Il curioso caso di Benjamin Button

Film, al cinema o a casa

Moderatore: Coordinatori

Rispondi
Avatar utente
dolcemind
Susuwatari
Susuwatari
Messaggi: 1039
Iscritto il: gio ago 10, 2006 12:53 pm
Località: Roma, nei pressi.

Il curioso caso di Benjamin Button

Messaggio da dolcemind » lun mag 04, 2009 8:52 pm

Ho visto che non avete postato nulla su questo eccellente film che vi consiglio.
Lo faccio io adesso, anche se con ritardo.
Un film sul tempo e sulla sua importanza affinchè le persone possano riconoscersi.
Considerando la vita di due persone affini,
c'è un'età in cui si va troppo di fretta,
una in cui gli obiettivi sono diversi,
una in cui si può essere solo amici,
una in cui ci si ama,
una in cui ci si sfiora,
una in cui ci si lascia.
Qual'è il periodo di sovrapposizione di due amanti?
Credo che in ogni persona che incontriamo per strada, sia stampato il tempo
della propria vita, diverso o uguale al nostro. A volte non basta essere affini,
bisogna anche vivere lo stesso tempo.
Mi ha ricordato un film di Hayao Miyazaki, ma non vi dico quale... :wink: (Facile)

Avatar utente
ghila
Chibi Totoro
Chibi Totoro
Messaggi: 1743
Iscritto il: lun gen 24, 2005 11:37 am
Località: Bergamo
Contatta:

Re: Il curioso caso di Benjamin Button

Messaggio da ghila » mer mag 06, 2009 1:39 pm

Fincher è un figo e mi è dispiaciuto non poter assistere alla visione di questa sua ultima fatica al cinema.
Rimedierò, anche perché da quel che scrivi dolcemind deve essere proprio uscito bene! :)
"La paura degli esseri umani è paura di essere Umani" (Marta sui Tubi)

Immagine

Maison
Membro
Membro
Messaggi: 124
Iscritto il: mar mag 06, 2003 6:30 am

Re: Il curioso caso di Benjamin Button

Messaggio da Maison » sab ago 01, 2009 3:43 pm

E' stato abbastanza stroncato dalla critica.
Io l'ho visto e non mi ha entusiasmato, l'idea di fondo era interessante, il modo in cui l'hanno realizzato decisamente meno.

atchoo
Sposino
Messaggi: 3967
Iscritto il: dom apr 13, 2003 1:22 pm

Re: Il curioso caso di Benjamin Button

Messaggio da atchoo » sab ago 01, 2009 9:44 pm

Qui è comunque "verde": http://www.metacritic.com/film/titles/b ... n%20button
70 non è un'acclamazione, ma neppure una stroncatura.

Avatar utente
dolcemind
Susuwatari
Susuwatari
Messaggi: 1039
Iscritto il: gio ago 10, 2006 12:53 pm
Località: Roma, nei pressi.

Re: Il curioso caso di Benjamin Button

Messaggio da dolcemind » dom ago 02, 2009 8:12 am

Maison ha scritto:E' stato abbastanza stroncato dalla critica.
Io l'ho visto e non mi ha entusiasmato, l'idea di fondo era interessante, il modo in cui l'hanno realizzato decisamente meno.
perchè come l'hanno realizzato?
Stroncato dalla critica? Tendo a giudicare le cose di mio, ma riporto
quella di uno di cui mi fido abbastanza:

IL CURIOSO CASO DI BENJAMIN BUTTON
Regia di David Fincher
Con Brad Pitt, Cate Blanchett, Julia Ormond, Tilda Swinton, Jason Flemyng
Fantastico/Drammatico

Mark Twain disse che la vita sarebbe più felice se nascessimo vecchi e morissimo giovani, ispirando il racconto di Scott Fitzgerald che David Fincher dilata (extra-extralarge) in classico ‘film da Oscar’ (mancato) per dimostrare che la tragedia umana è comunque inevitabile. Brad Pitt, abbandonato da neonato dal padre magnate dei bottoni che poi ricucirà il filo, nasce moribondo e rugoso, cresce in un lieto ospizio con una sedia a rotelle per girello, conosce declino e morte di chi gli è caro (e di un esorcista) mentre lui rinvigorisce, innamorato della compagna di favole: il calco in 3D del suo volto ‘innestato’ in corpicini altrui, le espressioni raccolte in un database. Come in una fantacronaca di Baricco, un orologio in lutto va a ritroso dopo la Seconda Guerra Mondiale: parte un’ora di splendido Cinema che ricostruisce un’epoca costruendo un’epica fantastica. Dopo la troppo faticosa parte centrale, s’accende ogni crepuscolo. Lo sceneggiatore di “Forrest Gump” (si vede) scolpisce sensibili commiati degni di “Big Fish”: Cate Blanchett non può allevare il padre in dissolvimento della loro figlia, un diario è letto in ospedale, la cornice tragica stringe sugli azzeccati attimi romantico/giocosi, un neonato si spegne: cortocircuito di commozione.
Alessio Guzzano

Avatar utente
Raghnar
Kodama
Kodama
Messaggi: 1288
Iscritto il: mer mag 03, 2006 8:12 pm
Località: In Viaggio
Contatta:

Re: Il curioso caso di Benjamin Button

Messaggio da Raghnar » dom ago 02, 2009 10:27 pm

A me è piaciuto molto.

