[SPOILER] Gran Torino

Film, al cinema o a casa

Moderatore: Coordinatori

Avatar utente
Ratto Volante
Membro
Membro
Messaggi: 145
Iscritto il: ven feb 27, 2009 1:36 pm
Località: Genova
Contatta:

[SPOILER] Gran Torino

Messaggio da Ratto Volante » mer mar 18, 2009 5:28 pm

Fonte: http://www.cinematografo.it/cinematogra ... agina=4607

Gran Torino
Anno 2008
Durata 116
Origine USA
Colore C
Genere AZIONE, DRAMMATICO, THRILLER
Produzione CLINT EASTWOOD, BILL GERBER, ROBERT LORENZ PER DOUBLE NICKEL ENTERTAINMENT, GERBER PICTURES, MALPASO PRODUCTIONS, MEDIA MAGIK ENTERTAINMENT, VILLAGE ROADSHOW PICTURES, WARNER BROS.
Distribuzione WARNER BROS. PICTURES ITALIA (2009)
Data uscita 13-03-2009

Regia Clint Eastwood
Attori
Clint Eastwood Walt Kowalski
Christopher Carley Padre Janovich
Bee Vang Thao Vang Lor
Ahney Her Sue Lor
Brian Haley Mitch Kowalski
Geraldine Hughes Karen Kowalski
Dreama Walker Ashley Kowalski
Brian Howe Steve Kowalski

Trama Walt Kowalski è un veterano della guerra di Corea con un carattere ruvido che gli fa preferire una vita solitaria con un solo grande amore, quello per la sua auto, una Gran Torino del 1972. Dovrà affrontare i suoi pregiudizi razziali e ritrovare la sua vena migliore quando Thao e Sung, fratello e sorella di origine asiatica e suoi vicini di casa, si metteranno nei guai con una street gang.
Sono andato a vederlo domenica scorsa e che dire, Il vecchio Clint ha colpito ancora con un film bellissimo. Consiglio a tutti di andare a vederlo.
- Una persona è matura. La gente è un animale ottuso pauroso e pericoloso (Agente K)
- La morte è come il sesso al liceo: se sapessi quante volte ci sei andato vicino ti piglierebbe un colpo (George Lass)
- Fletto i muscoli e sono nel vuoto [Rat-Man]

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5405
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard
Contatta:

Re: Gran Torino

Messaggio da Shito » mer mar 18, 2009 5:35 pm

L'ho trovato un film molto interessante, attuale e intenso, ma non sono riuscito a digerire il finale buonista. La fiducia nelle forze dell'ordine che 'mettono tutto apposto' non ha nulla a che fare né col film, né col personaggio, né con la realtà. Purtroppo.
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

D84
Ghibliano
Ghibliano
Messaggi: 707
Iscritto il: sab ago 28, 2004 5:49 pm

Re: Gran Torino

Messaggio da D84 » sab mar 21, 2009 11:44 am

Una
Ultima modifica di D84 il mar dic 22, 2009 6:28 pm, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Buta
Susuwatari
Susuwatari
Messaggi: 1100
Iscritto il: dom ago 14, 2005 4:02 pm
Località: san dona' di piave.

Re: Gran Torino

Messaggio da Buta » mer apr 01, 2009 10:58 pm

Non mi e' piaciuto .

Non tanto perche' mi sono addormentato 4 volte chiedendomi cosa ci facesse un vecchio che FA il vecchio circondato da dei coreani . In realta' ancora me lo chiedo..pero' adesso sono sveglio.

Seriamente diro' che , benche' i tanti messaggi e il "sense " del film siano sempre apprezzabili : La vacuita' dei ( e nei ) rapporti nell america bianca e patinata della provincia ( ancora ed ancora ed ancora ), l integrazione, e ovviamente, la vecchiaia, il film e' racconatato male ed e' inverosimile.

Inverosimile perche' : Mai e poi mai un Americano ( medio intendiamoci, quindi non di grande acume) anziano ex combattente in korea potrebbe anche solo pensare di andare a pranzo con dei coreani- e' la verita' dei fatti e non basta certo l escamotage narrativo dello schifo verso la propria famiglia e per l andazzo della societa'.
E poi, diciamola tutta, il film e' raccontato con una banalita' e una noiosita' agghiacciante...senza contare le esagerazioni e qualche passaggio ridicolo...nonno quando ..si insomma ..muori... il divano e la macchina a chi pensi di darli? perche' sto per andare al college e le seghe col prete...

