'Il Principe del Sole - La grande avventura di Hols' ed.italiana BLU RAY

Discussioni su gli autori e gli anime Ghibli e Pre-Ghibli

Moderatore: Coordinatori

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5406
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard
Contatta:

Re: 'La Grande Avventura di Hols, Il Principe del Sole' ed.italiana BLU RAY

Messaggio da Shito » mer gen 10, 2018 8:11 am

Tutto giusto. Bisogna però ricordare che per comprendere il film sono altresì necessari la volontà di comprenderlo, la capacità intellettuale di comprenderlo, e soprattutto lo sforzo reale per farlo.

Tutte cose difficilmente allegabili a un BluRayDisc.

Come sempre, insomma, "ognuno si salva da sé".

È per questo che a salvarsi sono da sempre pochi, sempre meno.

Si vede che così dev'essere, già che tutto scorre con la corrente.
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5406
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard
Contatta:

Re: 'La Grande Avventura di Hols, Il Principe del Sole' ed.italiana BLU RAY

Messaggio da Shito » sab gen 20, 2018 9:11 am

Ok, ora faccia il bravo (?), mi contraddico e provo a fare una collatio dei miei pensieri su Hols no Daibouken...

...quindi, ma voi avete davvero presente il film Taiyou no Ouji - Hols no Daibouken? [Traduzione: Il Principe del Sole - La grande avventura di Hols <- nota: sono "due titoli", il primo non è apposizione del nome "Hols"] Perché il punto è se lo si sia visto di recente, dico relativamente di recente per essere stata una visione "da adulto".

Partiamo però dal principio. Non so se conosciate i fatti: questo fu un film fatto in tempi di socialismo operaio, con una logica da socialismo operaio, con un senso di socialismo operaio. In Giappone, parlando di sindacalismo socialista, si diceva ANPO. Takahata e Miyazaki lavoravano come dipendenti fissi alla TOEI, avevano fatto, o facevano, le rappresaglie sindacali degli operai: il dormiglione Takahata era il presidente della locale sezione dell'ANPO, e l'iperattivo Miyazaki era un portavoce e oratore. Il tema del film in questione, comunque, è "l'unione delle persone", e si vede molto bene. Fu il senpai Ootsuka Yasuo a proporre per la regia il giovane Takahata Isao, che era laureato in francese e che un po' come Tomino si era avvicinato all'animazione (e alla TOEI) perché era interessato alla regia, al cinema, e alle possibilità di espressione dell'animazione - aveva visto il film di Grimault e Prevert, Il re e l'uccello (La pastorella e lo spazzacamini) ed era rimasto fulminato. Così gli assegnarno la regia di questo nuovo film ad alto budget, e anche così "Hols" costò il doppio del suo budget, e da otto mesi la produzione richiese tre anni. Come dire: fu la prima regia cinematografica di Takahata, e il trend non sarebbe cambiato. ^^

Io credo che Takahata non senta nessuna urgenza, nessuna necessità di dirigere alcun film. Quando Suzuki Toshio gli ha chiesto di fare Kaguya-Hime no Monogatari, Takahata ha 'tipicamente' (per lui) risposto: "perché dovrei farlo?". Quanto quel suo ultimo film sia costato in termini di tempo e soldi è storia, ed è fantastico, ma questo è un altro tema.

Tornando quindi a Hols no Daibouken, c'è davvero da ribadire quel che anche Francesco Prandoni scrive nel suo libro, ovvero che in sostanza quel film fu il definitivo e più brillante momento di distacco dello stile animatorio giapponese dalla tradizione statunitense. Anche i contenuti sono assai distanti da quelli tipicamente infantili di Disney. Davvero Takahata aveva una forte influenza intellettuale europeista.

A tal proposito, illuminante è sempre il documentario Ootsuka Yasuo no Ugokasu Yorokobi [La gioia di animare di Ootsuka Yasuo]. Lì ci sono testimonianze preziosissime. In pratica, anche se il film era inteso come 'fatto da tutti' (socialisticamente, in senso creativo), dopo un po' Ootsuka e Miyazaki si ritrovarono tagliati fuori dalle riunioni creative. E non capivano perché. Soprattutto Miyazaki non capiva perché Takahata (e con lui l'anziano Mori Yasuji) usassero tanto tempo (ovvero metraggio) sulle paturnie di Hilda, piuttosto che per fare delle scene d'azione "toste", grandiosamente animate, come avrebbero voluto fare lui e Ootsuka (il combattimento col mostro barracuda ha fatto storia e scuola, l'uomo di roccia Mog pure, il mammut di ghiaccio anche). Poiché Takahata continuava a chiedere estensioni di minutaggio, e la produzione gliele negava, alcune scene particolarmente concitate, ovvero movimentate, vennero rese in scena con sequenze di immagini statiche, cosa che a Miyazaki deve essere costata tantissimo: lui ha sempre criticato Tezuka per ciò che ha fatto in animazione, dimostrarndo che si potevano vendere anche dei "cartoni non animati", quelli per cui Tomino avrebbe poi detto: "capii che anche mostrando disegni statici in televisione, il tempo passava lo stesso, e la storia si raccontava lo stesso". Come un ritorno ai kamishibai del passato, volendo. E' l'immaginifico del fruitore che riempi gli "spazi vuoti", e in animazione la staticità ovvero fissità è "vuoto". Ah, Kaguya! Quanto avresti avuto a insegnarci, in tal senso!

