Neko no Ongaeshi - deliziosamente in italiano

Discussioni su gli autori e gli anime Ghibli e Pre-Ghibli

Moderatore: Coordinatori

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5408
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard

Neko no Ongaeshi - deliziosamente in italiano

Messaggio da Shito »

Immagine

Sarà che dopo la Tomba delle Lucciole non riesco a non continuare a un sacco di cose serie, ma un film così grazioso mi ci voleva proprio. :-)

Ormai è stato annunciato che il film uscirà al cinema, e con la più corretta traduzione del titolo, evviva! :-)

Io sono ancora in piena stesura del copione, ma intanto mi sono un po' innamorato di questa canzone:

https://www.youtube.com/watch?v=NwoDrRCibhA

Un po' alla ricerca di "consolazione" (sempre dalla Tomba delle Lucciole), prima avevo provato con "Kaze no Yosei", prima, ma anche quel sapore giapponese ottantino (insomma "Shouwa(Jidai)matsu" ) non mi consolava. Allora mi sono rivolto a Takahata stesso, e ho provato con la mia adorata "Asia no Kono Machi de" (il tema 'scartato' di Ponpoko) e funzionava, un po'...

http://redmp3.cc/8001450/shang-shang-ty ... hi-de.html
(questo è un riarrangiamento)

...ma il sentimento di pacificazione era un po' troppo etnico, troppo Okinawa-style, e mi serviva qualcosa di più contemporaneo (scusa, shamisen Ryuukyuu!). Allora ho pensato: aspetta! Lo shamisen si fa con la pelle e i nervi di un gatto! Vuoi vedere che...

...ho trovato un po' di serenità sulle note della Ricompensa del Gatto, da non credersi.

E no, a Azumi Inoue non ci ho pensato neppure. Niente fantasie, per curare la realtà. Nigecha dame da!
Ultima modifica di Shito il sab dic 05, 2015 10:36 am, modificato 4 volte in totale.
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Avatar utente
Shun
Membro Senpai
Membro Senpai
Messaggi: 263
Iscritto il: mer mag 14, 2014 9:27 pm

Re: Sarà che dopo la Tomba delle Lucciole...

Messaggio da Shun »

Curiosa coincidenza, ma la canzone finale di "Neko no ongaeshi" piace molto anche a me :)
Ahimè non sono riuscito ad andare a vedere "Hotaru no Haka"..
L'essenziale è invisibile agli occhi.

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5408
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard

Re: Sarà che dopo la Tomba delle Lucciole...

Messaggio da Shito »

Quel curioso gusto di ballata metropolitana, vero?

:-)
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5408
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard

Re: Sarà che dopo la Tomba delle Lucciole...

Messaggio da Shito »

Parlando di canzoni di Ghibli, ma che dire dell'originale vocal di Chihiro e Sen, che imho vale MILLE VOLTE la strimpellata di Kimura Yumi? ^^;

In effetti non apprezzo neppure molto la voce, di Kimura Yumi. Trovo abbia un'impostazione troppo lirica e solenne. Infatti la vocal originale, ovvero Inochi no Namae, che si trova nel singolo della ending di Kimura Yumi, essendo sempre cantata da Kimura Yumi per me ha quel difetto. Ma quello stesso brano, che poi sarebbe "il tema di Chihiro", si trova nell'Image Album con il titolo di "Ano Hi no Kawa he" (Al fiume di quel giorno), e in questa versione ha solo vocalizzi (solo lalala) di un'interprete tributata come U~mi (ennesimo pseudonimo della figlia di Hisaishi? LoL), e secondo me è ancora migliore. :-)
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

luca-san
Susuwatari
Susuwatari
Messaggi: 1072
Iscritto il: ven set 05, 2008 6:35 pm
Località: mantova-koganei

Re: Sarà che dopo la Tomba delle Lucciole...

Messaggio da luca-san »

https://www.youtube.com/watch?v=feg-svWlsPE
ayano tsuji presenta il video, al minuto 3.25 inizia il pezzo...
"Ponyo Ponyo Ponyo sakana no ko Aoi umi kara yatte kita..."

Avatar utente
Shun
Membro Senpai
Membro Senpai
Messaggi: 263
Iscritto il: mer mag 14, 2014 9:27 pm

Re: Sarà che dopo la Tomba delle Lucciole...

Messaggio da Shun »

Shito ha scritto:Quel curioso gusto di ballata metropolitana, vero?

:-)
Più o meno :) Allegra, spensierata e poi anche il ritornello frizzante all'ascolto e nel testo, che porta a immaginare un luogo soleggiato, con due persone che hanno trovato la felicità insieme...

Per Chihiro intendi "Itsumo nando demo"? Perché mi sa che non ho presenti le altre versioni XD
L'essenziale è invisibile agli occhi.