Anche se volute , per esagerare e per provocare (spero di si), sono uscite veramente pessime.


ed alla fine...cosa ci faceva un vecchio ( al secolo clint eastwood) circondato da dei coreani?


veramente il film fantasy piu' fantasy mai pansato

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5405
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard
Contatta:

Re: Gran Torino

Messaggio da Shito » gio apr 02, 2009 1:48 pm

A parte il fatto che non erano coreani (ma cinesi di etnia Hmong), personalmente ho molto apprezzato il film FINO al finale, terribile.

Ovvero, ho trovato sensibile la totale idioscrasia di un anziano reduce che chiama 'negri' i negri', 'ritardati' i 'ritardati', e probabilmente '[censura]' la nipote con piercing ovunque (ho atteso questa battuta, ma ahimé non è arrivata), con la società buonista e fasulla di oggi. Ed è anche plausibile un certo livello di empatia con una microsocietà, per quanto immigrata e ghettizzata, più simile a questa 'onestà del reale' che è tipica della pre-decadenza. Come dire: io non sono razzista idologicamente, ma questo non vuol dire che debba essere un idiota che non vede la differenza tra uomo e donna, bianco e nero giallo, e ovvietà simili.

Detto questo, il finale è patetico. La scelta finale del personaggio non c'entra nulla con lui come personaggio, col film, con la realtà. Peccato.

Molto bello il personaggio del giovane prete, invece, che tira acqua al mulino della chiesa con una veridicità forse inauspicabile, ma gradevolissima. La battuta del film è "Vuole una birra?" - "Volentieri!". Come dire: dinanzi a una ragazza che si sente 'appartenere alla propria comunità' ed è stata stuprata, l'essere umano vuole il sangue del colpevole. Giustamente.
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Avatar utente
Ratto Volante
Membro
Membro
Messaggi: 145
Iscritto il: ven feb 27, 2009 1:36 pm
Località: Genova
Contatta:

Re: Gran Torino

Messaggio da Ratto Volante » gio apr 02, 2009 2:45 pm

C'è un particolare sul finale che non so quanto sia stato chiaro.
Spoiler:
Lui sa di aver ormai poco da vivere (le visite, lo sputar sangue ecc.) e decide di dare un senso alla sua morte. Ok, forse un po' troppo, ma tutto sommato un po' in linea col personaggio lo è. Un uomo con dei forti valori (anche se ormai passati di moda), che non ha più nulla da chiedere alla vita e sa di aver poco da vivere. In parole povere, "se proprio devo morire, decido io il quando e il perché".
P.S.: @ Buta. Lui si trova in mezzo ai Hmong perché il quartiere è degradato, e gli inquilini "americani" si sono trasferiti altrove, tranne lui. Il degrado di certi quartieri credo sia un fenomeno cui assistiamo anche noi nelle nostre città (ne so qualcosa io, anche se la situazione, per fortuna, non è ancora a quei livelli).

Edit: un piccolo errorino
Ultima modifica di Ratto Volante il gio apr 02, 2009 6:55 pm, modificato 1 volta in totale.
- Una persona è matura. La gente è un animale ottuso pauroso e pericoloso (Agente K)
- La morte è come il sesso al liceo: se sapessi quante volte ci sei andato vicino ti piglierebbe un colpo (George Lass)
- Fletto i muscoli e sono nel vuoto [Rat-Man]

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5405
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard
Contatta:

Re: Gran Torino

Messaggio da Shito » gio apr 02, 2009 2:49 pm

Ratto: va benissimo la scelta della morte da parte del protagonista, e va benissimo anche come senso di espiazione per il peso delle uccisioni perpretrate in guerra. Va benissimo anche che non voglia portarsi il ragazzino dietro, per non sporcarlo come lui ha dovuto sporcarsi, ma... quel personaggio non avrebbe mai potuto avere fiducia nelle istituzione, soprattutto in questo presente, soprattutto in quel quartiere. Non torna. Fosse andato a uccidere i teppisti, conscio che ci sarebbe rimasto secco pure lui, tutto benone. Ma così, è solo acqua di rose e zucchero.
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Avatar utente
Ratto Volante
Membro
Membro
Messaggi: 145
Iscritto il: ven feb 27, 2009 1:36 pm
Località: Genova
Contatta:

Re: Gran Torino

Messaggio da Ratto Volante » gio apr 02, 2009 3:02 pm

Shito ha scritto:Ratto: va benissimo la scelta della morte da parte del protagonista, e va benissimo anche come senso di espiazione per il peso delle uccisioni perpretrate in guerra. Va benissimo anche che non voglia portarsi il ragazzino dietro, per non sporcarlo come lui ha dovuto sporcarsi, ma... quel personaggio non avrebbe mai potuto avere fiducia nelle istituzione, soprattutto in questo presente, soprattutto in quel quartiere. Non torna. Fosse andato a uccidere i teppisti, conscio che ci sarebbe rimasto secco pure lui, tutto benone. Ma così, è solo acqua di rose e zucchero.
Se quello è la stortura del film, ok, ci può anche stare (io avevo inteso tutto il finale), anche se non conosco così bene la realtà americana per poter dire se è vero oppure no. In Italia sarebbe sicuramente un finale assurdo, su quello non ci piove! :wink:
- Una persona è matura. La gente è un animale ottuso pauroso e pericoloso (Agente K)
- La morte è come il sesso al liceo: se sapessi quante volte ci sei andato vicino ti piglierebbe un colpo (George Lass)
- Fletto i muscoli e sono nel vuoto [Rat-Man]

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5405
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard
Contatta:

Re: Gran Torino

Messaggio da Shito » gio apr 02, 2009 3:39 pm

Il brutto è che il finale contraddice anche il materiale del film stesso. Scene prima il protagnonista NON aveva chiamato la polizia (dialogo col prete), ironizzando sulla sua reazione da 'giustiziere di sé stesso'. E per di più il film ci dice bene di quanto sia omertosa quella stessa realtà. Quindi è proprio un finale sbilenco, buonista per forza, come la scena dei credits...
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

The begin of world
Membro
Membro
Messaggi: 122
Iscritto il: sab mar 21, 2009 5:49 pm
Località: Clusane sul Lago(BS)
Contatta:

Re: Gran Torino

Messaggio da The begin of world » gio apr 02, 2009 3:47 pm

non leggo nemmeno uno dei messaggi che scrivete, visto che voglio andare a vederlo...
anche se mi han detto che è un ottimo film...VEDRO' !

( :offtopic: :loool: )

atchoo
Sposino
Messaggi: 3967
Iscritto il: dom apr 13, 2003 1:22 pm

Re: [SPOILER]Gran Torino

Messaggio da atchoo » gio apr 02, 2009 5:51 pm

Potreste correggere i vostri messaggi usando il tag "spoiler", per cortesia?

Avatar utente
Heimdall
Tanuki
Messaggi: 3446
Iscritto il: sab apr 26, 2003 12:39 pm
Località: Rescaldina (Mi)

Re: [SPOILER] Gran Torino

Messaggio da Heimdall » gio apr 02, 2009 5:54 pm

Ho editato il titolo, poiché ormai tutti i messaggi contenevano degli spoiler. Chiedo però agli utenti di prestare maggiore attenzione a quanto sottolineato dal Pupo: non si parla del contenuto di un'opera, magari rivelandone anche il finale senza curare di avere adottato almeno uno di questi accorgimenti:
- utilizzo del tag "spoiler";
- chiara segnalazione della presenza di spoiler nel titolo del topic.
Immagine

Avatar utente
Ratto Volante
Membro
Membro
Messaggi: 145
Iscritto il: ven feb 27, 2009 1:36 pm
Località: Genova
Contatta:

Re: [SPOILER] Gran Torino

Messaggio da Ratto Volante » gio apr 02, 2009 6:56 pm

Hai ragione ed ho provveduto alla modifica.

Chiedo scusa a tutti.
- Una persona è matura. La gente è un animale ottuso pauroso e pericoloso (Agente K)
- La morte è come il sesso al liceo: se sapessi quante volte ci sei andato vicino ti piglierebbe un colpo (George Lass)
- Fletto i muscoli e sono nel vuoto [Rat-Man]

Avatar utente
Buta
Susuwatari
Susuwatari
Messaggi: 1100
Iscritto il: dom ago 14, 2005 4:02 pm
Località: san dona' di piave.

Re: [SPOILER] Gran Torino

Messaggio da Buta » ven apr 03, 2009 1:53 am

P.s. Ratto ero sarcastico.

Avatar utente
Ratto Volante
Membro
Membro
Messaggi: 145
Iscritto il: ven feb 27, 2009 1:36 pm
Località: Genova
Contatta:

Re: [SPOILER] Gran Torino

Messaggio da Ratto Volante » ven apr 03, 2009 7:25 am

Buta ha scritto:P.s. Ratto ero sarcastico.
L'avevo capito, ecco perché che una faccina che strizza l'occhio alla fine. Ad ogni buon conto, è legittimissimo che a te non sia piaciuto e a me si. Pensa che noia (per non dire di peggio) se a tutti piacessero solo le stesse cose! :sorriso2:
- Una persona è matura. La gente è un animale ottuso pauroso e pericoloso (Agente K)
- La morte è come il sesso al liceo: se sapessi quante volte ci sei andato vicino ti piglierebbe un colpo (George Lass)
- Fletto i muscoli e sono nel vuoto [Rat-Man]

Rispondi