In ogni caso, Ootsuka racconta che quando vide poi il film completo, dico Hols, si mise a piangere, e accettò che "lui non avrebbe mai potuto essere un registra, che lui doveva limitarsi a fare le animazioni, a fare quelle cose divertenti che piacevano a lui" (sic). Per la cronaca, si sa che la regia di Cagliostro no Shiro era stat in primis offerta a Ootsuka, che rifiutò dicendo "non sono capace di dirigere", e passò la cosa a Miyazaki Hayao. Perché evidentemente Miyazaki, che era rimasto colpito da Hols tanto quanto Ootsuka, se non di più, non accettò il fatto che lui era un po' un bambinone che disegnava, mentre Takahata era un intellettuale che dirigeva, credo. Certo questa è una riflessione mia, però Ootsuka dirà: "Non fosse stato per Takahata, Miyazaki avrebbe speso tutta la vita a fare cose infantili come i cartoni animati" (sic). Per contro, lo stesso Miyazaki – filmato, nelle sue proprie parole – dice proprio: "Pakusan non stava più facendo i cartoni animati... stava facendo Prevert, stava facendo Edith Piaf!" (sic).

L'animazione giapponese cambia con Hols. Ovvero, l'animazione giapponese, per quello che sarebbe davvero diventata, nasce con Hols.

Sappiamo ad esempio che dopo Hols il buon Miyazaki Hayao passerà lunghi anni, tanti anni a 'disegnare per Takahata'. Tipo il braccio e la mente. Sono i tempi che vanno da Heidi a Anne, passando per Marco e per i Panda allo zoo di Tokyo con Pippi sotto mentite spoglie. E' quasi spaventoso, ma quando Ootsuka poi rivedrà Miyazaki dopo quel lungo periodo dirà che "Miyazaki era cambiato" e che "aveva realizzato una mole impressionate di disegni". Ora, se questo l'avessi detto io, non è che ci sarebbe da sorprendersi. Io non so disegnare neppure l'omino col pallino per testa e lineette per corpo. Ma Ootsuka Yasuo! Ootsuka Yasuo assomiglia a Tezuka. Se Ootsuka dice che quealcuno "aveva realizzato una mole impressionante di disegni", se da quella mole è rimasto impressionato *lui*, beh... c'è da pensare. Di lì a breve Miyazaki avrebbe iniziato con la regia di Mirai Shounen Conan. La nave lì si chiama "Barracuda".

Ora, però, il vero punto è Hilda.

Sappiamo bene che Clarisse de Cagliostro è considerata non solo il prototipo delle eroine miyazakiane, ma anche la capostipite del lolicon prima e del moezoku dopo.

Ebbene, se penso a Hilda, dico che Hilda distrugge da sola tutto l'otakuzoku, il lolicon e il moe.

Hilda è come una figura femminile preraffaelita. In lei sono l'afflato vitalistico e mortifero, entrambi. Hilda è amore materno e odio assassino. Senza dissociarli. E senza dissociarsi: Hilda non è mica bipolare, eh. Queste sono cose postmoderne, no. Hilda è *solo* una femmina. Non è una rori, ma non è neppure una donna cresciuta, vissuta e imbruttita (è il compromesso Miyazakiano, questo), Hilda si trova semplicemente nel mezzo, nell'ambivalente mezzo. Accettare Hilda è altresì la maturità maschile del capire che nella femminilità quei due antipodi NON sono disgiunti.

Maturità maschile?

Ecco, fantasizzo infatti che Miyazaki abbia passato tutta la vita, come un bimbo, a cercare di capire Hilda. Me lo vedo quasi: "ma Hilda è buona o cattiva? Hilda è come lo scoiattolino Chiro o come il gufo Toto? Com'è la vera Hilda? E' una brava bimba che -poverina- era finita a fare la cattiva, o è una cattiva che si redime?". Credo che Miyasan abbia fatto 'coppie' di questo tipo di femminilità disgiunta - e l'ha disgiunta nell'età, santificando le bimbe pure e compatendo le donne sporcate.

