Su doppiaggi, localizzazioni e adattamenti dei film Ghibli

Discussioni su gli autori e gli anime Ghibli e Pre-Ghibli

Moderatore: Coordinatori

Rispondi
Avatar utente
blefaro
Membro
Membro
Messaggi: 116
Iscritto il: lun gen 02, 2012 11:22 am

Su doppiaggi, localizzazioni e adattamenti dei film Ghibli

Messaggio da blefaro » dom giu 22, 2014 7:43 pm

EDIT by Heimdall: Come richiesto e suggerito da più parti ho quindi aperto un topic dal titolo abbastanza generico affinché vi si possano concentrare tutte le osservazioni relative a doppiaggi e adattamenti in generale.

Ho spostato qui anche la maggior parte degli interventi che ho reputato off-topic rispetto alle precedenti discussioni. Invito chiunque abbia delle osservazioni, delle contestazioni, delle richieste di chiarimento da proporre a Shito e al resto della community sulla materia oggetto del topic, a proporle in questa sede; mi riferisco segnatamente alle osservazioni generali sull'impiego della lingua italiana negli adattamenti Ghibli sin qui proposti.




"Io andrò a depistarli, nel frattempo tu dovrai sgattaiolare via da qui, Chihiro"

Una frase di rara bruttezza, come ormai ci ha abituato l'adattatore; che nel frattempo peggiora in insipienza e arroganza.
non si può vincere contro uno stupido

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5411
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard
Contatta:

Re: Sen to Chihiro no Kamikakushi - fedelmente in italiano

Messaggio da Shito » dom giu 22, 2014 10:44 pm

LoL.

Belfaro ha deciso che il verbo "depistare" e e il verbo "sgattaiolare" sono termini "brutti".

Acci, usa persino i caratteri italici! Ma allora devono essere proprio brutti!

Inchinatevi al gusto sovrano di Blefaro! XD

Che nel frattempo predica sull'arroganza altrui, eh! Attenzione!

Ma cosa c'è di più insipiente e arrogante che ergersi a referente assoluto del gusto?

LoL.
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

pippov
Tanuki
Messaggi: 3564
Iscritto il: dom apr 13, 2003 11:59 am

Re: Sen to Chihiro no Kamikakushi - fedelmente in italiano

Messaggio da pippov » lun giu 23, 2014 10:10 am

Il problema della "critica tanto per criticare" è che poi si va a cercare il difetto anche dove evidentemente non c'è...

Blefaro, quello è italiano corretto e corrente perfino per me, che sono notoriamente uno dei "linguisticamente meno dotati" tra i sostenitoricritici di Shito.
Dai, un osso duro come Lei può sicuramente fare di meglio, non mi deluda proprio adesso!
Si tratta della mia filosofia di vita. Io rispetto tutti, se qualcuno dice che Mourinho non e' meglio di lui sono d'accordo. Ma non posso vivere in questo mondo competitivo pensando che qualcuno sia meglio di me - Jose' Mourinho

Avatar utente
genbu
Kodama
Kodama
Messaggi: 1279
Iscritto il: gio giu 09, 2005 2:47 pm
Località: Roma

Re: Sen to Chihiro no Kamikakushi - fedelmente in italiano

Messaggio da genbu » lun giu 23, 2014 11:13 am

blefaro ha scritto:"Io andrò a depistarli, nel frattempo tu dovrai sgattaiolare via da qui, Chihiro"

Una frase di rara bruttezza, come ormai ci ha abituato l'adattatore; che nel frattempo peggiora in insipienza e arroganza.
Trovi? ...a me sembrano normalissime.
"Durante la mia fanciullezza i dolori e le gioie superavano quelli di ogni altro. Cantavo e piangevo senza ragione, ma sempre sinceramente. Con l'età mi sono guastato. Ma la mente del bambino ritorna in me durante i sogni." Gong Zizhen

Avatar utente
blefaro
Membro
Membro
Messaggi: 116
Iscritto il: lun gen 02, 2012 11:22 am

