Osamu Tezuka: il topic

Nuvole parlanti da tutto il mondo

Moderatore: Coordinatori

Avatar utente
spaced jazz
Susuwatari
Susuwatari
Messaggi: 1120
Iscritto il: mer lug 30, 2003 9:47 pm
Località: Café Alpha

Re: Kimba

Messaggio da spaced jazz »

elfthryth ha scritto:Comunque MW è davvero bello!
M'ero scordato di MW... 8)

Dunque, che dire? Un grande Tezuka.
Una storia dura come poche altre nello scrutare nell'animo umano.
La storia prende l'avvio dallo sterminio dell'intera popolazione di un'isoletta nei pressi di Okinawa dovuto ad una perdita di gas velenoso, l'MW del titolo, da un deposito militare. Gli unici due sopravvissuti, legati dal comune destino e da torbidi segreti, sono un ex-teppista fattosi prete per i sensi di colpa, ed un bambino trasformatosi da vittima innocente a spietato carnefice dal cuore diabolico.
Splendidamente sceneggiato, con i soliti disegni tanto stilizzati e classici quanto espressivi, MW è un Tezuka da avere assolutamente.
Immagine

Avatar utente
spaced jazz
Susuwatari
Susuwatari
Messaggi: 1120
Iscritto il: mer lug 30, 2003 9:47 pm
Località: Café Alpha

Re: Kimba

Messaggio da spaced jazz »

Immagine

E' iniziata per Hazard edizioni la pubblicazione di un altro manga di Osamu Tezuka, uno dei più importanti visto l'impegno dello stesso autore nel portar avanti un progetto per oltre un trentennio. Stiamo parlando de La Fenice, che così viene presentato dall'editore:
Fin dagli esordi della sua carriera, Tezuka aspirò a cimentarsi con un’opera cosmica che potesse esprimere la sua concezione del mondo e della vita, della natura e della storia; il mito della fenice, creatura variamente raffigurata a Oriente e Occidente, e divenuta simbolo universale di morte e risurrezione intrecciandosi con le più antiche dottrine cosmologiche e religiose, ben si prestava a fare da filo conduttore di una tale ambizione monumentale.
Dopo un primo tentativo del 1956, La Fenice (Hi no Tori, “Uccello di fuoco”) impegnò Tezuka a più riprese – tra il 1967 e il 1972, il 1976 e il 1980, il 1986 e il 1988, cioè per tutto il corso della sua evoluzione umana e artistica – come un’opera aperta composta d’innumerevoli variazioni di un unico tema.


Il manga, diviso in cicli, conterà 16 volumi che si snoderanno cronologicamente fra le diverse epoche e culture della storia; al termine dei quali verrà pubblicato anche il citato prequel del 1956 che mi pare di capire sia fuori continuità.
Il primo volume, appena uscito, ci porta in un'epoca che dalle note si deve supporre risalire ad un paio di migliaia di anni or sono, con personaggi certo romanzati, come la regina Himiko, ma risalenti realmente a tradizioni e mitologie della storia nipponica.
Ambientata su un'isola, in cui nei periodi di attività vulcanica appare il misterioso e immortale uccello che dà il titolo all'opera, la trama narra delle vicende di un clan, e in particolare del protagonista, un ragazzo che intende dare la caccia alla Fenice per salvare la sorella malata. Questa verrà invece salvata da un misterioso medico giunto dal mare; seguiranno drammatiche vicende nate dalla bramosia della ricerca dell'immortalità. I contenuti di fondo di questo lavoro, infatti, potrebbero essere ben descritti nell'insoddisfazione umana nell'accettare la vita, nell'anteporre la sfida alla natura mortale dell'uomo alla ricerca della felicità. Il volume riesce bene nell'impresa di coniugare una narrazione interessante ad una profondità di contenuti, anche se bisogna dire che lo stile (questa parte è del 1967) alterna momenti di grande intensità e dramma a scenette comiche piuttosto estemporanee, probabilmente dettate da una natura shonen che forse all'epoca era ancora legata ad una natura prettamente leggera del fumetto per ragazzi, e imponeva di "spezzare" il ritmo per rendere la storia più fruibile, non saprei. Comunque sono dettagli che non inficiano più di tanto la sostanza del manga.
Sicuramente nel corso dell'opera (l'ultimo volume dovrebbe risalire al '88 ) vedremo l'evoluzione dello stile di Tezuka ed una maggiore coesione, come proposto di recente da Hazard in un lavoro dalle tinte fosche e tragiche come MW).