Bisogna partire da Sabaku no Tami. La fanciulla di Sabaku no Tami è Hilda. Nel senso che è uguale. Alle vesti ainu si sostituiscono altre vesti 'etniche', ma è uguale. Poi c'è la ragazza di Shuna no Tabi, che è Therru (del libro) ma è evidentemente ancora Hilda. Poi c'è Nausicaä, che incomincia a essere sdoppiata con K'shana. Nausicaä dà di matto e ammazza i soldati quando vede il corpo del padre assassinato, poi crolla e ha paura di sé stessa. Ovvero, Nausicaä non è più Hilda: è un pezzo di Hilda. Nausicaä è pura, ma l'odio la porta alla cattiveria - lei lo teme. K'shana è l'altro pezzo di Hilda: lei è cattiva, perché deve esserlo. Ma poi scopri che ha sofferto più di tutti. L'ambivalenza di Hilda si è sdoppiata in una coppia di femmine antipodiche. Inutile parlare delle altre coppie, perché da qui a San e Eboshi è un solo passo davvero. Solo che San è ancora più Hilda di quanto non fosse Nausicaà, perché nel frattempo il manga si era concluso, Miyazaki era invecchiato e cresciuto almeno un pochino, e infatti Mononoke Hime è la sua opera più matura in assoluto.

Ma nel frattempo, se ci pensate, anche Nadia è ancora Hilda. Ovvero, è una Lana che stava già diventando Monsly, è una Nausicaa che stava diventando K'shana. Quando a Tartessos Nadia tenta il suicidio, è una crisi ben più profonda di quella di Nausicaä, che si spaventa da sé, ma sa in cuor suo "di essere buona". Nadia teme il suo sangue: "Usando il potere della Blue Water diventerò un'assassina come mio fratello e mio padre!". Come si dice, in giapponese? "Non si può sconfiggere il sangue" e "Il cucciolo di una rana è una rana" (ma anche da noi, nell'antica Roma, si diceva: "non perché una scrofa partorisce nella stalla il nuovo nato è un puledro.", in barba alle velleità dello ius soli).

Dunque dicevo, Hilda, Nadia. Ma ai tempi di Clarisse, di Lana, si Sheeta, era già tutto molto annacquato. Queste fanciulline miyazakiane sono come delle madonnine (ovvero: delle piccole Kannon). Lana, che prende comunque ke mosse da Hols, è praticamente San Francesco al femminile, o Gesù Cristo al femminile, parla con gli uccelli ed è in contatto con la natura. Clarisse chiama tutti -san come una bambina delle elementari, ed è lì ad voler essere "presa e portatat via" dal Signor Ladro. Quando la vediamo bimba ver, nel flashback col cane, è praticamente la Nausicaä omerica - in tutto e per tutto. Basta poi ricordare che di Sheeta non si sa davvero niente. "Sono carina, che altro?" sembra dire ad ogni sguardo. Ha un momento di timore per la sua 'eredità' giusto sulla coffa della Tiger Moth, oh-mio-dio le parole di distruzione, gli incantesimi cattivi, ma lì finisce. Per il resto è la rori che cucina per i pirati e tutti l'adorano. Da lì, il passo ulteriore poteva essere solo Fio, che disegna anche gli aeroplani a diciassette anni, ma poi si denuda come Heidi, tanto è ingenua - solo che il denudarsi di Heidi prima, di Shoukichi poi, di Kaguya poi ancora ha tutto un preciso senso che quello di Fio non ha, lì è solo fanservice lolicon.

E Hilda? Hilda è combattuta tra l'attitudine femminile a sedurre (con la lira e il canto) a 'corrompere' tutti gli uomini del paese, dividendone gli animi e rendendoli indolenti, così che abbandonino il lavoro comunitario per ascoltarla, una natura maligna in senso proprio che la porta a voler desiderare di essere ancor più maligna, abbandonandosi a questo suo lato (e tradisce, e complotta, o meglio femminilmente 'si presta' al complotto di un uomo anche pateticamente stupido), e dall'altro lato un ancor più forte, profondo e naturale *istinto materno*, che la porta a voler salvare *la bambina piccola*, Mauni, quella che bella sua ingenuità infantile continuava pervicacemente a *volerla privare della sua solitudine*. Hilda vorrebbe salvare solo lei, ma no, lo *scoiattolino* (Chiro) le dice: "No, non puoi ingannarti in questo, non faresti che dare nascita ad un'altra Hilda, tutta sola soletta, un'altra Hidla, che non piange anche se vorrebbe piangere dalla tristezza". Argh. E poi ancora Hilda sceglie la morte, perfino, per salvare il bimbo Flip. Ma come si può guardare la scena di lei che si lascia trapassare dai lupi che sono i venti gelidi senza tremare? Come si può?

