Omoide no Marnie - 24-26/8/2015 - Hiromasa Yonebayashi

Discussioni su gli autori e gli anime Ghibli e Pre-Ghibli

Moderatore: Coordinatori

Avatar utente
lo zaffo
Membro
Membro
Messaggi: 153
Iscritto il: gio set 01, 2005 4:55 pm

Re: Omoide no Marnie - 24-26/8/2015 - Hiromasa Yonebayashi

Messaggio da lo zaffo »

Non faccio le pulci al film, dato che non ne sarei nemmeno capace ...
le mie impressioni sono dettate dal piacere di vedere un film solido, come se l'animazione non fosse mai la scusa.
Nei momenti in cui occorre mostrare le sensazioni più difficili, come l'autocommiserazione, l'abbandono al sonno o lo risvegliarsi, o dove occorre il massimo del realismo come cadere dai gradidi o mettere le scarpe nell'acqua, il film splende e sorprende.
La totale assenza di fan-service rende questo un film d'autore anche se in Ghibli sono/erano tutti artigiani e lavoratori, tolti i soliti fuoriclasse cui nomi non occorre qui ripetere. Poi lo il staff roll non è stato tradotto, ma ha solo ricevuto in testa lo staff dell'edizione locale. Bene, a voi. :gresorr:

Avatar utente
Muska
Chibi Totoro
Chibi Totoro
Messaggi: 1702
Iscritto il: lun mag 17, 2004 10:16 pm
Località: La Città Eterna

Re: Omoide no Marnie - 24-26/8/2015 - Hiromasa Yonebayashi

Messaggio da Muska »

Negli incassi nazionali di ieri "Quando c'era Marnie" ha raggiunto il 4° posto. :wink:
"Pur sprovvisto di soldati, e solo, combatteva il mondo e i suoi vizi in questo luogo". (Yasushi Inoue).

Nintendo Fever

Re: Omoide no Marnie - 24-26/8/2015 - Hiromasa Yonebayashi

Messaggio da Nintendo Fever »

Non mi aspettavo un risultato del genere, che bella notizia!!
Io vado domani, non vedo l'ora!!

Jo3y
Membro
Membro
Messaggi: 149
Iscritto il: gio nov 17, 2011 12:43 pm

Re: Omoide no Marnie - 24-26/8/2015 - Hiromasa Yonebayashi

Messaggio da Jo3y »

Che bello, mi ha colpito molto. Spero di riuscire a scrivere qualcosa di più articolato domani. Al solito complimenti a Gualtiero e anche a tutto il cast italiano, in particolare la Avarista mi ha fatto venire la pelle d'oca in una delle ultime scene quando rimbocca le coperte ad Anna.. quando li dirigi tu Gualtiero, anche i doppiatori più sentiti ed abusati riescono sempre a colpirmi come di rado riescono: bravi, bravi!

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5408
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard

Re: Omoide no Marnie - 24-26/8/2015 - Hiromasa Yonebayashi

Messaggio da Shito »

genbu ha scritto:Perchè non invadente?
Perché, come citavo, "intrigante" mi risulta più opportuno.

Anna si lamenta del fatto che Yoshie ha fatto e disfatto tutto per lei: vai al Tanabata, vacci con la figlia della signora Kadoya, mettiti il vestito di mia figlia che ti starà di certo bene.

Ovviamente nel suo malessere Anna vede tutto negativo, e carica malignamente ogni atto di una cattiva intenzione.

"Invadente", che non sarebbe errato e avevo valutato, mi è parso un po' ambiguo nel caso anche perché il tutto si è svolto a casa Kadoya, dove poi Yoshie si introduce, e non volevo che la frase potesse intendersi anche come riferita a quello: che invadente, si infila in casa d'altri.
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5408
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard

Re: Omoide no Marnie - 24-26/8/2015 - Hiromasa Yonebayashi

Messaggio da Shito »

