ha scritto:Hanno provato a metterle in 5.1, per poi accorgesi della insensata merda che stavano operando. Stupidi yankee idioti.

I bambini pacioccosi e storditi dai pokemon a cui la mamma compra la streghina a lieto fine valgono ben di più di tutti i fedeli conoscitori Miyazakiani. Numeri. Soldi.
Ma il fatto è che la natura stessa delle opere di Miyazaki è tale da essere... "allergica" in sè a trattamenti a quali è riservata dagli Americani. Insomma, i bambini americani hanno già i "cartoni animati" Disney, nonché Pixar e, se ci aggiungi la mole di seguiti "straight-on-video" questi poveri disgraziati non sanno più da che parte girarsi, data la quantità di roba(accia) VHS e/o DVD che possono ritrovarsi in casa propria. L'approccio che la Disney ha dato all'edizione americana dei film Ghibli è stato sbagliato finora, anche se a voler vedere quelli editi finora sono i film più... "per bambini" di Miyazaki (e quando dico "per bambini" non intendo più stupidi e più vacui, ma semplicemente diretti ad un certo tipo di pubblico), quindi fare per questi film un adattamento "stile pokemon" è un'azione deplorevole ed irrispettosa, ma quantomeno coerente con le logiche di mercato (le loro logiche). Io però non so cosa abbiano fatto con "Porco Rosso". Perché, da quello che mi sembra di aver capito (non ho visto il film), "Porco Rosso" non è proprio... adattissimo ai più piccoli. Cosa avranno combinato? Uscirà forse con un adattamento filologico al 101%, perché forse alla Disney non sono riusciti a trovare un sistema per renderlo "per bambini" e hanno quindi preferito fare qualcosa diretto ad un pubblico più... adulto? (e su questo ti chiedo delucidazioni, se possibile, le mie sono solo congetture). Riguardo a "Mononoke", non potevano certo dirigerlo verso un pubblico "bambini vedi-pokémon-e-altri-anime-spazzatura", e infatti hanno dato al film un adattamento quantomeno rispettoso della poetica dell'originale (ritengo perdonabili alcune linee aggiunte ma che non cambiano niente, così come le "leggerezze" tatari-gami -> demon e okkotonushi -> okkoto (quest'ultima ancora non l'ho capita), ci sono alcune sbavature, la canzone originale è sparita, ma tutto sommato il lavoro lo giudico discreto), che perlomeno non stravolge il finale (come invece accade nel nostro doppiaggio). Per "Sen to Chihiro", l'unico grosso problema che conoscevo è l'ormai arcinoto "Haku" aggiunto arbitrariamente, anche se a dire il vero sarei curioso di sapere qualcosa di più sul doppiaggio americano del film del 2001 di Miyazaki...
Insomma, il mio discorso è: non possono utilizzare i film di Miya come se fossero film Disney commerciali! Hanno anche potuto modificare profondamente titoli come "Laputa" o "Kiki" ma credo sia materialmente impossibile per loro fare operazioni troppo ardite su opere più "difficili", meno fruibili da parte di un pubblico troppo giovane.
Shito ha scritto:Nulla si sta muovendo, né il tuo buonismo filantropico da 'villaggio globale facciamo qualcosa cambiamo il mondo' farà MAI muovere nulla.
Il mio non è affatto buonismo, si tratta semmai di speranze. La speranza che le opere di Miyazaki siano finalmente apprezzate da tutti per quello che veramente sono, quindi non semplici "cartoni animati". Questo si lega anche alla mia speranza che l'animazione possa essere sdoganata dai pregiudizi tipo "è roba da bambini". Non si tratta di una cosa facile, ma personalmente avverto che le cose, seppur lentamente, stanno cambiando, che (sempre lentamente) si stia andando verso una rivalutazione del cinema d'animazione e delle sue grandissime possibilità. Ammetto che in America il processo sarà più difficoltoso se non impossibile, che dall'altra parte in Francia è già abbastanza avviato (pensate ad "Appuntamento a Belleville") e che in Italia si stiano facendo dei passi in avanti, anche se abbastanza lentamente. Come ritengo personalmente, credo che il più grande danno al cinema d'animazione lo abbia fatto Disney stesso, che per primo (e, se non per primo, comunque maggiormente rispetto a tutti gli altri) ha dato all'animazione l'impronta di "prodotto commerciale dedicato principalmente ai bambini" di fatto sminuendo la grande potenza che l'animazione ha in sè, relegandola ad essere "intrattenimento per bambini", appunto.
Shito ha scritto:
Ani-sama ha scritto:P.S.
Shito, il tuo nickname cosa significa? Vuol dire forse "umano", "mortale" o qualcosa del genere? In "Mononoke", all'arrivo del Tatari-gami, si sente Ashitaka chiedere: "Jiji, nandarou?" e il vecchio sulla torre "[...] shito dewanai". C'entra qualcosa oppure ho preso una grandissima cantonata? :)
Cantonata.
Per curiosità ho provato a immettere nel traduttore Babelfish tutte le combinazioni di caratteri che corrispondono alla dicitura "Shito". Ce ne sono più di dieci (però una di esse viene tradotta effettivamente con "persona", eh eh :wink: ). Tra le tante, il programma mi ha riportato "scopo" o "apostolo", che si riferivano alle uniche due combinazioni di soli kanji. Adesso le scrivo anche: 使途 oppure 使徒. Adesso ci ho azzeccato? :D :D
Il mio amico voleva impostare la famiglia in un modo nuovo / e disse alla moglie "Se vuoi, mi puoi anche tradire" / lei lo tradì, lui non riusciva più a dormire (G. Gaber, Un'idea)

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5408
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard

Messaggio da Shito »

Ani-sama ha scritto: Per curiosità ho provato a immettere nel traduttore Babelfish tutte le combinazioni di caratteri che corrispondono alla dicitura "Shito". Ce ne sono più di dieci (però una di esse viene tradotta effettivamente con "persona", eh eh :wink: ). Tra le tante, il programma mi ha riportato "scopo" o "apostolo", che si riferivano alle uniche due combinazioni di soli kanji. Adesso le scrivo anche: 使途 oppure 使徒. Adesso ci ho azzeccato? :D :D
La seconda che hai detto.
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

cipeciop
Ghibliano
Ghibliano
Messaggi: 572
Iscritto il: mar gen 04, 2005 3:27 pm

Messaggio da cipeciop »

Finalmente l'ho visto anch'io! Bello, ma secondo me non quanto gli altri film di Miyazaki che ho visto finora.
Sono sempre più imbranato: nei vari menu del DVD e nei titoli di coda non riesco a trovare i credits dell'edizione italiana! :?
Da quello che ho letto qui sopra e su Antoniogenna i doppiatori principali sono questi, giusto?
Kiki --> Domitilla D'Amico
Jiji --> Ilaria Stagni
Ursula --> Domitilla D'Amico
Tombo --> Davide Perino
Osono --> Giovanna Rapattoni
Dora --> Alina Moradei
Berta --> Angiolina Quinterno
Papà --> Mauro Gravina
Mamma --> Francesca Guadagno
Strghetta --> Perla Liberatori
Telecronista --> Giovanni Baldini
Madame --> Maria Pia De Meo.

Avatar utente
Mario
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 2375
Iscritto il: gio feb 27, 2003 6:53 pm

Messaggio da Mario »

corretto!