Dicevamo che Hols è dei tempi dell'ANPO. Più precidsamente, è del '68, quando il Giappone doveva ancora entrare nella postmodernità, si sarebbe detto poi, dato che Osaka70 è nel '70, ovvio.

Hols, Principe del Sole, è giusto l'anno prima dello sbarco dell'uomo sulla Luna.

Dicevamo che fu un film "socialistico", nelle intenzioni di realizzazione e nel tema. Giustamente lo si considera un film fascista, che è socialismo minimalista. Dicevamo che il tema dichiarato è l'aggregarsi (e il dividersi?) delle persone, l'unire le forze.

Ma credo comunque che il fulcro di tutto, alla Giapponese, sia sempre tra la debolezza della solitudine e la forza dell'unione delle genti. E così alla fine la cosa tragica è che Grunwald è solo. Anche il fatto che abbia preso una probabile orfana, forse da lui stesso risparmiata, come "sorellina", e che chieda a Hols di fargli da "fratellino", non è che solitudine. Del resto, Hilda stava facendo lo stesso con Mauni. E' davvero un grande tema del passaggio da modernità a postmodernità, ovvero da socialità e asocialità, tra dipendenza e indipendenza, tra comunità e individualismo umano.

Mi ricorda anche un po' quel che Hara fece con "Il contrattacco dell'impero degli adulti".

Certo l'ambivalenza di Hilda continua a essere agghiacciante (termine scelto non a caso) ancora a trent'anni di distanza dal suo debutto.

E' il giovane Takahata Isao. Ma la vague (termine scelto non a caso) da verismo pseudosurrealista, e simbolista in questo, dell'autore c'è già tutta.

Takahata ai tempi di Hotaru no Haka disse: "l'animazione è una specie di surrealismo".

E come non lo si capirebbe, guardando che cos'è il Bosco degli Smarrimenti in cui cade Hols? Il mondo dei suoi dubbi, della sua confusione. E cosa può riforgiare la Spada del Sole? Il sentimento e lo sforzo congiunto di tutto il paese, la negazione della solitudine di Hilda, e di suo "fratello" Grunwald. Surrealismo, ma anche un forte simbolismo. Surrealismo simbolista.

Ma c'è anche tanto realismo, anzi neorealismo (che è verismo in immagini, a pensarci). Takahata era dichiaratamente un estimatore del neorealismo cinematografico, e il risultato è incredibile, per me. Il movimenti di Hilda fanno paura. l modo in cui Hilda parla, si muove, fa una corsetta, ridacchia, si fissa, si aggiusta una ciocca di capelli dietro all'orecchio... è realtà femminea. Miyazaki non ha mai animato una simile impressione di realtà umana in tutta la vita. Mi fa tremare. L'ambivalenza di Hilda è rappresentazione pseudosurrelista della femminilità.

L'unica cosa che mi viene in mente, come Hilda, è la Salomè. Ma non esattamente la Salomè di Wilde. La Salomè per come te la spiega Aby Warburg. Lui ti spiega che Salomè è "una ninfa", come lo sono le prostitute dell'impressionismo, come lo sarebbe poi stato Marylin Monroe della pop art.

La ninfa è il movimento, il tempo, è lo spirito femminile.

Le ninfe sbranano Orpheus che si rifiutava a loro, dopo la morte di Eurydike, perché Orpheus non accettava il tempo, la fine, la perdita. Non accettava l'impermanenza della vita e dei suoi significati. L'impermenenza.

La ninfa è fanciulla magica e strega. Ma non è neppure che l'una diventi l'altra, crescendo: Izubuchi è come Miyazaki, così è ancora troppo comodo. La ninfa è entrambe, contemporaneamente e alternativamente. Deve fare il bene e il male, del sé e del prossimo, gioire e soffrire, far gioire e far soffrire, perché in questo è quella perturbazione che è la vita stessa, il tempo, che significa che c'è un prima e un dopo. La ninfa è il turbamento stesso. I cerchi concentrici che si generano nello stagno quando butti un sasso. La perturbazione (nel mare di Dirac). L'antientropia. La transistasi.