Grazie Shito, conoscevo il significato di 'intrigante', qui a differenza di 'invadente/impiccione' rende il significato che la cosa è fatta di proposito, ontro di lei. Ci sta, dal punto di vista della protagonista, non so però quale connotazione precisa diano i giapponesi alla parola.
Come dicevo, questa presunzione di malignità è netta nella recitazione (originale e spero anche italiana) di Anna, su quella frase.
Quello che intendevo dire è che in Italia (anche se penso dipenda dalle zone) intrigante è comunemente utilizzato nel secondo significato esposto da Treccani, per questo da una bambina mi aspettavo l'uso di questo secondo significato, che siccome è quasi l'opposto di quello inteso appena lo senti può risultare come nel mio caso un po' spiazzante.
Sicuramente queste cose variano da regione a regione. Io per uno, ad esempio, ho sempre sentito 'intrigante' come impiccione traffichino in primis. Ma non ci si può attaccare alla propria individuale percezione, dicendo " è comunemente utilizzato nel secondo significato esposto da Treccani", ovviamenteciascuno di noi è solo un singolo, e non dobbiamo scambiare inconsciamente la nostra percezione soggettiva per 'nazionale'. Quel che più conta è l'ordine di dizionari autorevoli: non è casuale, è inteso come dall'uso principale ai derivati. E infatti cambiano da edizione a edizione. Per esempio il termine 'corposo' è stato aggiormato nell'ordine dei suoi significati. :-)
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Penauts
Membro Senior
Membro Senior
Messaggi: 200
Iscritto il: ven apr 03, 2009 12:47 am

Re: Omoide no Marnie - 24-26/8/2015 - Hiromasa Yonebayashi

Messaggio da Penauts »

Sono l'unico ad essere rimasto deluso?

Haku91
Membro
Membro
Messaggi: 133
Iscritto il: mer ago 26, 2015 9:12 pm

Re: Omoide no Marnie - 24-26/8/2015 - Hiromasa Yonebayashi

Messaggio da Haku91 »

Penauts ha scritto:Sono l'unico ad essere rimasto deluso?
No, anch'io l'ho trovato uno dei film peggiori dello studio (e vista la qualità media, non voglio dire che faccia schifo). In buona parte è lento e noioso, spesso non si capisce dove voglia andare a parare. Si salvano come al solito animazioni e sfondi, e il finale è decisamente commovente. Non posso dire di essere deluso, dato che Yonebayashi è pur sempre al secondo film e il primo era scritto dal Maestro.
Shito ha scritto:Quel che più conta è l'ordine di dizionari autorevoli
Veramente quel che più conta è come parlano le persone. E dubito che la parola "intrigante" si usi per quel significato nella lingua parlata ("impicciona" ci sarebbe stato molto meglio), a giudicare anche dalle opinioni degli spettatori nella pagina Facebook. Così come il termine "ganzo" non è di uso comune da più di 25 anni, ed è improbabile che una bambina normale usi espressioni come "in corso d'opera" e "stupefatta". Questo tipo di adattamento (o meglio, traduzione) può andar bene per film come Princess Mononoke che hanno un linguaggio aulico anche in originale, ma qui secondo me stona parecchio. Poi personalmente ho sempre trovato stucchevoli i "chan" e i vezzeggiativi vari...

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5408
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard

Re: Omoide no Marnie - 24-26/8/2015 - Hiromasa Yonebayashi

Messaggio da Shito »

La ragione per cui ho scartato "impicciona" è che questo termine è più polarizzato sul ficcanasare, ovvero interessarsi a sproposito, piuttosto che nell'ordire piani su altri.

Ma Anna al Tanabata non ci pensava proprio. Non è che Yoshie si sia impicciata, ha fatto tutto lei! ^^;

"Come parla la gente" non lo può certo decidere il singolo, salvo mitomania. I dizionari esistono apposta. Il giorno che Facebook "farà testo" sarà da piangere e da ridere, ma non credo arriverà mai.

Se proprio, Google può dare un rozzo indice di frequenza d'uso sulle locuzioni (verfico anche lì), ma sulle incidenze di usi alternativi del singolo lemma è inutile.

Quanto a "ganzo": avevo intenzionalmente dato una caratterizzazione un po' campagnola ( l'amica di Nobuko) o antica (Marnie da bimba = ben più di 25 anni fa).

Quanto ai "-chan", che dire? In Italia facciamo da decenni i diminutivi all'americana (trocamento + y) e manco ce ne rendiamo conto. Suppongo che dei giapponesi che fanno i diminutivi alla giapponese andranno bene ora come per le generazioni future. :-)

Infine, sul film in quanto tale, concordo piuttosto con le tue impressioni.
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Goo
Membro
Membro
Messaggi: 71
Iscritto il: mer mag 14, 2014 12:44 am

Re: Omoide no Marnie - 24-26/8/2015 - Hiromasa Yonebayashi

Messaggio da Goo »

Shito intrigante in TV, nel cinema non impegnato ecc. l'ho sempre sentito nel secondo significato.
Questo vuol dire che a discapito di variazioni regionali per quanto riguarda il parlato comune (di cui fa parte quel dialogo) il significato più usato è il secondo.
Dovessi azzardare un termine sostitutivo direi "importuno".