Re: Sen to Chihiro no Kamikakushi - fedelmente in italiano

Messaggio da blefaro » ven giu 27, 2014 12:47 pm

Conoscendo il significato e l'uso dei termini nella lingua italiana si saprebbe che boyfriend non è né "amichetto" né "fidanzatino", che comunque sarebbero più corretti.
non si può vincere contro uno stupido

pippov
Tanuki
Messaggi: 3564
Iscritto il: dom apr 13, 2003 11:59 am

Re: Sen to Chihiro no Kamikakushi - fedelmente in italiano

Messaggio da pippov » ven giu 27, 2014 1:08 pm

Blefaro, la Sua verve polemica e la Sua capacità argomentativa stanno crollando a livelli veramente bassi.
E io che mi fidavo di Lei...
Si tratta della mia filosofia di vita. Io rispetto tutti, se qualcuno dice che Mourinho non e' meglio di lui sono d'accordo. Ma non posso vivere in questo mondo competitivo pensando che qualcuno sia meglio di me - Jose' Mourinho

Avatar utente
blefaro
Membro
Membro
Messaggi: 116
Iscritto il: lun gen 02, 2012 11:22 am

Re: Sen to Chihiro no Kamikakushi - fedelmente in italiano

Messaggio da blefaro » ven giu 27, 2014 1:26 pm

Shito ha scritto:LoL.

Belfaro ha deciso che il verbo "depistare" e e il verbo "sgattaiolare" sono termini "brutti".

Acci, usa persino i caratteri italici! Ma allora devono essere proprio brutti!

Inchinatevi al gusto sovrano di Blefaro! XD

Che nel frattempo predica sull'arroganza altrui, eh! Attenzione!

Ma cosa c'è di più insipiente e arrogante che ergersi a referente assoluto del gusto?

LoL.
Lei chi è per stabilire che non siano brutti? Quale arroganza! Chi è lei per stabilire che, siccome un termine piace a lei o piace ad alcuni, o in alcuni contesti geografici, possa o debba piacere a tutti?
Lei traduce tirando i dadi... ma il linguaggio non segue le logiche deterministiche che lei sostiene di usare (salvo poi smentirsi a più riprese).

Anche ammettendo che il metodo da lei usato sia valido, sia oggettivo -pur se scelto soggettivamente- e sia usato con coerenza (tutto cose che non corrispondono minimamente a realtà) lei connota terribilmente i suoi testi attraverso scelte sintattiche e lessicali estremamente personali.... ma il problema è che quei testi che lei "adatta" non sono i suoi, sono di qualcun altro, che usa un registro e un tono differente dal suo. E che, a differenza di lei, ha senso dell'ironia, del ritmo, capacità di coinvolgimento e, soprattutto, cose da dire. Piuttosto produca dei suoi personali testi, e li connoti come meglio ritiene...

Lei compie in continuazione lo stesso errore, ("strombazzare", "Boyfriend", "belloccio", "pulzelle", "giunta", "qui", "splendida", "più stupendo", "bestia").... trasforma termini neutri in termini connotati, costruzioni sintattiche comuni in costruzioni sintattiche marcate, inutilmente complicate, registri lessicali piani -pur se arcaici- di molti film in registri lessicali barocchi...

Uno dei significati della Città Incantata è l'importanza delle parole, l'importanza del fatto che nessuno se ne impossessi... lei, imponendo termini e costruzioni "shitesi", di cui sopra e in precedenza ho riportato solo un numero limitatissimo di esempi, si appropria del testo originale, lo manipola, lo trasforma, lo caratterizza fino a renderlo cosa sua... e privando lo spettatore della possibilità di ascoltare qualcosa che assomigli all'originale non solo in senso letterale, ma anche nel tono, nel ritmo, nel respiro.