Credo fosse per questo che Dante Gabriel Rossetti disegnava sempre queste donne che facevano paura nella loro altera, distaccata, puranco eterea bellezza. La dama col melograno è Persephone. La Maria che Dante dipinge in Ecce Ancilla Domini potrebbe essere Hilda, davvero. Altro che rori. Ma a Miyasan è piaciuta l'Ophelia di Millais - è più semplice. Nonostante tutto, io credo che Miyazaki non abbia ancora capito davvero, nel senso di accettato, compreso, e forse non capirà mai la tremenda semplicità di Hilda.

Perché la sua è forse una psiche maschile che nega tutto ciò, come quella di un otaku.Miyazaki diceva "che il senso della vita sia la felicità in vita non riesco ad accettarlo, non posso vivere così." Come lo capisco! Ci sono persone che hanno bisogno di trovare un fine al di fuori di sé per sopportare la vita. Qualcosa di più alto del proprio esser. E' un pensiero molto moderno e per nulla postmoderno. Hegel capirebbe. Quindi propriop come me, forse, anche MIyazaki Hayao è un rifiuto dell'impermanenza. Nel senso che lui la rifiuta, ma anche che è ciò che l'impermanenza stessa lascia come uno scarto. Rifiutando la vita, si diventa un rifiuto della vita.

Tipo, un maiale antropomorfo. Uno stregone marino stralunato. O Grunwald. O Aracne, in un bel film animato che è "tratto" da dei libri ma in realtà non è nient'altro che la grande avventura di Hols rifatta una generazione dopo, quando l'unione delle genti, socialistica, è diventata l'unione familiare - in termini di latenze. Tipo.

Volendo si potrebbe anche citare Tomino Yoshiyuki, a Char al contrattacco, alle figure femminili di Tomino. Pare che Tomino e Takahata siano amiconi.

Ma si torna sempre a Hols. Di nuovo: da questo film è incominciata l'animazione giapponese per quello che sarebbe poi stata.

La tensione drammatica nella narrativa animata.

Certo è una tensione drammatica non fine a sé stessa. Non è fan service. E' una drammaticità espressiva che col surrealismo mira all'indicare una strada di riflessione e forse di crescita. In realtà, e qui Miyazaki Hayao potrebbe impazzire, in Hols ci sono anche punti in comune col Tezuka che si sarebbe infine prestato al gekiga. Infatti il punto è sempre il passaggio dalle bambinate dei manga alla drammaticità dei gekiga - che Miyazaki Hayao cercò di perseguire ai tempi del film di Nausicaä, come dice Anno Hideaki.

Ma quel tempo e quel tentativo, quel penaiero e quella volontà, passarono. L'animazione giapponese, alla fine, nel manierismo di sé stessa è forse così diventata la materializzazione del "desiderio di adultità" di adolescenti in moratoria di crescita. Invece che la conquista dell'aultità, è diventata lo strumento dell'eterno permanere una pseudo-adultita fittizia, narratva. Una meta-adultita proiettiva e pantomimica, che tende piuttosto a sublimare la tensione verso la crescita reale dello spettatore. Un po' come la pornogtrafia in ambito psicosessuale, il cui consumo è un'esperienza di "pseudo-sessualità proiettiva" (voyeuristica) che tende piuttosto a sedare la spinta sessuale reale. UN'eterna adolescenza che trova una sua meta-realtà nelle narrazioni di finzione. Nel consumo dell'intrattenimento narrativo. Mi sempre questa la piega presa dalla società postmoderna.

E così pure, ormai, l'anmazione giapponese, anche con tutte le sue particolarità. L'animazione giapponese che era partita da Hilda e Hols e poi avrebbe conquistato l'occidente postmoderno con l'animazione bella di MIyazaki Hayao.

Ma alla fine, come dicevamo, la Therru letteraria passando per la Tribù del Deserto diventa la fanciulla accanto a Shuna che poi diventa mezza Nausicaä che poi diventando San è ancor più tornata a Hilda. Asbel è Arren è Ashitaka è Hols.

Sono sempre Hilda e Hols.