A proposito del Chan (spoiler):
"Era chiaro subito che quella fosse la nonna, si chiamava anche lei Chan!" :D
Certo non suona bene nella nostra lingua, però quello è il Giappone ed è più che giusto metterli.

Avatar utente
Shun
Membro Senpai
Membro Senpai
Messaggi: 263
Iscritto il: mer mag 14, 2014 9:27 pm

Re: Omoide no Marnie - 24-26/8/2015 - Hiromasa Yonebayashi

Messaggio da Shun »

Visto.
L'ho trovato un buon film, in alcuni momenti semplice, in altri più strutturato.
Va bene così.

Spoiler random

Al di là dei disegni e delle animazioni, ci sono alcune cose che mi hanno colpito.
Inizialmente alcuni deja vù con Evangelion:
Anna: “Io sono brutta, stupida, cattiva … io, mi detesto!” (qualcosa di simile)
Shinji: “Io, mi odio. Sono un vigliacco, un codardo, un vile, un debole.”
Anna: “Marnie, come hai potuto tradirmi!” (qualcosa di simile)
Shinji: “Kaworu, mi hai tradito, hai tradito i miei sentimenti.”

Ci sono poi alcune sfumature nella caratterizzazione di Anna che secondo me la rendono molto credibile. Un esempio è quando dice una cosa del tipo “come hanno osato morire i miei genitori e mia nonna” .. una frustrazione irrazionale resa benissimo; o anche la scontrosità nel sentirsi sola/diversa in compagnia, come la scena del parco giochi o della festa di Tanabata.
Non so, mi è sembrato reso molto bene.

Le cose che però mi sono piaciute maggiormente sono le varie inquadrature alle mani, mani che si toccano e si stringono, o mani che cingono una spalla, o ancora gli abbracci, soprattutto quello di Anna verso Marnie, da quando muove il passo con determinazione alla conclusione.
Tutto molto ovvio, ma mi è piaciuto molto. Un altro passaggio è quando Anna ricorda che deve andare più o meno alla stessa ora “oh, è tardi”... mi ha ricordato il “per esempio se tu vieni tutti i pomeriggi alle quattro...”.
Anche Marnie, quando inizialmente ha detto ad Anna che era contenta dei vestiti e dei party, la cosa mi puzzava, ed infatti non era affatto contenta, mancavano i legami con i genitori.
Mi è piaciuto, anche se forse a tratti è un po' troppo, come posso dire, teatrale/enfatico, però secondo me questo sottolineare l'importanza dei legami, anche se in modo piuttosto semplice, lo rende un buon film. Su quest'ultima parte di “semplicità”, vorrei aggiungere una piccola nota.
La risoluzione di Anna, più che psicologica, mi è parsa più “sensoriale”, con Marnie ha trovato quell'esempio di una persona con la quale stava bene, si sentiva bene e tanto bastava. Poi con Sayaka, se inizialmente l'interesse era per via di Marnie, Anna si è aperta perché comunque ci si trovava bene.
Una risoluzione sensoriale direi, non un qualcosa di maturato razionalmente. Certo, è altresì ovvio che ci sia anche la risoluzione del trauma con il sentirsi una ragazza indesiderata, dopo che Anna mette a posto i vari tasselli della "biografia di famiglia", però credo che soprattutto ci sia la questione sensoriale di cui sopra. Se inizialmente Anna considerava l'amore della zietta un derivato dei soldi, e quindi il suo prendersi cura lo sentiva viziato, la presenza e il prendersi cura disinteressato da parte di Marnie, era l'esempio di cui necessitava.

Per il doppiaggio, ho trovato bravissimi gli attori, solo una piccola nota sulla voce della signora Hisako che con la corporatura paffuta, secondo me stonava un po'.
Insomma un ultimo, per ora, film Ghibli che a tratti ha quella semplicità di Conan-il ragazzo del futuro o di Laputa, e a tratti risulta più strutturato nelle caratterizzazioni.

