Takahata e l'Hanami

Discussioni su gli autori e gli anime Ghibli e Pre-Ghibli

Moderatore: Coordinatori

Rispondi
qu
Membro Senior
Membro Senior
Messaggi: 220
Iscritto il: sab ott 25, 2003 1:06 am

Takahata e l'Hanami

Messaggio da qu » ven apr 06, 2018 4:10 pm

Riflettevo, come sia strano e contemporaneamente intenso che il Maestro sia venuto meno proprio durante la fioritura.

Ormai, approfondito negli "anta" vado anch'io vedendo la meravigliosa bellezza con occhi nuovi, in fondo, quell'immagine di Anna dai Capelli Rossi, in un turbinio di fiori, che mi rimase impressa nella memoria in giovinezza, era sua.
Lo seppi sono tanto tempo dopo, ma la vita, è un viaggio verso la conoscenza: potrei, forse, trovare qualche verso di qualche poeta.

Ma declino, stavolta, in questa semplicità.

Immagine

Sayonara, Paku' San

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5406
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard
Contatta:

Re: Takahata e l'Hanami

Messaggio da Shito » ven apr 06, 2018 6:11 pm

E ancor più nella splendida e tremenda scena di Kaguya, direi.
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Avatar utente
Debris
Ghibliano
Ghibliano
Messaggi: 427
Iscritto il: mar giu 06, 2006 7:28 am

Re: Takahata e l'Hanami

Messaggio da Debris » ven apr 06, 2018 6:31 pm

Immagine


Nella vita non si sa mai che può succedere. Anche se ora, fino ad ora, dovesse sembrarvi che le cose procedano favorevolmente, d'improvviso capita anche di venire sbattuti nel baratro. Per di più, per colmo d'ingiuria, dalle mani di quell'altra persona su cui più si contava. [...] Nella vita è la rassegnazione che è essenziale. Proprio il rassegnarsi, in quali che siano le circostanze, per non abbattersi, non spezzarsi, non scoppiare: per evitare ciò, quello è il segreto. [...] Per quanto orribile, un comportamento, fino a quando questo non sia il prodotto d'una cattiva intenzione, rassegnandosi si può perdonare. Anzi, senza perdonarlo vivere non è possibile! [...] Non c'è alternativa, non c'è scelta, queste parole non sono in alcun modo espressioni soltanto negative, sono cose assolutamente necessarie, per andare a condurre una famiglia in allegria e buona salute, e poi per andare a fronteggiare la vita, attraversandola. Per quanto duro sia quello che ci capita... «be', ma non c'è scelta, no?» Con questa espressione, che a prima vista sembra pessimistica, recitandola come un incantesimo, non resta altro che rialzarsi in piedi, nevvero?

I Miei Vicini Yamada.

No. Non è mia. E' di una amica di penna: Diletta Kary Pasquini.

Un pensiero a chi gli ha voluto bene.

Maestro Takahata siam di fedi diverse ma credo, che da qualche parte, un giorno, ci rivedremo. Per oggi addio. Continuerò a scrivere di lei.

Sono andate via troppe brave persone quest'anno. Troppe.
La lettera uccide,lo spirito salva.

Rispondi