Se il suo metodo è così valido, perché, a quanto mi risulta, lei è l'unico ad utilizzarlo? Perché leggendo Yoshimoto o Murakami nessuno inciampa sul traduttore? (Ad esempio solo un occhio molto esperto riuscirebbe a cogliere differenze significative tra Pastore e Amitrano)

Lei, rifiutando la prassi artigianale, mimetica, paziente, intelligentemente soggettiva, "caso per caso" dell'attività di traduzione (prassi confermata da molte teorie della traduzione) finge di eludere la sua personale soggettività, quando in realtà la eleva all'ennesima potenza: non fosse altro che per il fatto che i risultati prodotti da questo cosiddetto "metodo" sono radicalmente diversi dai risultati ottenuti da qualunque altro traduttore. Se davvero non esistesse questo approccio così vistosamente soggettivo nessuno parlerebbe di "shitese", cosa che fanno anche molti dei suoi sostenitori, nessuno la contesterebbe e, in definitiva, nessuno si interesserebbe granché di lei e del suo lavoro.

connotazióne s. f. [dal lat. mediev. connotatio -onis, der. di connotare «segnare insieme, in aggiunta»]. – In linguistica, elemento accessorio che, insieme con la denotazione, contribuisce a costituire il significato di una parola in un determinato contesto; consiste nelle sfumature di ordine soggettivo, e cioè i valori allusivi, evocativi, affettivi, che accompagnano l’uso della parola aggiungendosi ai suoi tratti significativi permanenti (per es., piccino, bambino, pupo, fanciullo, bimbo hanno uguale denotazione, ma diversa connotazione, in quanto, pur indicando la stessa classe d’oggetti, evocano risonanze affettive e ambientali diverse; nella parola cuore, alla denotazione di organo anatomico si accompagnano nella comune coscienza varie connotazioni, di disponibilità affettiva ed emotiva, di coraggio, ecc.).
Ultima modifica di blefaro il ven giu 27, 2014 1:33 pm, modificato 1 volta in totale.
non si può vincere contro uno stupido

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5411
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard
Contatta:

Re: Sen to Chihiro no Kamikakushi - fedelmente in italiano

Messaggio da Shito » ven giu 27, 2014 1:32 pm

blefaro ha scritto:
Shito ha scritto:LoL.

Belfaro ha deciso che il verbo "depistare" e e il verbo "sgattaiolare" sono termini "brutti".

Acci, usa persino i caratteri italici! Ma allora devono essere proprio brutti!

Inchinatevi al gusto sovrano di Blefaro! XD

Che nel frattempo predica sull'arroganza altrui, eh! Attenzione!

Ma cosa c'è di più insipiente e arrogante che ergersi a referente assoluto del gusto?

LoL.
Lei chi è per stabilire che non siano brutti?
Non l'ho fatto, infatti.

Non ho detto che non possano risultare tali (brutti) a chicchessia. Ho detto che non perché risultano tali a te -cosa legittimissima- lo debbano essere per tutti. Tutto qui.

Non pensare che siccome tu parli di te come assoluto, anche chi ti risponde lo faccia. Non è così.
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Avatar utente
blefaro
Membro
Membro
Messaggi: 116
Iscritto il: lun gen 02, 2012 11:22 am

Re: Sen to Chihiro no Kamikakushi - fedelmente in italiano

Messaggio da blefaro » ven giu 27, 2014 1:44 pm

Mi pare di capire che lei, nei suoi adattamenti, non si curi molto di come possano suonare i termini e le costruzioni a un ascoltatore medio, dotato di un buon italiano, poiché il grado di risonanza di un termine per questo o quello spettatore è totalmente soggettivo: ciò che piace a uno può dispiacere all'altro.

Se ne deduce che, visto che non è possibile stabilire cosa vada bene all'uno, cosa vada bene all'altro, cosa vada bene a un ascoltatore medio alla cui esistenza lei neanche crede, la scelta dei termini da lei compiuta è totalmente informata alla sua personale soggettività, pur se filtrata da un metodo da lei liberamente e soggettivamente scelto (e non sempre usato con eguale rigore).