Tornando ancora più indietro ci sono solo la pastorella e lo spazzacamini. Di Prevert e Grimault - forse.
Ultima modifica di Shito il mer gen 31, 2018 7:58 pm, modificato 2 volte in totale.
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Avatar utente
Muska
Chibi Totoro
Chibi Totoro
Messaggi: 1701
Iscritto il: lun mag 17, 2004 10:16 pm
Località: La Città Eterna

Re: 'La Grande Avventura di Hols, Il Principe del Sole' ed.italiana BLU RAY

Messaggio da Muska » gio gen 25, 2018 12:50 pm

Grazie infinite per questo contributo, davvero estrememente interessante per me. :)
Ho riletto diverse volte e mi ha offerto molti spunti di riflessione sulla storia delle opere, oltre a farmi capire meglio alcune dinamiche e relazioni tra persone e creazione.
"Pur sprovvisto di soldati, e solo, combatteva il mondo e i suoi vizi in questo luogo". (Yasushi Inoue).

tasuku
Membro Senpai
Membro Senpai
Messaggi: 312
Iscritto il: sab nov 04, 2006 11:21 am

Re: 'La Grande Avventura di Hols, Il Principe del Sole' ed.italiana BLU RAY

Messaggio da tasuku » gio gen 25, 2018 6:20 pm

Caro Shito, gia' so che mi detesterai per il quoting :oops:
Shito ha scritto:Traduzione: Il Principe del Sole - La grande avventura di Hols <- nota: sono "due titoli", il primo non è apposizione del nome "Hols"
Non ne sono convinto.
In realtà, il trattino separatore non c'è:
太陽の王子 ホルスの大冒険
Shito ha scritto:In pratica, anche se il film era inteso come 'fatto da tutti' (socialisticamente, in senso creativo), dopo un po' Ootsuka e Miyazaki si ritrovarono tagliati fuori dalle riunioni creative. E non capivano perché. Soprattutto Miyazaki non capiva perché Takahata (e con lui l'anziano Mori Yasuji) usassero tanto tempo (ovvero metraggio) sulle paturnie di Hilda, piuttosto che per fare delle scene d'azione "toste", grandiosamente animate, come avrebbero voluto fare lui e Ootsuka (il combattimento col mostro barracuda ha fatto storia e scuola, l'uomo di roccia Mog pure, il mammut di ghiaccio anche).
A questo proposito, aggiungo una cosa.
In Hols non esiste un character designer unico.
Nella wiki ja si legge che Otsuka ha fatto Hols, Koro, Flep e tanti altri; Miyazaki ha fatto Grunwald - con Kotabe e Hayashi - il vecchio fabbro Ganko, Moug e il Mammut; il resto se lo sono divisi Kotabe e la Okuyama.
Hilda? L'ha disegnata un'unica persona, che ha creato solo il suo personaggio: Mori Yasuji.

Btw, secondo me nelle scene statiche che citi, Takahata ha fatto di necessita' virtu', ma la concitazione delle azioni dei personaggi traspare in modo decisamente efficace.
Shito ha scritto:E Hilda? Hilda è combattuta tra l'attitudine femminile a sedurre (con la lira e il canto) a 'corrompere' tutti gli uomini del paese, dividendone gli animi e rendendoli indolenti, così che abbandonino il lavoro comunitario per ascoltarla
In quel contesto sociale mi ha ricordato Schtroumpfette, come elemento di disturbo.
Shito ha scritto:Ma credo comunque che il fulcro di tutto, alla Giapponese, sia sempre tra la debolezza della solitudine e la forza dell'unione delle genti. E così alla fine la cosa tragica è che Grunwald è solo. Anche il fatto che abbia preso una probabile orfana, forse da lui stesso risparmiata, come "sorellina", e che chieda a Hols di fargli da "fratellino", non è che solitudine. Del resto, Hilda stava facendo lo stesso con Mauni. E' davvero un grande tema del passaggio da modernità a postmodernità, ovvero da socialità e asocialità, tra dipendenza e indipendenza, tra comunità e individualismo umano.
Secondo me quell'aspetto di Grunwald, classico 'nemico per necessita' di trama', e' fondamentale.
La ricerca da parte di un *sommo demone* di una 'sorella minore' (Hilda) e di un potenziale 'fratello minore' (Hols) mi ha sempre colpito.
E Toto si rivolge a Hilda sempre con linguaggio rispettoso.
Shito ha scritto:Mi ricorda anche un po' quel che Hara fece con "Il contrattacco dell'impero degli adulti".
Li' pero' si era gia' dentro la postmodernita' fin'oltre le ginocchia...
Shito ha scritto:Takahata era dichiaratamente un estimatore del neorealismo cinematografico, e il risultato è incredibile, per me. Il movimenti di Hilda fanno paura. l modo in cui Hilda parla, si muove, fa una corsetta, ridacchia, si fissa, si aggiusta una ciocca di capelli dietro all'orecchio... è realtà femminea.
Quanta verita'!
Anche se ho sempre avuto un po' di difficolta' a comprendere come potesse far convivere il neoralismo cinematografico con animali parlanti o antropomorfi. Sicuramente e' un mio limite, dato che i suoi film sono sempre *troppo*, ad ogni visione.