I disegni son quelli classici del Tezuka degli anni '60, l'edizione - rilegata a filo - è valida, mi sembra buona come stampa, con discreta carta e molto bella sovracopertina... il prezzo di 9 euro non è esattamente economico ma sicuramente tiene anche conto del realismo necessario per portare a termine una serie di 17 volumi senza rischi editoriali.

Immagine
Immagine

Avatar utente
spaced jazz
Susuwatari
Susuwatari
Messaggi: 1120
Iscritto il: mer lug 30, 2003 9:47 pm
Località: Café Alpha

Re: Kimba

Messaggio da spaced jazz »

Ho letto il secondo volume de La Fenice, e non posso che confermare le impressioni molto positive... è una serie che già da ora devo cominciare a considerare fra le più essenziali di Tezuka...
Immagine

atchoo
Sposino
Messaggi: 3967
Iscritto il: dom apr 13, 2003 1:22 pm

Re: Kimba

Messaggio da atchoo »

spaced jazz ha scritto:Ho letto il secondo volume de La Fenice, e non posso che confermare le impressioni molto positive... è una serie che già da ora devo cominciare a considerare fra le più essenziali di Tezuka...
Ha uscite così distanziate? Di questo passo ci vorranno anni!

Da parte mia ho letto "La storia dei tre Adolf" e "La Principessa Zaffiro". Devo dire che mi sono piaciuti, il primo soprattutto.

atchoo
Sposino
Messaggi: 3967
Iscritto il: dom apr 13, 2003 1:22 pm

Re: Kimba

Messaggio da atchoo »

RøM ha scritto:
spaced jazz ha scritto:
Soulchild ha scritto: Ma qualcuno (Hazard?) l'Astroboy originale ce l'ha in saccoccia o no?
Quello originale l'ha pubblicato la defunta Comic Art (quella de l'Immortale) una decina di anni fa!!
La C.A. pubblicò solo due albetti (una minima porzione del materiale originale) tradotti male e stampati peggio.
Io medito di procurarmi l'edizione americana della Dark Horse 8)
Seguo poco le uscite: di Astroboy se ne è più saputo qualcosa. Dato che non è stato menzionato qui, immagino di no, ma non si sa mai...

Avatar utente
spaced jazz
Susuwatari
Susuwatari
Messaggi: 1120
Iscritto il: mer lug 30, 2003 9:47 pm
Località: Café Alpha

Re: Kimba

Messaggio da spaced jazz »

atchoo ha scritto: Ha uscite così distanziate? Di questo passo ci vorranno anni!

Da parte mia ho letto "La storia dei tre Adolf" e "La Principessa Zaffiro". Devo dire che mi sono piaciuti, il primo soprattutto.
Beh, in realtà ce l'avevo da un mesetto ma non l'avevo ancora letto... credo sia bimestrale, all'incirca...
Comunque, essendo composto da "cicli" indipendenti (o quasi) di uno o due volumi ciascuno, si può leggere tranquillamente anche con uscite al rallentatore.