La sua è una interpretazione estremamente personale, tanto dei testi quanto del suo ruolo di mediatore linguistico.
non si può vincere contro uno stupido

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5411
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard
Contatta:

Re: Sen to Chihiro no Kamikakushi - fedelmente in italiano

Messaggio da Shito » ven giu 27, 2014 2:15 pm

No, non sei dotato nella deduzione. Hai dedotto in modo del tutto errato, giungendo ad assunti del tutto errati. Delle illazioni tutte tue.

Non dedurre, non ce n'è bisogno: le cose ti sono state spiegate per filo e per segno più e più volte.

Se vuoi sentirle, fosse mai che l'ascolto fosse per te foriero di maggiore comprensione che la lettura, l'ho spiegato anche nell'intervista radiofonica che ho linktato.
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

Avatar utente
blefaro
Membro
Membro
Messaggi: 116
Iscritto il: lun gen 02, 2012 11:22 am

Re: Sen to Chihiro no Kamikakushi - fedelmente in italiano

Messaggio da blefaro » ven giu 27, 2014 2:53 pm

Le sue spiegazioni sono illogiche, insufficienti e contraddittorie.

Se lei dichiara di non adeguarsi a un fantomatico italiano corretto e medio (inteso come lingua), a quale altrettanto fantomatico italiano si adegua?

E comunque, oltre a tutte le altre che le ho posto, comprese le ultime, lei non ha mai davvero risposto alle due domande principali:

1) lei ritiene di poter affermare che i suoi adattamenti non siano linguisticamente connotati?

2) lei ritiene lecito che un adattamento, o una traduzione, possano essere linguisticamente connotati dall'adattatore o dal traduttore?
non si può vincere contro uno stupido

Avatar utente
Palla di fuliggine
Membro Senior
Membro Senior
Messaggi: 222
Iscritto il: lun mar 30, 2009 10:39 am
Località: Pistoia

Re: Sen to Chihiro no Kamikakushi - fedelmente in italiano

Messaggio da Palla di fuliggine » ven giu 27, 2014 4:03 pm

Shito ha scritto:Mi sa che però mischi due scene. [...] Sta per farlo, ma PRIMA di *rientrare* nel tunnel all'uscita. [...]
Una volta uscita, si volta tranquillamente. Prima di correre dai suoi genitori, che sono saliti in macchina, il suo fermacapelli brilla.
E dire che mi sembrava anche di essere stato attento! :sorriso:
Palla di fuliggine ha scritto: Perché nella sua struttura (che poi riprende quella della fiaba "classica")
Shito ha scritto:Ma non era uno degli schemi narrativi classici delle storie?

E tu mi citi i videogiochi?! XD >_<
E io che ho detto? :sorriso2: Il fatto è che ho frequentato più i JRPG che non Vladimir Propp, quindi cito quelli! :lol:

Avatar utente
Shito
Ohmu
Messaggi: 5411
Iscritto il: lun mag 31, 2004 12:36 pm
Località: Iblard
Contatta:

Re: Sen to Chihiro no Kamikakushi - fedelmente in italiano

Messaggio da Shito » ven giu 27, 2014 4:10 pm

blefaro ha scritto:Le sue spiegazioni sono illogiche, insufficienti e contraddittorie.

Se lei dichiara di non adeguarsi a un fantomatico italiano corretto e medio (inteso come lingua), a quale altrettanto fantomatico italiano si adegua?
Non so se ci sei o ci fai.

Cosa sia CORRETTO lo statuiscono i dizionari e la grammatica. Obiettivamente.

Cosa sia 'medio' è un fantasma che citi solo tu, e io per negare una simile esistenza.