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5408
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard

Re: Neko no Ongaeshi - graziosamente in italiano

Messaggio da Shito »

Topic starter MAAAAAAAAAKE UP! :D

(ok, quelli erano altri gatti...)
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Avatar utente
Lonelywolf
Membro
Membro
Messaggi: 55
Iscritto il: gio mag 02, 2013 7:34 pm

Re: Neko no Ongaeshi - graziosamente in italiano

Messaggio da Lonelywolf »

Quindi il gatto ricompensa scolarette con gioielli & monili affini. Interessante.

Jo3y
Membro
Membro
Messaggi: 149
Iscritto il: gio nov 17, 2011 12:43 pm

Re: Neko no Ongaeshi - graziosamente in italiano

Messaggio da Jo3y »

Hahahaha non mi aspettavo una citazione delle Sailor da parte tua, Gualtiero :D

Avatar utente
Godai
Nuovo Membro
Nuovo Membro
Messaggi: 14
Iscritto il: lun ott 19, 2015 2:59 pm

Re: Neko no Ongaeshi - graziosamente in italiano

Messaggio da Godai »

Sono molto curioso di vedere questo film, ho amato molto "i sospiri del mio cuore", ma sopratutto sono felice di poter di andare ancora una volta al cinema per vedere un film Ghibli che non conosco.

Di Neko no Ongaeshi però conoscevo la canzone, a cui sono molto grato per avermi fatto scoprire Tsuji Ayano, un'artista di cui mi sono innamorato via via che passavano gli ascolti. Ha il grande pregio di avere uno stile riconoscibile sin da subito grazie anche al suo ukulele che ha imparato a suonare perché aveva le mani troppo piccole per la chitarra!

Avatar utente
Ash
Nuovo Membro
Nuovo Membro
Messaggi: 41
Iscritto il: mar nov 05, 2013 2:12 pm

Re: Neko no Ongaeshi - graziosamente in italiano

Messaggio da Ash »

Beh, che dire? Non posso non essere contento al pensiero che un altro film Ghibli beneficerà di un passaggio sul grande schermo, anche perché ormai siamo davvero agli sgoccioli.
Certo, non è una delle vette artistiche dello Studio, ma come ho già detto in altra discussione, non è nemmeno così brutto come lo si dipinge (semicit.): atmosfera leggera, probabilmente più che in ogni altro film ghibliano, ma si tratta comunque di un film estremamente godibile. Inoltre, ricompaiono Muta e, soprattutto, Baron, ragione per cui ho sempre voluto bene a questa pellicola "minore".

Ora, aspettiamo l'arrivo scoppiettante degli Yamada e poi potremo lasciar scendere qualche lacrimuccia al pensiero che tutto si è concluso.

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5408
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard

Re: Neko no Ongaeshi - graziosamente in italiano

Messaggio da Shito »

Dunque faccio un po' un recap dell'altro thread. ^^

Come ci diceva Haku91:
Il sito movieforkids.it ha annunciato l'uscita nei cinema di La ricompensa del gatto (Neko no ongaeshi) il 9 e 10 febbraio 2016, distribuito da Lucky Red.
http://www.movieforkids.it/news/la-rico ... ema/35364/
In effetti avevo inaugurato questo topic con altro titolo e senza annuncio alcuno da parte mia. Perché finché il film non fosse stato annunciato ufficialmente da chi è deputato a farlo non mi sarei permesso di parlare della lavorazione. Ed è una mera coincidenza (giuro) che oggi avessi startato il topic che parlava della canzone e sia poi giunto l'annuncio ufficiale dell'uscita. :-)

In effetti ci tengo anche a precisare che quando scrivevo (in altro topic, qualche tempo fa) che questo film avrebbe potuto valere una distribuzione cinematografia la cosa NON era stata affatto decisa. Mi ero fatto quest'idea quando ho iniziato a lavorare sul testo, e indi ad addentrarmi nel film, e ne ho parlato con lo staff dirigenziale di Lucky Red. Evidentemente talune mie impressioni sono state condivise, dato che chi decide queste cose di mercato palesemente ne sa - a differenza di me. ^^


A tal proposito, diceva Nintendo Fever:
Non andrei a vederlo per un semplice motivo: Omohide poroporo esce direct to video, Mimi wo Sumaseba è uscito direct to video, e sono film nettamente superiori a questo. Ora, ok, Mimisuma sono passati anni e pazienza, ma perché Poroporo non ha potuto avere una distribuzione anche di un solo giorno (Come la Collina dei Papaveri)? Li avrei spesi volentieri quegli 11€ E come me molti altri! inoltre Lucky Red avrebbe incassato da subito!
Strane questioni di Marketing...
Ai tempi, dicevo io stesso che dei tre film Ghibli 'restanti', ovvero Umi ga Kikoeru (Si sente il mare), Hohoukekyou Tonari no Yamada-kun (I cinguettanti vicini Yamada) e Neko no Ongaeshi (La ricompensa del gatto), proprio (soltanto) l'ultimo poteva immaginarsi avere uno spazio cinematografico.

Perché lo dicevo? Ritengo forse questo film superiore agli altri due?

Beh, vediamo.