Riguardo i due che hai letto... i tre Adolf è riconosciuto come uno dei capolavori di Tezuka (assieme a Black Jack e ora ci metterei anche La Fenice), la principessa Zaffiro non è su quei livelli semplicemente perchè è di 30 anni precedente... se non sbaglio del 1953, ma comunque ha i suoi meriti, fra i quali essere uno dei manga "fondatori" del genere shojo.
Immagine

Avatar utente
Heimdall
Tanuki
Messaggi: 3448
Iscritto il: sab apr 26, 2003 12:39 pm
Località: Rescaldina (Mi)

Re: Kimba

Messaggio da Heimdall »

spaced jazz ha scritto:[...] Riguardo i due che hai letto... i tre Adolf è riconosciuto come uno dei capolavori di Tezuka (assieme a Black Jack e ora ci metterei anche La Fenice), la principessa Zaffiro non è su quei livelli semplicemente perchè è di 30 anni precedente... se non sbaglio del 1953, ma comunque ha i suoi meriti, fra i quali essere uno dei manga "fondatori" del genere shojo.
Per me che avevo incrociato la prima volta lo stile di Tezuka con la principessa Zafiro, "La storia dei tre Adolf" è stata una grossa sorpresa: un manga raro per intensità e approfondimento dei personaggi, per la "crudeltà" della narrazione, che non risparmia al lettore le asperità del secondo conflitto mondiale, l'insensatezza del razzismo
Spoiler:
e la morte di parecchi dei protagonisti.
Peccato che i volumi costino così tanto.
Chi me l'ha suggerito caldeggiava anche il manga su Budda, anche se mi pare che siano parecchi volumi in più dei cinque di "Adolf". Me ne sapete dire qualcosa?
Immagine

Avatar utente
Buta
Susuwatari
Susuwatari
Messaggi: 1100
Iscritto il: dom ago 14, 2005 4:02 pm
Località: san dona' di piave.

Messaggio da Buta »

guarda buon heim...i volumi di buddha sono 14..e costano 10 euro l uno..

ho trovato i primi 8 volumi veramente splendidi..poi va un po calando...

e' un fumetto che cmq insegna molto ..e'consigliato soprattutto per chi vuole approfondire una religione e una cultura ormai alla portata di tutti..miscelato con gli intrecci a cui ci ha abituato il maestro..quindi anche un po' sempliciotto se vogliamo...

appena finito ho regalato i 14 volumi ad un mio caro amico...anche perche' preferisco tenere i 26 volumi di black jack a rappresentare le opere di tezuka...credo sia il suo capolavoro ed e' un fumetto che mi piace davvero tanto...

Avatar utente
RøM
Membro Senpai
Membro Senpai
Messaggi: 384
Iscritto il: sab gen 10, 2004 6:35 pm

Messaggio da RøM »

Buta ha scritto: volumi veramente splendidi..poi va un po calando...

e' un fumetto che cmq insegna molto ..e'consigliato soprattutto per chi vuole approfondire una religione e una cultura ormai alla portata di tutti..
Non tanto, a dire il vero... lo stesso Tezuka disse chiaramente che era un'opera di fantasia e non una ricostruzione fedele.

Avatar utente
Buta
Susuwatari
Susuwatari
Messaggi: 1100
Iscritto il: dom ago 14, 2005 4:02 pm
Località: san dona' di piave.

Messaggio da Buta »

ghghg..ma un po' tutte le storie religiose..soprattutto quelle spacciate per vere..sono opere di fantasia...

non penso che il maestro abbia voluto fare un fumetto sul buddha...senza che questa risulti nel pieno rispetto della disciplina...