Ai moderatori: non so se anche voi vi rammaricate, come me, di vedere un altro ottimo thread, pieno di interventi interessanti e *reali*, deragliare in pretestuose illazioni e in ora pur stringate ma ancora inevitabili confutazioni a seguire. Se così fosse, vi consiglio di splittare il thread per tenere pulito e leggibile questo, e rimettere il rumore di fondo ad altro luogo (thread) ad esso squisitamente dedicato. :-)
"La solitudine è il prezzo da pagare per essere nati in un'epoca così piena di libertà, di indipendenza e di egoistica affermazione individuale." (Natsume Souseki)

danmartin
Nuovo Membro
Nuovo Membro
Messaggi: 6
Iscritto il: lun giu 30, 2014 5:53 am

Su doppiaggi, localizzazioni e adattamenti dei film Ghibli

Messaggio da danmartin » lun giu 30, 2014 5:56 am

blefaro ha scritto:
Shito ha scritto:LoL.

Belfaro ha deciso che il verbo "depistare" e e il verbo "sgattaiolare" sono termini "brutti".

Acci, usa persino i caratteri italici! Ma allora devono essere proprio brutti!

Inchinatevi al gusto sovrano di Blefaro! XD

Che nel frattempo predica sull'arroganza altrui, eh! Attenzione!

Ma cosa c'è di più insipiente e arrogante che ergersi a referente assoluto del gusto?

LoL.
Lei chi è per stabilire che non siano brutti? Quale arroganza! Chi è lei per stabilire che, siccome un termine piace a lei o piace ad alcuni, o in alcuni contesti geografici, possa o debba piacere a tutti?
Lei traduce tirando i dadi... ma il linguaggio non segue le logiche deterministiche che lei sostiene di usare (salvo poi smentirsi a più riprese).

Anche ammettendo che il metodo da lei usato sia valido, sia oggettivo -pur se scelto soggettivamente- e sia usato con coerenza (tutto cose che non corrispondono minimamente a realtà) lei connota terribilmente i suoi testi attraverso scelte sintattiche e lessicali estremamente personali.... ma il problema è che quei testi che lei "adatta" non sono i suoi, sono di qualcun altro, che usa un registro e un tono differente dal suo. E che, a differenza di lei, ha senso dell'ironia, del ritmo, capacità di coinvolgimento e, soprattutto, cose da dire. Piuttosto produca dei suoi personali testi, e li connoti come meglio ritiene...

Lei compie in continuazione lo stesso errore, ("strombazzare", "Boyfriend", "belloccio", "pulzelle", "giunta", "qui", "splendida", "più stupendo", "bestia").... trasforma termini neutri in termini connotati, costruzioni sintattiche comuni in costruzioni sintattiche marcate, inutilmente complicate, registri lessicali piani -pur se arcaici- di molti film in registri lessicali barocchi...

Uno dei significati della Città Incantata è l'importanza delle parole, l'importanza del fatto che nessuno se ne impossessi... lei, imponendo termini e costruzioni "shitesi", di cui sopra e in precedenza ho riportato solo un numero limitatissimo di esempi, si appropria del testo originale, lo manipola, lo trasforma, lo caratterizza fino a renderlo cosa sua... e privando lo spettatore della possibilità di ascoltare qualcosa che assomigli all'originale non solo in senso letterale, ma anche nel tono, nel ritmo, nel respiro.

Se il suo metodo è così valido, perché, a quanto mi risulta, lei è l'unico ad utilizzarlo? Perché leggendo Yoshimoto o Murakami nessuno inciampa sul traduttore? (Ad esempio solo un occhio molto esperto riuscirebbe a cogliere differenze significative tra Pastore e Amitrano)

Lei, rifiutando la prassi artigianale, mimetica, paziente, intelligentemente soggettiva, "caso per caso" dell'attività di traduzione (prassi confermata da molte teorie della traduzione) finge di eludere la sua personale soggettività, quando in realtà la eleva all'ennesima potenza: non fosse altro che per il fatto che i risultati prodotti da questo cosiddetto "metodo" sono radicalmente diversi dai risultati ottenuti da qualunque altro traduttore. Se davvero non esistesse questo approccio così vistosamente soggettivo nessuno parlerebbe di "shitese", cosa che fanno anche molti dei suoi sostenitori, nessuno la contesterebbe e, in definitiva, nessuno si interesserebbe granché di lei e del suo lavoro.