Una domanda: sai per caso se l'abbigliamento dei personaggi del film si rifaccia in qualche modo a quello degli Ainu?

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5406
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard
Contatta:

Re: 'La Grande Avventura di Hols, Il Principe del Sole' ed.italiana BLU RAY

Messaggio da Shito » gio gen 25, 2018 10:38 pm

Takkun: i due titoli del film sono proprio due titoli, perché sono i diversi titoli che diverse parti (la produzione, gli autori) volevano per il film.

Non pensare che il giapponese usi l'interpunzione come le lingue latine, o che parimenti ne necessiti.

Le vesti di Hilda sono dichiaratamente ispirate a quelle ainu, infatti Nakoruru in versione "rasetsu" (Rera) è Hilda pure lei.

Anche io ho pensato alla Schtroumpfette, giusto.

Le scene dinamiche con disegni statici, invece, mi fanno sempre pensare al sesto episodio di Top wo Nerae. Quando Anno aveva già lavorato a Hotaru no Haka.

Toto si rivolge a HIlda in modo deferente sino al tradimento di lei, quando la chiama 'Hilda-me!' (ma sullo scenario originale non c'era, diceva "Traditrice!")

Simbolico che Hilda spacchi il gufo con la lama, quasi a obliterare quell'aspetto di sè.

:-)

Ma non stupirti che Takahata riesca a fare verismo simbolista con gli animaletti. Ci riuscirà anche con i testicoli dei tanuki.
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

tasuku
Membro Senpai
Membro Senpai
Messaggi: 312
Iscritto il: sab nov 04, 2006 11:21 am

Re: 'Il Principe del Sole - La grande avventura di Hols' ed.italiana BLU RAY

Messaggio da tasuku » ven gen 26, 2018 12:17 am

Per il titolo, cambierei nuovamente anche quello del thread.

La tua conoscenza in ambito SNK e' sempre utile.
Con questa tua dritta, ho chiuso il cerchio legato all'estetica.

Vero che che Anno e' stato genga in Hotaru no Haka.

Toto la chiama Hilda-sama praticamente per tutto il film (come abbiamo anche Grunwald-sama).
Ma non stupirti che Takahata riesca a fare verismo simbolista con gli animaletti. Ci riuscirà anche con i testicoli dei tanuki.
Per non parlare di quelli dei gatti :wink:

In un film come Gauche, il protagonista non si sorprende che animali parlanti bussino alla sua porta e parlino con lui.
Considerando che il film e' ambientato a Nishio agli inizi del '900, piu' verismo simbolista di cosi' :)

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5406
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard
Contatta:

Re: 'Il Principe del Sole - La grande avventura di Hols' ed.italiana BLU RAY

Messaggio da Shito » ven gen 26, 2018 1:07 pm

Non bisogna del resto dimenticare che la sceneggiatura di Hols è basata su una storia ainu, da cui lo sceneggiatore aveva già tratto un soggetto per il bunraku. Lo sceneggiatore qui è in pratica il soggettista, e a lui si deve molto. Anche il testo delle canzoni di Hilda è farina del suo sacco mi pare.

Chiaramente, tutti i giovani autori avrebbero voluto ambientare la storia in Giappone, ma il mercato chiedeva animazione esotica, filostraniera, occidentale. Quindi, fredo per freddo, dall'Hokkaido a un non meglio precisato paese norreno.

E le vesti ainu restano solo a Hilda, che è il personaggio meno etnico, più fantastico del soggetto, no? :-)
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5406
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard
Contatta:

Re: 'Il Principe del Sole - La grande avventura di Hols' ed.italiana BLU RAY

Messaggio da Shito » ven gen 26, 2018 11:17 pm

Rera official illust by Takkun:

Immagine
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

tasuku
Membro Senpai
Membro Senpai
Messaggi: 312
Iscritto il: sab nov 04, 2006 11:21 am

Re: 'Il Principe del Sole - La grande avventura di Hols' ed.italiana BLU RAY

Messaggio da tasuku » lun gen 29, 2018 11:36 pm

Wow, grazie.

Cercando da solo ero arrivato a QUESTA illustrazione.
E le vesti ainu restano solo a Hilda, che è il personaggio meno etnico, più fantastico del soggetto, no? :-)
Che, come scrivevo, e' l'unico personaggio del film disegnato da Mori Yasuji, ossia colui che 'usava il tempo per discutere sulle paturnie di Hilda' insieme a Takahata :wink:

Btw, quelli la' hanno davvero il coraggio di usare 'Valiant' :|

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5406
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard
Contatta:

Re: 'Il Principe del Sole - La grande avventura di Hols' ed.italiana BLU RAY

Messaggio da Shito » mar gen 30, 2018 2:09 am

La tua illustrazione è Nakoruru, non Rera (la sua versione "negativa").