Per il momento, "Arrivederci Studio Ghibli", o se sarà definitivamente così, va bene uguale.

ps. riguardo la diatriba sull'intrigante, anche per me ha stonato. Per carità che poi il vocabolo abbia anche quel significato va bene, però anche nel mio caso soggettivo avrei preferito "invadente". In ogni caso volevo parlare del film.
Ultima modifica di Shun il mer ago 26, 2015 10:40 pm, modificato 1 volta in totale.
L'essenziale è invisibile agli occhi.

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5408
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard

Re: Omoide no Marnie - 24-26/8/2015 - Hiromasa Yonebayashi

Messaggio da Shito »

Goo ha scritto:Shito intrigante in TV, nel cinema non impegnato ecc. l'ho sempre sentito nel secondo significato.
Questo vuol dire che a discapito di variazioni regionali per quanto riguarda il parlato comune (di cui fa parte quel dialogo) il significato più usato è il secondo.
Dovessi azzardare un termine sostitutivo direi "importuno".
No Goo, il dato che riporti non significa niente. Stai parla dei ricordi di una singola persona (tu) sui film e spettacoli visti da lui: non è una base statistica, è il nulla. Ma perché nessuno riesce ad accettare la semplice verità che in lunguistica l'esperienza del singolo, di ogni singolo, è insignificante? ^^;

Sarebbe come se io invece di spiegarvi le mie scelte con Treccani dicessi solo: "eh, ma a casa mia si dice così!" - non avrebbe senso, no? Non lo avrebbe.

Quanto a "importuno", il senso è diverso: lì siamo nell'area semantica di "fastidioso". Ma Anna non dice questo, dice "che intrigante!"

Altro interrogativo atavico: ma perché quando alle persone "non pisce" qualcosa se ne presume la sua scorrettezza? Nell'adattare Marnie io ho trovato varie cose (dialoghi) che ho trovato ridicoli, inopportuni o che, ma mica li ho cambiati di una virgola per questo. Non piacciono a me, e chissenefrega? Io no. Non è mica il mio film. Il mio personale gusto è irrilevante.
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Jo3y
Membro
Membro
Messaggi: 149
Iscritto il: gio nov 17, 2011 12:43 pm

Re: Omoide no Marnie - 24-26/8/2015 - Hiromasa Yonebayashi

Messaggio da Jo3y »

Per me non ha stonato, era totalmente pertinente. Sarà per quella fastidiosa abitudine di leggere molto che ho sempre avuto :mrgreen:

Nintendo Fever

Re: Omoide no Marnie - 24-26/8/2015 - Hiromasa Yonebayashi

Messaggio da Nintendo Fever »

Torno ora dalla visione. Vederlo doppiato mi ha reso chiare molte cose... Tipo... Ma Marnie era straniera :lol: mica lo avevo capito vedendolo sottotitolato in inglese :loool: !!!

Riguardo il doppiaggio, mi è piaciuto, la voce di Marnie ha reso benissimo nelle scene drammatiche, nelle risate, stupenda la scena in cui si affaccia alla finestra, para para all'originale. In altre scene è invece più "dolce" forse, rispetto all'originale, con una sfumatura leggermente meno acuta.
Shito ho dei dubbi, come mai Anna dice "Sappòro" (con O aperta) e non "Sàpporo" (Sdrucciola con O chiusa), Sayaka viene pronunciato Sayàka invece di Sàyaka (In originale mi sembrava che l'accento fosse sulla prima sillaba, veniva pronunciato così anche il nome di Sayaka di Madoka Magica per esempio), e infine Emily "Emiri"?

Goo
Membro
Membro
Messaggi: 71
Iscritto il: mer mag 14, 2014 12:44 am

Re: Omoide no Marnie - 24-26/8/2015 - Hiromasa Yonebayashi

Messaggio da Goo »

Shito se nel parlato comune, nella TV, nel cinema di basso profilo, ho sempre sentito intrigante in quel modo, e se ora cercando su internet, su Google, su Youtube, è sempre utilizzato così, non credo possa definirsi una cosa mia personale.
Se non sei ancora convinto, la prossima volta che avrai modo di parlare con una bambina dille "come sei intrigante" e osserva la sua reazione 8)

Importuno diversamente da fastidioso ha la connotazione del farlo di proposito, pertanto tra tutte le parole mi sembra la più adatta. Non sarà esatta al millesimo se ti basi sulla definizione del dizionario (anche se ora che controllo risulta tra i sinonimi di invadente e simili) ma in pratica in bocca di una bambina risulta di fatto uguale.