connotazióne s. f. [dal lat. mediev. connotatio -onis, der. di connotare «segnare insieme, in aggiunta»]. – In linguistica, elemento accessorio che, insieme con la denotazione, contribuisce a costituire il significato di una parola in un determinato contesto; consiste nelle sfumature di ordine soggettivo, e cioè i valori allusivi, evocativi, affettivi, che accompagnano l’uso della parola aggiungendosi ai suoi tratti significativi permanenti (per es., piccino, bambino, pupo, fanciullo, bimbo hanno uguale denotazione, ma diversa connotazione, in quanto, pur indicando la stessa classe d’oggetti, evocano risonanze affettive e ambientali diverse; nella parola cuore, alla denotazione di organo anatomico si accompagnano nella comune coscienza varie connotazioni, di disponibilità affettiva ed emotiva, di coraggio, ecc.).
Sottoscrivo tutto. Non avrei saputo dirlo meglio di così.

Avatar utente
blefaro
Membro
Membro
Messaggi: 116
Iscritto il: lun gen 02, 2012 11:22 am

Re: Sen to Chihiro no Kamikakushi - fedelmente in italiano

Messaggio da blefaro » lun giu 30, 2014 6:06 am

Shito ha scritto:
blefaro ha scritto:Le sue spiegazioni sono illogiche, insufficienti e contraddittorie.

Se lei dichiara di non adeguarsi a un fantomatico italiano corretto e medio (inteso come lingua), a quale altrettanto fantomatico italiano si adegua?
Non so se ci sei o ci fai.

Cosa sia CORRETTO lo statuiscono i dizionari e la grammatica. Obiettivamente.

Cosa sia 'medio' è un fantasma che citi solo tu, e io per negare una simile esistenza.

Ai moderatori: non so se anche voi vi rammaricate, come me, di vedere un altro ottimo thread, pieno di interventi interessanti e *reali*, deragliare in pretestuose illazioni e in ora pur stringate ma ancora inevitabili confutazioni a seguire. Se così fosse, vi consiglio di splittare il thread per tenere pulito e leggibile questo, e rimettere il rumore di fondo ad altro luogo (thread) ad esso squisitamente dedicato. :-)
Intanto si dice "stabiliscono" e non "statuiscono", il suo "latinorum" non mi impressiona affatto. "Il più viene dal maligno", diceva un tale.

La prego di non dare consigli ai moderatori: mi risulta ben chiaro lei non ami le critiche e ritenga interessante e degno di attenzione solo ciò che la gratifica, in maniera che, se fossi io al posto suo, riterrei addirittura imbarazzante; ma troverei eccessivo pensare che una discussione debba essere una sua personale agiografia, con la censura dei pensieri da essa discordanti.

Guardi che riuscire a parlare solo con chi la innalza su un piedistallo non depone affatto a suo favore...

Io le ho fatto solo delle domande ben poste al quale lei non sa e non vuole rispondere perché non può.
Lei ritiene di non connotare i suoi adattamenti? Lei ritiene che un traduttore/adattatore possa connotare i propri adattamenti? A quale italiano fa riferimento quando lei adatta? I dizionari e la grammatica non dicono tutto....

Personalmente anche io sono in dubbio se lei "ci è o ci fa", per usare la stessa sua espressione scortese.

"Lei compie in continuazione lo stesso errore, ("strombazzare", "Boyfriend", "belloccio", "pulzelle", "giunta", "qui", "splendida", "più stupendo", "bestia").... trasforma termini neutri in termini connotati, costruzioni sintattiche comuni in costruzioni sintattiche marcate, inutilmente complicate, registri lessicali piani -pur se arcaici- di molti film in registri lessicali barocchi..."
non si può vincere contro uno stupido

Rispondi