Umi ga Kikoeru è un bellissimo film-TV. Dire 'film TV' non afferisce soltanto ai costi, ai modi di produzione. La regia di quel film, piuttosto, è nata e pensata per la TV. Le messa in scena, il montaggio, le inquadrature, la profondità di campo, la sceneggiatura, i temi e le musiche, proprio tutto. Non avrebbe senso da principio pensarlo al cinema, perché da principio quella pellicola non è una pellicola fatta per il cinema. :-)

Hohoukekyou Tonari no Yamada-kun, beh, che ne parliamo a fare? E' un film di Takahata. Per me Takahata è più o meno una divinità. Segue per sillogismo che Hohoukekyou Tonari no Yamada-kun per me è opera divina, materia divina. Ma a cosa conta quello che questo film è per me? Non conta niente, ed è giusto che sia così. Perché per commercializzare qualcosa in un dato modo bisogna avere delle prospettive di vendita, reali. Uno spazio di vendita, una speranza di pubblico - reali. E lo avrebbero in Italia, al cinema, i vicini Yamada, con quei contenuti e quel tratto grafico. Direi proprio di no.

Certo, meno ostico sarebbe stato Omohide Poroporo (Pioggia di ricordi), al cinema. Altra opera divina, per me. E ve lo dico: chiunque abbia visto questo film, in Lucky Red come nello studio di authoring per la produzione del BD/DVD come a Lucca... se n'è innamorato. Dico: innamorato. Ma per vendere un film al cinema devi riuscire a convincere gente che quel film non l'ha ancora visto - banale, vero? E dite che, nell'attuale mercato, settore, mondo... questo film sarebbe pubblicizzabile? FORSE sì. Con un IMMENSO sforzo pubblicitario, dico di risorse umane, dico in comunicazione miratissima. Sono stato io per primo sorpreso dal successo de La tomba delle lucciole al cinema, di recente, ma c'è da dire che Koch Media l'ha un po' trattato con i guanti bianchi, l'ha un po' gestito come un titolo di punta - il che è comprensibile. Ma era materiale esplosivo, che scotta, e il rischio di floppone c'era. Con Pioggia di ricordi, beh, direi ancor più: perché non offre neppure punti di facile appiglio promozionale. Ha più risonanza "la toccante storia di due bambini giapponesi soli contro il mondo nella pagina più drammatica del secondo conflitto mondiale" o "una quasi trentenne random che va nella campagna random e si ricorda la sua infanzia random nel Giappone tardo sessantino"?

Davvero, dico.

Detto il che, La ricompensa del gatto è tutto diverso.

Ha una grafica moderna.

E' un film leggiadro. E' una favola metropolitana con una morale chiara e decisa.

Ha una forte connotazione fantastica, onirica.

La protagonista è una ragazzina adolescente normalissima.

E' pieno di gatti di ogni genere e sorta.


A tutti gli effetti, se La sparizione di Chihiro e Sen era un film tetro e cupo con una morale per bambine decenni, La ricompensa del gatto è un film vivace e solare con praticamente la stessa identica morale confezionata per delle adolescenti (scuola superiore) comuni.

Sul che si potrebbe andare a elaborare un altro pochino, ma intanto che ne dite? ^^;
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Avatar utente
Shun
Membro Senpai
Membro Senpai
Messaggi: 263
Iscritto il: mer mag 14, 2014 9:27 pm

Re: Neko no Ongaeshi - graziosamente in italiano

Messaggio da Shun »

Condivido in toto l'analisi.
Poro poro al cinema forse avrebbe più possibilità degli Yamada, ma sono film iper-quotidiani, che adoro, soprattutto il primo, ma che forse non hanno attrattiva a priori (poi uno dopo la visione può giudicare, ma prima? "film sulla vita quotidiana di una tizia random...").
Riguardo "Neko no ongaeshi", è vero, anche se imho è molto inferiore a "Sen to Chihiro.." il finale è davvero simile... emblematica la scena dove
Spoiler:
Haru e la mamma mangiano a luce spenta, e poi dopo il ritorno dal viaggio, Haru è tutta sgargiante, ha preparato la colazione e volge uno sguardo fiducioso all'orizzonte, da scrollata abulia.
L'essenziale è invisibile agli occhi.

Avatar utente
Slask
Membro
Membro
Messaggi: 90
Iscritto il: mer apr 16, 2014 10:55 am

Re: Neko no Ongaeshi - graziosamente in italiano

Messaggio da Slask »

Shito ha scritto:Ha più risonanza "la toccante storia di due bambini giapponesi soli contro il mondo nella pagina più drammatica del secondo conflitto mondiale" o "una quasi trentenne random che va nella campagna random e si ricorda la sua infanzia random nel Giappone tardo sessantino"?
ahahaha, in effetti messa così :lol:

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5408
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard

Re: Neko no Ongaeshi - graziosamente in italiano

Messaggio da Shito »

Signor Lacoonte, è lei?
Immagine


Estetista Snellimento Gambe BeruBara
Immagine


Il gatto che piantava alberi

Immagine

:-)
Ultima modifica di Shito il dom nov 29, 2015 2:28 am, modificato 1 volta in totale.
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)