Nota che Rera ha un lupo grigio (Shikuru) invece del falco (Mamahaha), e ha persino la gemma sul petto, oltre al pattern cromatico viola... ^^

Anche la lunghezza dei capelli e il copricapo non sembrano coincidenziali... non trovi?

L'illustratore del caso si chiama Takkun per davvero, eh! :-)

Immagine
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

jekko
Nuovo Membro
Nuovo Membro
Messaggi: 11
Iscritto il: sab lug 03, 2004 12:08 pm

Re: 'La Grande Avventura di Hols, Il Principe del Sole' ed.italiana BLU RAY

Messaggio da jekko » mer gen 31, 2018 4:20 pm

Shito ha scritto:
sab gen 20, 2018 9:11 am
Ok, ora faccia il bravo (?), mi contraddico e provo a fare una collatio dei miei pensieri su Hols no Daibouken...

CUT

Tornando ancora più indietro ci sono solo la pastorella e lo spazzacamini. Di Prevert e Grimault - forse.

Mi inginocchio a fronte di tale intervento

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5406
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard
Contatta:

Re: 'Il Principe del Sole - La grande avventura di Hols' ed.italiana BLU RAY

Messaggio da Shito » mer gen 31, 2018 7:58 pm

Ringrazio io per la lettura, piuttosto! :-)
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

tasuku
Membro Senpai
Membro Senpai
Messaggi: 312
Iscritto il: sab nov 04, 2006 11:21 am

Re: 'Il Principe del Sole - La grande avventura di Hols' ed.italiana BLU RAY

Messaggio da tasuku » mer gen 31, 2018 11:50 pm

Shito ha scritto:
mar gen 30, 2018 2:09 am
L'illustratore del caso si chiama Takkun per davvero, eh! :-)
Io credevo tu intendessi un 'for' con quel 'by', dato che non capivo :D

L'illustrazione di Nakoruru che avevo trovato mi aveva colpito per il rapace, forse un richiamo a Toto.
Certo, Rera con il lupo grigio e la gemma... ça va sans dire ^^

Btw, e' un peccato che un film come Hols venga per lo piu' ignorato qui dentro e per lo piu' considerato un'anticaglia la' fuori :?

Avatar utente
Slask
Membro
Membro
Messaggi: 90
Iscritto il: mer apr 16, 2014 10:55 am
Contatta:

Re: 'Il Principe del Sole - La grande avventura di Hols' ed.italiana BLU RAY

Messaggio da Slask » ven feb 09, 2018 2:32 am

Dopo una mail inviata a Dynit per avere informazioni, mi hanno risposto che il blu-ray di Hols avrà il solo doppiaggio storico come traccia audio italiana, ma i sottotitoli saranno fedeli alla traccia giapponese.
Per il video dovremmo stare tranquilli, mi hanno confermato che è la versione rimasterizzata che gli hanno fornito dal Giappone.

Il film l'ho visto e rivisto tante volte in vhs (tra questa e quella di Cagliostro, anch'essa consumata, ho conosciuto i due maestri già in tenera età), e non vedevo l'ora che finalmente un distributore italiano serio si accaparrasse i diritti per pubblicare un'edizione decente, dopo anni di vhs e dvd con aspect ratio errati, colori slavati e quant'altro...

Bellissima la disamina di Shito su Hilda e sulle tematiche del film. L'ho voluta leggere con calma in più tranche, e considerato che mi mancano ancora diverse opere citate e confrontate con Il Principe del Sole, pian piano vorrei colmare le lacune.

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5406
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard
Contatta:

Re: 'Il Principe del Sole - La grande avventura di Hols' ed.italiana BLU RAY

Messaggio da Shito » ven feb 09, 2018 10:25 am

Slask ha scritto:
ven feb 09, 2018 2:32 am
Bellissima la disamina di Shito su Hilda e sulle tematiche del film. L'ho voluta leggere con calma in più tranche, e considerato che mi mancano ancora diverse opere citate e confrontate con Il Principe del Sole, pian piano vorrei colmare le lacune.
Grazie per la lettura all'attenzione. E per la lettura. E per l'interesse.

Attenderò ogni tuo commento e paragone. Che bello parlare con persone interessate.
Ultima modifica di Shito il lun feb 12, 2018 3:54 pm, modificato 1 volta in totale.
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Rispondi