Un film giocato sulle simmetrie, con molte delicatezze che cerca di parlare della vita tutta quanta. Un po' vuole la luna e la manca, Forrest Gump l'ho trovato più azzeccato, ma ne risulta comunque un gran bel film.
Somewhere, along the edge of the bell curve.
Ph.Me

Avatar utente
Cobra70
Ghibliano D.O.C.
Ghibliano D.O.C.
Messaggi: 754
Iscritto il: sab ott 14, 2006 12:51 pm
Località: Legnano (MI)

Re: Il curioso caso di Benjamin Button

Messaggio da Cobra70 » lun ago 03, 2009 10:47 am

Ho visto il film e sono rimasto colpito.
Vado a pelle, come spesso faccio coi film... e lascio a parte l'analisi per far spazio alle emozioni!
E le emozioni sono state tante.... confermate dalle mie lacrime dilaganti!
Se è pur vero che ho il "pianto facile" sono rimasto entusiasta di questo film.
Consigliatissimo... almeno dal mio personale punto di vista.
Cobra70

The begin of world
Membro
Membro
Messaggi: 122
Iscritto il: sab mar 21, 2009 5:49 pm
Località: Clusane sul Lago(BS)
Contatta:

Re: Il curioso caso di Benjamin Button

Messaggio da The begin of world » mer ago 05, 2009 8:19 pm

uhm non sò.....
credo che la particolarità(O comunque quella + particolare) dell'ingiovanimento di Button sia stata solo una "cornice", quando mi sarei piuttosto aspettato una di quelle spiegazioni stile di vita, sensi d'identità, verìtà o comunque UNICITA' che invece non ho trovato!

Avatar utente
dolcemind
Susuwatari
Susuwatari
Messaggi: 1039
Iscritto il: gio ago 10, 2006 12:53 pm
Località: Roma, nei pressi.

Re: Il curioso caso di Benjamin Button

Messaggio da dolcemind » gio ago 06, 2009 8:54 am

The begin of world ha scritto: ...
mi sarei piuttosto aspettato una di quelle spiegazioni stile di vita, sensi d'identità, verìtà o comunque UNICITA' che invece non ho trovato!
E' interessante questo tuo commento.
Penso però che nessuno resta uguale a se stesso con il passare del tempo.
Puoi far la prova anche su questo forum.
Rileggendo i tuoi messaggi invecchiati di due o tre anni, potresti trovarli ormai non
più corrispondenti a te stesso (il te di adesso). Prova fra un paio di anni. :D

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5408
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard
Contatta:

Re: Il curioso caso di Benjamin Button

Messaggio da Shito » dom ago 09, 2009 3:42 pm

Si vede che Benjamin veniva dal pianeta Ork.
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

The begin of world
Membro
Membro
Messaggi: 122
Iscritto il: sab mar 21, 2009 5:49 pm
Località: Clusane sul Lago(BS)
Contatta:

Re: Il curioso caso di Benjamin Button

Messaggio da The begin of world » lun ago 10, 2009 12:21 am

uhm non sò...
alla fine più che cambiare, che non mi piace molto come termine, dire che si "cresce" , o si cambia "visuale"...
no sai è che ForrestGump, appunto, a avuto questo stile...
ma il fatto dell'ingiovanimento di Button, avrei voluto non sò, non dico risposte, ma RIFLESSIONI...
comunque non mi dispiace la tua teoria del "VECCHIO POST" e anzi ti dico che già in altri fori, mi capita di leggere mia vecchie battute e non riesco subito a collegarle a me, nonostante siano tuttora geniali...comunque...OT :sorriso:

insomma ...anche compreso che 2 o 3 Cambiamenti o aspetti NoN mi piacciono, come non mi son piaciuti in FG!
ma bè......

Avatar utente
*Kiki*
Membro Senpai
Membro Senpai
Messaggi: 342
Iscritto il: mar mar 31, 2009 6:33 pm

Re: Il curioso caso di Benjamin Button

Messaggio da *Kiki* » lun nov 16, 2009 5:30 pm

Bel film, anche commovente per la scena in cui
Spoiler:
Benjamin abbandona moglie e figlia per non imporre alla piccola l'assurda situazione di un padre che ringiovanisce... :)
Una casa senza libreria è una casa senza dignità,
ha qualcosa della locanda,
è come una città senza librai,
un villaggio senza scuole,
una lettera senza ortografia.

Edmondo De Amicis

Rispondi