Avatar utente
spaced jazz
Susuwatari
Susuwatari
Messaggi: 1120
Iscritto il: mer lug 30, 2003 9:47 pm
Località: Café Alpha

Re: Kimba

Messaggio da spaced jazz »

Heimdall ha scritto: Chi me l'ha suggerito caldeggiava anche il manga su Budda, anche se mi pare che siano parecchi volumi in più dei cinque di "Adolf". Me ne sapete dire qualcosa?
Heim, personalmente anteporrei Black jack (25), due serie brevi (e quindi relativamente poco impegnative sotto il profilo economico) e interessanti come Ayako (3) e MW (3) ma soprattutto mi sta colpendo questa "Fenice" (o questo "La Fenice" :P ) soprattutto per la sua intenzione di visione "cosmica" dell'uomo e della sua civiltà... naturalmente siamo solo all'inizio, ma già ora è Tezuka con la T maiuscola, e chi ne ha letto di più mi dice di aspettarmi molto col proseguire dei volumi e quindi dell'evoluzione stilistica dell'autore (il periodo di realizzazione del manga copre un larghissimo lasso di tempo).
Immagine

Avatar utente
Giggione
Ghibliano
Ghibliano
Messaggi: 592
Iscritto il: ven mar 19, 2004 8:11 pm
Località: Roma

Kimba il film

Messaggio da Giggione »

Salve ragazzi,
scusate se mi aggancio a questo topic ma dato che l'argomento è comunque inerente Kimba ho preferito non essere dispersivo ed evitare di aprire un'altra discussione per una semplice domanda.
La questione riguarda il film "Kimba - La leggenda del Leone Bianco" di Tezuka. Sono riuscito a farmi prestare da un mio amico il film nella versione trasmessa da Italia 1 (non so quanto tempo fa ma credo abbastanza recentemente). Quello che volevo sapere è se quella versione è la stessa del 1965, perchè a vederlo sembra più nuovo.
Questo certo non vorrebbe dire niente perchè il materiale potrebbe essere restaurato. Il fatto è che io ricordo un film simile (non so se sia lo stesso) che vedevo da bambino su qualche emittente privata. Lo trasmettevano continuamente quindi l'ho visto un sacco di volte. Ricordo benissimo l'esodo degli animali, le capanne che vengono inondate con un animale parla (credo un babuino ma non sono sicuro, potrebbe essere una persona).
Il film dovrebbe essere lo stesso ma rivedendo alcune immagini non sono riuscito a riconoscerlo in maniera netta.
Ci tengo perchè quel film pur essendo triste mi da un sacco di nostalgia.

Qualcuno mi sa dare qualche informazione in più?

Grazie mille!

Un salutone
Come sono geniali gli Americani, te la mettono lì, la libertà è alla portata di tutti come la chitarra: ognuno suona come vuole e tutti suonano come vuole la libertà -
da L'America di Giorgio Gaber & Sandro Luporini

Avatar utente
RøM
Membro Senpai
Membro Senpai
Messaggi: 384
Iscritto il: sab gen 10, 2004 6:35 pm

Messaggio da RøM »

Sono due film diversi, uno del 1965, l'altro (quello che hai visto si Italia 1) del 1997.

Avatar utente
Giggione
Ghibliano
Ghibliano
Messaggi: 592
Iscritto il: ven mar 19, 2004 8:11 pm
Località: Roma

Messaggio da Giggione »

Allora mi sa tanto che quello che dico io (quello del 1965) e' introvabile :cry:
Neanche i siti ne parlano. Parlano tutti della serie televisiva e del film del 1997. Al massimo ne fanno una citazione veloce ma di immagini neanche l'ombra...sembra svanito...un vero peccato :?
Come sono geniali gli Americani, te la mettono lì, la libertà è alla portata di tutti come la chitarra: ognuno suona come vuole e tutti suonano come vuole la libertà -
da L'America di Giorgio Gaber & Sandro Luporini

Avatar utente
Markl
Ghibliano
Ghibliano
Messaggi: 496
Iscritto il: sab mar 04, 2006 2:41 pm
Località: Mantova

Messaggio da Markl »

Mi è capitato per le mani il n° 1 di "Buddha" (di Tezuka logicamente), Hazard edizioni.
Mi è piaciuto molto e penso che inizierò a collezionarlo (19 volumi - argh! Meno male che non costano + di 8 euri...).

Se qualcuno ha qualche notizia in merito alla serie menzionata, ben venga ! :)